sabato, Luglio 13, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

MCMS: il nuovo subtipo di sclerosi multipla con perdita cellulare

La sclerosi multipla (SM) è molto imprevedibile; i suoi sintomi possono variare da relativamente lievi a invalidanti. Potrebbe anche causare un grave disturbo tra il cervello e il corpo. Attualmente non esiste una cura per la SM. I ricercatori che hanno fatto la nuova scoperta, dalla Cleveland Clinic in Ohio, ritengono che le loro scoperte aumentino la comprensione scientifica di come i meccanismi alla base della SM differiscono da caso a caso. Il team ha nominato il nuovo sottotipo di sclerosi multipla come mielocorticale  (MCMS). Scrivono sulla rivista Lancet Neurology che MCMS è caratterizzato dalla morte delle cellule nervose del cervello, ma senza alcun danno al rivestimento protettivo dei neuroni, che è un marchio tradizionale della SM. Tipicamente nella SM, le cellule immunitarie distruggono questa sostanza proteica grassa conosciuta come la mielina in un processo noto come demielinizzazione. In precedenza, gli scienziati avevano ipotizzato che la demielinizzazione fosse ciò che alla fine porta alla morte dei neuroni nella SM. È la morte neuronale che causa disabilità irreversibile nelle persone con SM, quindi capire perché i neuroni muoiono è la chiave per identificare nuovi bersagli terapeutici per la malattia. I segni di MCMS nel tessuto cerebrale, tuttavia, sono indistinguibili da quelli della SM tradizionale se osservati con la risonanza magnetica.

Solo esaminando il tessuto postmortem di persone con SM i ricercatori sono stati in grado di identificare il nuovo sottotipo; hanno scoperto che alcune lesioni ritenute indicative della perdita di mielina alla risonanza magnetica erano, invece, segni di gonfiore neuronale. Nel nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato il tessuto cerebrale postmortem di 100 persone con SM che avevano donato il cervello alla ricerca scientifica. I ricercatori hanno determinato da questa analisi che 12 dei cervelli non avevano sperimentato la demielinizzazione. Il team ha poi eseguito un confronto microscopico di questi 12 cervelli con 12 cervelli che esibivano i tradizionali segni di demielinizzazione della SM, così come il cervello di persone che non avevano malattie neurologiche. I cervelli classificati come MCMS e quelli che mostravano segni di demielinizzazione mostravano entrambe lesioni considerate tipiche della SM nel midollo spinale e nella corteccia cerebrale. Entrambi i gruppi di cervelli avevano una densità inferiore di neuroni rispetto al cervello di persone sane. Tuttavia, solo il cervello considerato dai ricercatori per avere la SM tradizionale aveva lesioni nella sostanza bianca del cervello, che comprende la mielina. Queste informazioni sono preoccupanti da un certo punto di vista, poiché la perdita di neuroni nel cervello è classicamente associata allo sviluppo di problemi cognitivi. I ricercatori non ne hanno ancora prove, ma la MCMS potrebbe essere un tipo più severo di SM associato alla comparsa di demenza.

Gli autori hanno concluso che la degenerazione dei neuroni del cervello e la demielinizzazione sono funzioni della SM che possono verificarsi separatamente e che sono necessarie nuove tecniche di neuro-imaging per diagnosticare accuratamente questi sottotipi distinti nei pazienti viventi. Daniel Ontaneda, direttore clinico del Programma di Donazione Cerebrale presso il Centro Mellen per il trattamento e la ricerca nella SM di Cleveland Clinic, spiega: “L’importanza di questa ricerca è duplice: l’identificazione di questo nuovo sottotipo SM evidenzia la necessità di sviluppare strategie più sensibili per diagnosi e comprensione della patologia della MCMS. Siamo fiduciosi che queste scoperte porteranno a nuove strategie di trattamento personalizzato per i pazienti che vivono con diverse forme di SM”. Il team leader Bruce Trapp, presidente emerito di ricerca biomedica, conclude: “Questo studio apre una nuova arena nella ricerca sulla SM: è il primo a fornire prove patologiche che la degenerazione neuronale possa verificarsi senza la perdita della mielina nella sostanza bianca nel cervello dei pazienti con malattia. Questa informazione evidenzia la necessità di terapie combinate per arrestare la progressione della disabilità nella SM”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Trapp BD et al., Rudick RA. Lancet Neurol. 2018 Aug 21.

Mahajan KR, Ontaneda D. Neurotherapeutics 2017;14(4):905-923.

Tardif CL et al., Pike GB. Mult Scler Int. 2012; 2012:742018.

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Esercizio leggero: per la buona salute dell’uomo di mezza età

L'esercizio fisico moderato è da sempre raccomandato dalla comunità medica come complemento di una buona salute. Secondo i ricercatori, gli esercizi a bassa intensità...

Arteriopatia periferica: gli studi condotti sui benefici degli acidi omega-3

L'arteriopatia periferica è una malattia del sistema circolatorio caratterizzata dalla riduzione dell'afflusso di sangue alle arterie degli arti superiori e inferiori, dovuto all'ostruzione e al restringimento di queste ultime. Interessa più...

Schizofrenia: un additivo alimentare sensibilizza i casi resistenti alla terapia

Il benzoato di sodio, comune ed innocuo conservante alimentare (E212), migliora i sintomi nei pazienti con schizofrenia resistenti alla clozapina, secondo un nuovo studio pubblicato in...

Questo si chiuderà in 20 secondi