giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Insulina: sarà l’agente di riparo per il Crohn e la colite ulcerosa?

Milioni di persone assumono insulina ogni giorno per curare il proprio diabete. Ma il diabete non è l’unica malattia sulla quale l’insulina ha un effetto, sembra. L’infiammazione cronica dell’intestino può essere trattata efficacemente iniettando insulina nel retto, sembra da un nuovo studio, in cui i ricercatori hanno testato il trattamento sui topi. Lo studio è una collaborazione tra i dipartimenti dell’Università di Copenaghen e la Roskilde University. Il nuovo studio è stato appena pubblicato nella rivista Journal of Crohn e Colitis e ha esaminato l’effetto del trattamento in una serie di test su topi con colite cronica del tipo colite ulcerosa, tra gli altri, dai quali soffrono 20.000 danesi. La causa di questi disturbi intestinali è sconosciuta, ma essi causano ai pazienti un grande disagio e possono comportare diarrea sanguinolenta, anemia, mal di stomaco e perdita di peso. I ricercatori hanno studiato l’effetto del trattamento con insulina in vari modi. In primo luogo, hanno dimostrato che la quantità di infiammazione, espressa come livello del marker COX2 (cicloossigenasi-2), diminuisce del 50% rispetto al trattamento di controllo. Questo è più o meno lo stesso effetto mostrato nei test sui topi prima del lancio del trattamento esistente sul mercato.

In secondo luogo, i ricercatori hanno misurato il peso corporeo dei topi – è noto che le persone che soffrono di colite di solito perdono molto peso perché non mangiano molto. Poiché questo marker è relativamente rozzo, alcuni studi sul trattamento esistente non hanno mostrato alcun effetto. Tuttavia, usando il nuovo trattamento con insulina, i topi perdono il 15-20% in meno di peso rispetto al gruppo di controllo e, dopo il trattamento, aumentano il peso del 50% più velocemente, che è un importante segno di salute. L’insulina funziona perché attiva un gene all’interno delle cellule dell’intestino, che, secondo altri studi, ha un effetto antiossidante e quindi può essere in grado di proteggere le cellule dell’intestino dall’infiammazione. Questo rende il nuovo trattamento diverso dai farmaci esistenti, che invece di rafforzare la difesa dell’intestino indebolisce l’attacco del sistema immunitario all’intestino. E quindi i ricercatori sperano che il nuovo trattamento possa essere combinato con quello esistente. Sulla base dei risultati positivi i ricercatori hanno ora creato una società che metterà alla prova il trattamento negli studi clinici sugli esseri umani e, eventualmente, alla fine renderà la tecnologia disponibile per i pazienti.

Ma c’è un secondo aspetto che sta a cuore ai ricercatori. Malattie infiammatorie croniche come la retto-colite ulcerosa o il morbo di Crohn predispongono ad un elevato rischio di trasformazione tumorale. La continua flogosi cronica della mucosa intestinale, attraverso meccanismi dipendenti da citochine, fattori di crescita e danno da radicali liberi, può causare lesioni cellulari permanenti al materiale genetico cellulare. Questo può determinare la comparsa di tumori ad elevato grado di aggressività. Sopra uno stato di deterioramento organico pre-esistente, la comparsa di un carcinoma del colon diventa devastante per il paziente, potendolo portare facilmente alla morte. Un modo di contrastare il danno ossidativo alla mucosa intestinale è quello di farle assumere composti antiossidanti. Ma questo non è sempre possibile; inoltre, la terapia farmacologica per la malattia non include farmaci con proprietà antiossidante. La mesalazina, il farmaco anti-infiammatorio impiegato correntemente in queste condizioni, ha un limitato potere scavenger delle specie ossidanti (radicali liberi). Gli steroidi e la terapia biologica (anticorpi monoclonali) sono sprovvisti di questo potere e nonostante siano provvisti di azione anti-infiammatoria, non è noto se siano in grado di aumentare le difese antiossidanti in modo diretto o indiretto. I ricercatori, perciò, intendono usare l’insulina perché da un lato facilita il riparo della mucosa (è un fattore di crescita), dall’altro stimola l’espressione di proteine o enzimi antiossidanti.

Insieme ai ricercatori, l’Università di Copenaghen ha richiesto un brevetto sul metodo di trattamento. La domanda di brevetto è stata pubblicata e sarà elaborata dalle autorità dei brevetti europee e statunitensi. Secondo il professor Jørgen Olsen i ricercatori dovrebbero, usando i fondi di ricerca tradizionali, essere in grado di avviare i cosiddetti studi di fase 1, che sono i primi test di sicurezza. Allo stesso tempo, i ricercatori stanno attualmente cercando investitori disposti ad aiutarli una volta pronti per le fasi due e tre, in quanto si aspettano che il processo di autorizzazione sia rapido rispetto ai nuovi farmaci, perché l’iniezione nel retto con farmaci esistenti è un metodo che è già utilizzato da questi pazienti e perché l’insulina è già un farmaco approvato per il diabete. Il Dr. Jørgen Olsen, co-inventore del trattamento e professore presso il Dipartimento di Medicina Cellulare e Molecolare dell’Università di Copenhagen, afferma: “Il nostro nuovo trattamento con insulina sui topi mostra un grande potenziale contro l’infiammazione cronica dell’intestino negli esseri umani come la colite ulcerosa. I trattamenti esistenti attaccano il sistema immunitario dell’intestino, indebolendolo; invece il nostro metodo rafforza la difesa delle cellule intestinali. Sembra funzionare ugualmente bene e probabilmente può essere usato in combinazione con i trattamenti esistenti”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Yassin M et al., Olsen J. J Crohns Colitis. 2018 Aug 18. 

Díaz BB et al., de León AC. Immunol Lett. 2018;  203:1-5.

Casadonte CL et al. J Pediatr Gastroent  Nutr. 2018 Jun 12.

Witkowska E et al. Cent Eur J Immunol. 2018; 43(1):69-75. 

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Crusca di avena: le sue fibre particolari per la salute intestinale e non solo

Il consumo di avena e altri cereali è stato associato a ridurre i rischi di malattie croniche come le malattie cardiovascolari, il diabete, l'obesità...

SLA: un team multi-disciplinare trova un altra proteina coinvolta

Tre anni fa, un gruppo di neurologi clinici, biologi molecolari e scienziati informatici di diversi istituti di Londra ha deciso di collaborare per risolvere...

Sonno: il primo antidolorifico naturale sotto analisi

Gli effetti della privazione del sonno sul cervello sono numerosi, dall'indurre uno stato di deterioramento cognitivo simile all'ebbrezza per ostacolare la nostra capacità di...

Questo si chiuderà in 20 secondi