giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Anti-aging: età lunga va bene, ma le condizioni fisiche come le scegliamo?

 

L’aspettativa di vita globale è raddoppiata dal 1900. Questa è una buona notizia. Ma la vecchiaia comporta un graduale declino del funzionamento fisico, come la capacità di camminare, vestirsi e fare il bagno. Tali difficoltà con le attività quotidiane di base possono aggravare altre condizioni legate all’età e incidere gravemente sulla qualità della vita degli anziani. I telomeri sono fortemente implicati nel processo di invecchiamento. Queste sequenze di DNA all’estremità di ciascun cromosoma sono spesso paragonate alle punte in plastica dei lacci delle scarpe, che servono a proteggere i cromosomi dalla sfilacciatura e dall’adesione reciproca. Agiscono anche come misura dell’età di una cellula: la loro lunghezza si accorcia progressivamente a ogni round di divisione cellulare durante la vita di una persona. Una volta raggiunta una lunghezza critica, la cellula smette di dividersi, il che può portare a disfunzioni nei tessuti e negli organi. Le persone anziane con telomeri cromosomici corti hanno maggiori probabilità di avere difficoltà a svolgere attività quotidiane come trasportare generi alimentari, salire le scale e camminare; questo è quello che ha trovato un nuovo studio su oltre 1.200 persone provenienti da cinque paesi europei.

Pubblicato su Frontiers in Physiology, il risultato è valido indipendentemente dalla posizione geografica, dall’età, dal sesso o dal peso, il che suggerisce che i telomeri corti sono un fattore di rischio indipendente per il declino funzionale correlato all’età. Lo studio apre la possibilità che gli sforzi per rallentare l’accorciamento dei telomeri possano avere un effetto positivo sull’abilità fisica nella vecchiaia. “Mentre diversi fattori ambientali e di stile di vita possono contribuire a ridurre la funzione fisica tra gli anziani, i meccanismi biologici per questo declino correlato all’età sono in gran parte sconosciuti”, afferma Dr Fawzi Kadi dell’Università di Örebro, Svezia. “Il nostro studio suggerisce che la lunghezza dei telomeri potrebbe essere un fattore biologico alla base del declino funzionale delle popolazioni anziane“. Brevi telomeri sono legati alla mortalità più elevata negli anziani e ad alcuni disturbi cardiovascolari e metabolici – ma fino ad ora non è stato trovato alcun legame conclusivo tra la lunghezza dei telomeri e il funzionamento fisico. Un problema è che diverse misure di funzionamento fisico sono state utilizzate in diversi studi. Un altro è che la lunghezza dei telomeri può variare ampiamente tra persone e popolazioni diverse.

Per superare questi limiti, Kadi e un team internazionale di ricercatori hanno studiato più di 1.200 uomini e donne anziani di cinque paesi europei: Regno Unito, Paesi Bassi, Francia, Italia e Polonia. Hanno misurato il funzionamento fisico attraverso un’autovalutazione ampiamente utilizzata dell’attività quotidiana e il funzionamento muscolare tramite un test di resistenza all’impugnatura. I risultati sono stati poi confrontati con la lunghezza dei telomeri, misurata dai globuli bianchi dei partecipanti. Contrariamente ad alcuni studi precedenti, il team non ha trovato alcuna relazione significativa tra forza dell’impugnatura e lunghezza dei telomeri. Tuttavia, i partecipanti con i telomeri più corti avevano maggiori probabilità di avere una ridotta funzione fisica. Anche se uomini e donne avevano una lunghezza telomerica media diversa, così come persone provenienti da diversi paesi, questa scoperta ha resistito a sesso, età, posizione geografica e peso. “I partecipanti allo studio hanno diversi background genetici e ambientali e mostrano lunghezze variabili dei telomeri – ma anche tenendo conto di ciò, i risultati stabiliscono un legame significativo tra lunghezza dei telomeri e vincoli fisici associati all‘invecchiamento“, afferma Kadi.

È interessante notare che il grado di abilità fisica non è diminuito linearmente con la lunghezza dei telomeri. Invece, solo le persone con i telomeri più corti avevano una maggiore probabilità di limitazioni fisiche. Ciò supporta la nozione di telomeri che hanno bisogno di raggiungere una certa lunghezza prima che qualsiasi effetto di questo accorciamento sia evidente. “Si ipotizza che la capacità di riparazione dei tessuti venga compromessa quando la lunghezza dei telomeri scende al di sotto di una soglia critica“, afferma Kadi. “Il nostro romanzo, trovando che l’influenza della lunghezza dei telomeri sulla limitazione funzionale è guidata dall’effetto dannoso di avere telomeri brevi, piuttosto che riflettere una relazione dose-risposta lineare, è in linea con questa ipotesi.” I ricercatori avvertono che lo studio non indica un effetto diretto della lunghezza dei telomeri sulla limitazione funzionale, né pretende di coprire tutti gli aspetti della funzione fisica che possono essere rilevanti per la lunghezza dei telomeri. Osservano inoltre che anche altri fattori non inclusi nello studio potrebbero influenzare la relazione tra lunghezza dei telomeri e declino funzionale. Tuttavia, i risultati sollevano la possibilità che gli sforzi per rallentare l’accorciamento dei telomeri possano avere un effetto positivo sull’abilità fisica nella vecchiaia.

Allora, cosa preferite, vivere fino a settant’anni in perfetta salute o vivere fino a cento nelle peggiori delle condizioni? Tutto sta allo stile di vita.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Montiel Rojas D et al., Kadi F. Front Physiol. 2018 Aug 10;9:1110.

Sillanpää E et al., Twin Res Hum Genet. 2017 Apr; 20(2):119-131. 

Mackey AL, Rasmussen LK, Kadi F et al.  FASEB J. 2016; 30(6):2266. 

Kadi F, Ponsot E. Scand J Med Sci Sports. 2010 Feb; 20(1):39-48.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Pessimismo: serve, specialmente se diventa costruttivo

Introduzione La nostra cultura è satura di messaggi ottimistici, che ci incoraggia a pensare positivamente, dalla strada alla televisione.  Messaggi per indurci a credere che...

Il risveglio delle cellule tumorali dopo decenni: decifrato il meccanismo per il tumore al seno

Gli scienziati hanno scoperto perché le cellule del cancro al seno che si sono diffuse ai polmoni possono "risvegliarsi" dopo anni di "sonno", formando...

L’intestino è il secondo cervello: ma i suoi neuroni sono i batteri

L'obesità e il diabete sono seri problemi di salute pubblica in tutto il mondo. Dal 1975, la prevalenza loro mondiale è quasi triplicata. I...