venerdì, Maggio 31, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Scompenso cardiaco: per le donne si ritarda con lunghe camminate

Secondo stime recenti, quasi 5 milioni di persone negli Stati Uniti hanno insufficienza cardiaca congestizia. Oltre mezzo milione di casi vengono diagnosticati ogni anno. Nell’insufficienza cardiaca congestizia, il cuore non sta pompando sangue come dovrebbe. L’insufficienza cardiaca si manifesta in due modi principali: i muscoli del cuore si indeboliscono, o diventano rigidi e perdono la loro elasticità. Anche se la condizione colpisce persone di tutte le età, è più diffusa tra gli anziani di età superiore ai 60 anni. L’American Heart Association raccomanda che le persone a rischio evitino di fumare, faciano più attività fisica e mangino alimenti sani per il cuore. L’insufficienza cardiaca della frazione di eiezione ridotta si verifica quando il lato sinistro del cuore pompa meno sangue nel corpo del normale. Nello specifico, la frazione di eiezione normale – che misura la quantità di sangue che viene pompata dal ventricolo sinistro nel corpo in un battito cardiaco – supera il 55%. In caso di insufficienza cardiaca di eiezione ridotta, questa percentuale scende al 40% o meno. Nell’insufficienza cardiaca della frazione di eiezione conservata, questa percentuale può essere superiore al 50% e sembra quindi essere normale. Tuttavia, se i muscoli del cuore sono troppo spessi o rigidi, la quantità iniziale di sangue che i ventricoli possono trattenere potrebbe già essere troppo piccola per ciò di cui il corpo ha bisogno.

Un nuovo studio approfondisce una di queste potenziali strategie di prevenzione. I ricercatori dell’Università di Buffalo di New York hanno cercato di indagare sul modo in cui la deambulazione colpisce due sottotipi di insufficienza cardiaca: ridotta insufficienza cardiaca della frazione di eiezione e insufficienza cardiaca della frazione di eiezione conservata. Il dott. Michael LaMonte, ricercatore associato di Epidemiologia presso l’Università di Buffalo School of Public Health, ha guidato lo studio. Come spiegano LaMonte e il team, la prima forma di insufficienza cardiaca ha una prognosi peggiore, mentre la seconda forma è più comune negli anziani e tende a colpire in particolare le donne e le minoranze etniche. I ricercatori hanno esaminato il legame tra i livelli di attività fisica riportato da 137.303 persone che si sono iscritte alla Women’s Health Initiative, uno studio a lungo termine sulle donne in postmenopausa. Quindi, gli scienziati hanno ingrandito un sottogruppo di 35.272 donne che vivevano con uno dei due sottotipi di insufficienza cardiaca. Le associazioni tra attività fisica totale e scompenso cardiaco erano coerenti tra sottogruppi, definiti da età, indice di massa corporea, diabete, ipertensione, funzione fisica e diagnosi di CHD. L’analisi dell’attività fisica come un’esposizione variabile nel tempo ha prodotto risultati comparabili a quelli dell’attività fisica di base.

Per ogni ulteriore 30-45 minuti di attività fisica giornaliera, il rischio di sviluppare insufficienza cardiaca è stato ridotto del 9% per insufficienza cardiaca in generale, dell’8% per insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata e del 10% per ridotta insufficienza cardiaca di eiezione. Fondamentalmente, mentre cammina e l’attività fisica correlata inversamente con il rischio di insufficienza cardiaca, l’intensità dell’attività fisica non ha avuto alcun effetto; questo suggerisce che la quantità di attività è ciò che conta. Il Dott. LaMonte evidenzia il contenuto della ricerca: “La scoperta che camminare ha mostrato un’associazione protettiva con insufficienza cardiaca e suoi sottotipi è particolarmente importante in un contesto di salute pubblica. Questo è particolarmente rilevante dato che camminare è di gran lunga l’attività fisica più comunemente segnalata negli adulti più anziani. Questo è il primo studio a riportare i livelli di attività fisica correlati a un minor rischio di sviluppare insufficienza cardiaca con ridotta frazione di eiezione negli adulti più anziani, in particolare nelle donne. Poiché l’insufficienza cardiaca è molto più comune dopo i 60 anni, e poiché il suo trattamento è molto impegnativo e costoso, la possibilità di prevenirne lo sviluppo promuovendo un aumento dei livelli di attività fisica, e in particolare camminando, in una fase successiva la vita potrebbe avere un impatto importante sul carico complessivo di questa malattia in una società che invecchia”.

Inoltre, questo è molto importante dal punto di vista della salute pubblica, data la prognosi sfavorevole dello scompenso cardiaco cronico ha una volta presente.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

LaMonte MJ et al., Eaton CB. JACC Heart Fail. 2018 Sep 5.

Pandey A et al. Circulation. 2018 Apr 24;137(17):1814-1823.

Pandey A et al. J Am Coll Cardiol. 2017 Mar; 69(9):1129-42

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Microbiota come causa di SLA? Le ipotesi e le prove di un ruolo tossico derivato da errori sullo stile di vita

Si ritiene che lo sviluppo della SLA sia multifattoriale, coinvolgendo fattori genetici e non genetici, possibilmente attraverso un processo a più fasi. Si sa...

Anziani e frattura d’anca: studi sui problemi cognitivi del post-operatorio

Il delirium post-operatorio (POD) è estremamente frequente nei pazienti ospedalizzati, ma la sua prevalenza ed incidenza variano molto in base al setting considerato. Dal...

Terapia delle artriti: la superiorità degli inibitori delle JAKs rispetto ai farmaci convenzionali

L'artrite reumatoide è una malattia autoimmune comune caratterizzata da infiammazione cronica dei rivestimenti articolari e provoca la progressiva distruzione articolare e altre complicazioni sistemiche....

Questo si chiuderà in 20 secondi