Emicrania: arriva l’erenumab per i casi intrattabili

L’emicrania è una condizione neurologica invalidante per la quale non esiste ancora una cura. Un episodio può durare fino a 72 ore ed è spesso accompagnato da altri sintomi debilitanti, come vomito, vertigini, intorpidimento alle mani o ai piedi e compromissione della vista. Si stima che oltre 4 milioni di persone negli Stati Uniti soffrono di emicrania cronica quotidiana, il che significa che hanno un attacco su almeno 15 giorni al mese. Un nuovo farmaco offre una nuova speranza a milioni di persone che soffrono di emicrania resistente al trattamento. Il farmaco, chiamato erenumab, si è dimostrato efficace nelle persone che avevano fallito fino a quattro trattamenti preventivi precedenti. Il nuovo studio è stato condotto dal Dr. Uwe Reuter, presso l’Università di Medicina di Berlino in Germania. I risultati del team danno speranza ai 36 milioni di persone negli Stati Uniti le cui vite sono ostacolate dalle emicranie. Per queste persone, le nuove scoperte – che saranno presentate alla 70a Riunione Annuale dell’American Academy of Neurology, tenutasi a Los Angeles, in California – potrebbero apportare sollievo. Il farmaco erenumab (un anticorpo monoclonale) è stato testato in persone con emicrania particolarmente difficile che era stata resiliente al trattamento.

Il composto ha ridotto gli attacchi di emicrania del 50% per un terzo dei partecipanti allo studio. Il Dr. Reuter e il team hanno reclutato 246 persone con emicrania episodica che era stata fallita da precedenti trattamenti. Più in particolare, il 39% dei partecipanti aveva provato due precedenti farmaci inutilmente, il 38% era stato trattato senza successo con tre farmaci e il 23% aveva provato quattro farmaci ma non aveva avuto successo. I partecipanti – che avevano in media nove emicranie al mese, all’inizio dello studio – erano divisi in due gruppi: un gruppo ha ricevuto iniezioni di 140 milligrammi del nuovo farmaco, mentre l’altro ha ricevuto un placebo. Tre mesi dopo il trattamento, il 30% dei pazienti con emicrania nel gruppo di intervento aveva ridotto del 50% il numero dei loro attacchi mensili, mentre solo il 14% di quelli nel gruppo placebo aveva ridotto i loro attacchi della metà. Ciò significa che coloro che hanno ricevuto il trattamento erano quasi tre volte più probabilità di dimezzare i loro attacchi. È importante sottolineare che il farmaco non ha presentato apparenti effetti collaterali, il che implica una selettività e specificità d’azione senza precedenti.

 Il dott. Reuter commenta i risultati dello studio, dicendo: “Le persone che abbiamo incluso nel nostro studio erano considerate più difficili da trattare, il che significa che fino a quattro altri trattamenti preventivi non avevano funzionato per loro. In particolare, l’erenumab inibisce un recettore per un ormone chiamato peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP), che è responsabile dell’invio di segnali di dolore emicranico. Poiché l’erenumab occupa il recettore stesso, CGRP non ha alcun legame con i nostri risultati. Le emicranie dei pazienti coinvolti erano difficili da prevenire, ma in realtà potrebbero avere la speranza di trovare sollievo dal dolore. Ora sono necessarie ulteriori ricerche per capire chi è più propenso a beneficiare di questo nuovo trattamento”. E non a torto. Considerato che l’emicrania ed altre forme correlate di mal di testa sono una causa importante di compromissione della qualità di vita di milioni di persone, trovare un rimedio efficace e che possa anche prevenire gli episodi è una sfida prioritaria per la sanità pubblica.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Raffaelli B, Reuter U. Neurotherapeutics. 2018 Apr 3. 

Lipton RB, Brennan A et al. J Med Econ. 2018 Apr 3:1-10.

Dodick DW et al. Cephalalgia 2018:333102418759786.

Giamberardino MA et al. J Pain Res. 2017;10:2751-2760.

Goadsby PJ et al. N Engl J Med. 2017 Nov; 377(22):2123.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it