giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Omega-3 con aspirina: efficaci per i polipi del colon ad alto rischio

Il cancro del colon si sviluppa da polipi o crescite anormali di tessuto all’interno del colon. Molti di questi polipi sono benigni, ma alcuni possono portare a tumori cancerosi. La maggior parte dei polipi iperplastici si trovano nel colon distale e nel retto. Non hanno alcun potenziale maligno, il che significa che non sono più probabili dei normali tessuti a diventare un cancro. I polipi iperplastici sono polipi seghettati. I polipi iperplastici hanno tre modelli istologici di crescita: microscopici, a cellule caliciformi e poveri di mucine. Sebbene non sia stato dimostrato alcun potenziale maligno, è stato dimostrato che polipi iperplastici sul lato destro del colon mostrano un potenziale maligno. Ciò si verifica attraverso mutazioni multiple che influenzano i percorsi di riparazione del DNA non corrispondenti. Si ritiene che la dieta e lo stile di vita svolgano un ruolo importante nel determinare se i polipi del colon-retto si formano. Gli studi dimostrano che esiste un legame protettivo tra il consumo di broccoli e cavolfiori cotti, riso integrale, legumi e frutta secca e una minore incidenza di polipi colorettali. Il National Cancer Institute stima che i medici diagnostichino circa 140.250 nuovi casi di cancro del colon e del retto nel 2018 negli Stati Uniti. I medici identificano polipi precancerosi attraverso la colonscopia, che consente loro di rilevare anomalie visibili nell’intestino crasso.

In una nuova sperimentazione clinica, soprannominata la seAFOod Trial, gli specialisti delle università di Leeds, Nottingham, Bradford e Newcastle nel Regno Unito, in collaborazione con ricercatori di altre istituzioni, hanno fatto una scoperta intrigante. Volevano vedere se i farmaci ampiamente disponibili, come l’aspirina e l’acido eicosapentaenoico (EPA) – uno degli acidi grassi degli omega-3 – ridurrebbe il numero di polipi precancerosi nelle persone ad alto rischio di cancro al colon. L’uso dell’aspirina come prevenzione del cancro del colon è stato studiato più di 20 anni fa e ha mostrato un valore significativo contro la poliposi adenomatosa familiare (FAP), una sindrome genica associata ad un alto rischio di colona. I ricercatori hanno reclutato 709 partecipanti tramite 53 ospedali in tutta l’Inghilterra. Tutti gli individui erano ad alto rischio di cancro al colon. Il team ha suddiviso i partecipanti in quattro gruppi di trattamento. Di questi, alcuni dovevano ricevere solo un trattamento con aspirina, solo altri EPA, il terzo gruppo doveva ricevere un’aspirina e una combinazione EPA, e il gruppo finale doveva ricevere un placebo. Quelli del gruppo solo aspirina hanno preso una compressa di aspirina da 300 mg ogni giorno per un anno. I partecipanti al gruppo EPA hanno impiegato 2 grammi di EPA in quattro capsule per lo stesso periodo di tempo. Questa dose EPA era superiore alla quantità disponibile nei normali integratori di omega-3.

I partecipanti che hanno assunto aspirina per un anno avevano il 22% in meno di polipi in generale, incluso il lato destro dell’intestino crasso, che è più difficile da monitorare attraverso la colonscopia, rispetto a quelli che hanno assunto un placebo. Coloro che hanno assunto EPA avevano un 9% in meno di polipi complessivi rispetto a quelli del gruppo placebo, anche se questo risultato non era statisticamente significativo. Tuttavia, quelli del gruppo EPA avevano il 25% di polipi in meno sul lato sinistro dell’intestino crasso. I ricercatori hanno anche aggiunto che l’assunzione sia di aspirina che di EPA si è dimostrata sicura e che i partecipanti non presentavano un aumentato rischio di sanguinamento. Tuttavia, coloro che hanno seguito il trattamento con EPA hanno riportato un lieve aumento dei problemi di stomaco. Il meccanismo non è stato studiato ma, poiché entrambe le classi di composti sono antinfiammatorie (e l’aspirina è un inibitore diretto della cicloossigenasi) e l’infiammazione cronica è stata invocata per la degenerazione neoplastica, è ipotizzabile che l’aspirina più omega-3 agiscano come potente anti-infiammatorio. Il Prof. Mark Hull, dell’Università di Leeds, ha commentato: “La prova di seAFOod dimostra che sia l’aspirina che l’EPA hanno effetti preventivi, che è particolarmente eccitante dato che sono composti relativamente economici e sicuri da fornire ai pazienti. i medici devono prendere in considerazione questi agenti per i pazienti a rischio elevato di cancro intestinale, oltre alla normale sorveglianza della colonscopia”. 

In futuro, gli specialisti mirano a condurre ulteriori ricerche sul ruolo che l’aspirina e l’EPA possono svolgere nell’abbassare il rischio di cancro.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Martinez JA et al. PLoS One. 2018 Apr 26;13(4):e0196398.

Schmöcker C, Zhang IW et al. Int J Mol Sci. 2018 Jan;19(1).

Fedirko V et al. Mol Carcinog. 2017 Aug; 56(8):1977-1983.

Hull MA, Sandell AC et al. Trials. 2013 Jul 29; 14:237-244.

Hall MN et al. Cancer Epid Biomark Prev. 2008;17(5):1136-43.

Eastwood GL. Dig Dis. 1996 Mar-Apr; 14(2):119-28. Review.

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

L’inquinamento petrolchimico a Gela: le casistiche locali aggiornate delle mortalità e dei tumori

Nel 1998 (legge 426/98), a Gela (Sicilia), una vasta area limitrofa al paese è stata definita sito contaminato di priorità nazionale, a causadell’inquinamento da...

Lupus e fermenti lattici: la svolta terapeutica al femminile

Uno studio appena pubblicato suggerisce che batteri "commensali" chiamati volgarmente fermenti lattici, potrebbero contribuire a ridurre le complicanze renali nelle donne con la malattia autoimmune chiamata Lupus...

Lung cancer flash news: chemokine biomarker and immuno-chemo for a better life quality

Innovational cancer treatments such as immunotherapy are offering new hope to patients. Often these go in conjunction with more common approaches such as regular chemotherapy....