Diabete e rischio tumori: le donne più esposte degli uomini

La ricerca suggerisce che una diagnosi di diabete conduce una persona ad un aumentato rischio di vari tipi di cancro. Ora, una revisione che analizza i dati raccolti da 47 studi di tutto il mondo – tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Australia e Giappone, per citarne solo alcuni – conferma, senza ombra di dubbio, che il diabete aumenta il rischio di cancro. Gli autori dello studio osservano che le donne con diabete sono particolarmente colpite. Sembrano essere più esposti degli uomini allo sviluppo di tumori maligni. I risultati di questa revisione globale, che ha valutato i dati relativi alla salute di quasi 20 milioni di persone, sono discussi in un documento ora pubblicato sulla rivista Diabetologia. La revisione è stata condotta da ricercatori guidati dal dott. Toshiaki Ohkuma, del George Institute for Global Health dell’Università del New South Wales a Sydney, in Australia. I suoi colleghi sono stati accolti dall’Università di Oxford e dalla Johns Hopkins University di Baltimora, MD.

Il Dr. Ohkuma ed il suo team hanno scoperto non solo che il diabete, sia di tipo 1 che di tipo 2, mette le persone a rischio di sviluppare specifici tipi di cancro, ma anche che questo rischio è molto più alto per le donne di quanto non lo sia per gli uomini. Le donne con diabete sono il 27% più inclini a sviluppare il cancro, rispetto alle donne sane. Al contrario, gli uomini con diabete hanno il 19% in più di probabilità di sviluppare il cancro rispetto agli uomini sani. E le donne con diabete sono il 6% più probabili degli uomini con la stessa diagnosi di sviluppare un tipo di cancro. In particolare, contrariamente agli uomini con una diagnosi di diabete, le donne con questa condizione hanno un rischio dell’11% più elevato di sviluppare il carcinoma renale, un rischio maggiore del 13% per il cancro orale e una probabilità maggiore del 14 percento di sviluppare il cancro allo stomaco, così come una probabilità maggiore del 15% di essere diagnosticata con la leucemia. Un’eccezione era il cancro al fegato, per il quale gli uomini con diabete hanno un rischio maggiore del 12% rispetto alle donne con la stessa condizione metabolica.

Il legame tra diabete e rischio di sviluppare il cancro è ormai consolidato. Il team ha anche dimostrato per la prima volta che le donne con diabete hanno maggiori probabilità di sviluppare qualsiasi forma di cancro e hanno una probabilità significativamente maggiore di sviluppare tumori, orali e cancro allo stomaco e leucemia. Perché il diabete aumenta la vulnerabilità al cancro? I meccanismi che guidano questa predisposizione sono ancora poco conosciuti. Tuttavia, alcuni ricercatori sostengono che livelli troppo alti di glucosio nel sangue possono arrecare danno al DNA di una persona attraverso lo stress ossidativo, aumentando così il rischio di cancro. E perché le donne, in particolare, sono più a rischio degli uomini? La coautrice dello studio, la dott.ssa Sanne Peters, ritiene che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che le donne vivono in media con condizioni di pre-diabete per 2 anni in più rispetto agli uomini, il che può contribuire ad esacerbare la loro vulnerabilità al cancro.

Inoltre, il diabete nelle donne aumenta il rischio di tumori ginecologici, principalmente del carcinoma mammario e uterino. In particolare, i pazienti diabetici con iperglicemia stabile cronica o con valori glicemici instabili e fluttuanti sono i più vulnerabili. Ed è stato appena pubblicato un lavoro sulla rivista Nature, che descrive in dettaglio molecolare un possibile legame fra diabete e cancro regolabile dal farmaco metformina. Questo esercita parte dei suoi effetti tramite una protein-chinasi attivata dell’adenosina-monofosfato (AMPK-alfa), che poi modifica molte altre proteine a valle. L’insieme delle modifiche a valle è poi responsabile degli effetti metabolici. Una delle proteine adesso scoperte essere modificata dalla AMPK-alfa è un soppressore tumorale chiamato TET2. Dopo regolazione dal parte della chinasi, l’enzima TET2 si stabilizza e protegge il DNA da modifiche che destabilizzano la cromatina. Al contrario, se si espongono cellule in coltura a troppo glucosio, la AMPK-alfa non stabilizza TET2 e l’espressione genica può andare potenzialmente incontro a problemi.

Ma a parte i progressi della comprensione sui dettagli, che possono comportare l’elaborazione di strategie terapeutiche, ci sono anche altri motivi. “Storicamente, è noto che le donne sono spesso curate male quando presentano per la prima volta sintomi di diabete, hanno meno probabilità di ricevere cure intensive e non assumono gli stessi livelli di farmaci degli uomini. Tutti questi, potrebbero in qualche modo spiegare perché le donne sono più a rischio di sviluppare il cancro. Ma senza ulteriori ricerche non possiamo essere certi. Chiede uno sforzo più concertato per indagare le radici di queste differenze specifiche del sesso. Le differenze che abbiamo riscontrato non sono insignificanti e devono essere affrontate”, sottolinea Peters. “Più guardiamo alla ricerca specifica di genere, più scopriamo che le donne non sono solo curate male, ma hanno anche fattori di rischio molto diversi per un intero spettro di malattie, tra cui ictus, malattie cardiache e ora il diabete”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ohkuma T et al. Diabetologia 2018 Jul 20.

Murff HJ et al. Cancer Causes Control 2018 Jul 18.

Wu D, Hu D et al., Shi YG. Nature. 2018 Jul 18.

Lohmann AE et al. JNCI Cancer Spectr. 2018 Apr; 2(2).

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2479 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it