lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Esercizio fisico: o si è a 40 o a 70, l’efficienza pare non cambiare

In un nuovo studio che coinvolge persone oltre i 70 anni che hanno esercitato regolarmente per anni, gli scienziati hanno scoperto che i cuori, i polmoni e i muscoli dei partecipanti erano in una forma equivalente a quelli delle persone di 40 anni. I ricercatori del Human Performance Laboratory della Ball State University di Muncie, IN, hanno recentemente valutato le condizioni fisiche delle persone di 70 anni che fanno esercizio fisico regolarmente da decenni. Il team ha confrontato le misure di salute di questi partecipanti con quelle dei loro coetanei più sedentari e con le misurazioni di persone sane di 20 anni. Nello specifico, i ricercatori hanno misurato la capacità cardiaca e polmonare, nonché la forma fisica del muscolo. I ricercatori hanno lavorato con tre tipi di partecipanti: sette donne e 21 uomini nei loro anni ’70 che si esercitavano regolarmente, 10 donne e 10 uomini nei loro 70 anni che conducevano stili di vita sedentari e 10 donne e 10 uomini nei 20 anni, che erano tutti sani e che esercitato regolarmente I partecipanti alla prima categoria hanno riferito di essersi esercitati per tutta la vita e hanno descritto di aver goduto di frequenti attività fisiche su una base piacevole.

Ciascuno di questi partecipanti ha lavorato, in media, 5 giorni a settimana per un totale combinato di circa 7 ore. Ad un certo punto, gli investigatori hanno cercato di determinare la resistenza aerobica dei partecipanti valutando le loro misurazioni di VO2 max. Questo valuta la quantità massima di ossigeno che un individuo può utilizzare durante gli esercizi di intenso esercizio aerobico. I ricercatori lo hanno fatto chiedendo ai partecipanti di pedalare su biciclette indoor. Il marcatore è importante perché il VO2 max tende a diminuire di circa il 10% ogni 10 anni dopo che una persona raggiunge l’età di 30 anni e questa riduzione corrisponde ad un aumentato rischio di malattia. I ricercatori hanno anche eseguito biopsie muscolari sui partecipanti per valutare la formazione e la distribuzione dei piccoli vasi sanguigni nei muscoli e per valutare l’attività degli enzimi aerobici, che guida il metabolismo dell’ossigeno a livello cellulare. In un’altra fase dello studio, il team ha diviso i partecipanti maschi in due gruppi: il gruppo di prestazioni, che ha allenato per competere, e il gruppo di fitness, che ha esercitato per il tempo libero.

I ricercatori suggeriscono che le misure di salute dei partecipanti fisicamente attivi nei loro anni ’70 sembrano quelle di persone sane di decenni più giovani e che questi benefici sembrano essere applicabili a donne e uomini. Il team osserva che i partecipanti più anziani appartengono a una generazione che ha ricevuto molto incoraggiamento a praticare sport. Il dott. Scott Trappe, spiega e commenta ampiamente: “L’esercizio vince” è il messaggio da portare a casa. Abbiamo visto che le persone che si esercitano regolarmente anno dopo anno hanno una salute generale migliore. Questi 75enni – uomini e donne – hanno una salute cardiovascolare simile a quella di 40-45 anni. Per alcune delle variabili, il gruppo di prestazioni aveva alcune metriche che erano superiori alle persone in fitness e la capacità cardiovascolare era una di quelle. Ma cose come la salute dei muscoli e i capillari per sostenere il flusso di sangue, erano equivalenti tra i due gruppi. Maggiore intensità non li ha necessariamente portati in un posto più alto. Ciò che è stato veramente interessante in questo studio è che queste persone sono uscite dalla generazione del boom degli esercizi, che è iniziata davvero negli anni ’70, quando la corsa e il tennis sono diventati popolari per le masse “.

Gli anni ’70 furono anche il decennio in cui alle donne fu permesso di unirsi a sport di competizione, grazie alle nuove leggi federali adottate negli Stati Uniti. Alcune cose interessanti che sono successe in quell’epoca, in riferimento all’adozione del Titolo IX della Legge sugli Emendamenti dell’Istruzione del 1972. Questa legge afferma che “Nessuna persona negli Stati Uniti, sulla base del sesso, sarà esclusa dalla partecipazione a, essere negato i benefici di, o essere oggetto di discriminazione nell’ambito di qualsiasi programma di istruzione o attività che ricevono assistenza finanziaria federale”. Grazie a questo tipo di cambiamento legislativo, afferma Trappe, i ricercatori sono stati in grado di reclutare partecipanti donne che praticano sport a livelli competitivi. Ma sottolinea che non è necessario essere competitivi per cogliere i benefici dell’esercizio: “Se vuoi mettere 30-45 minuti di cammino in un giorno, la quantità di beneficio per la salute che otterrai da questo sarà significativo e sostanziale. Sarà uguale alla persona che si allena per le prestazioni competitive? No. Ma 30-45 minuti al giorno di qualsiasi tipo di esercizio sono utili alla salute”.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Applied Physiology.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Murach KA et al. Med Sci Sports Exerc. 2018; 50(9):1950.

Gries KJ et al., Trappe SW. J Appl Physiol. 2018 Aug 30.

Wolff CA et al. J Sports Med Phys Fitness. 2018 May 29.

Trappe S et al. J Appl Physiol. 2015; 118(12):1460-66.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Dolcificanti naturali o sintetici: le revisioni per i rischi sulla salute pubblica

Tutti sanno il motivo principale dell’utilizzo del dolcificante al posto dello zucchero nel caffè, nelle bevande o in certe tipologie di alimento. Originariamente, il...

Insonnia e salute mentale: lo stress ossidativo colpevole numero uno

Un animale addormentato è vulnerabile ai predatori e ad altri pericoli nel suo ambiente per gran parte della giornata. Nonostante questi rischi quotidiani, il...

“Visione” d’insieme: il metabolismo dell’occhio riesplorato per le retinopatie

Milioni di individui stanno progressivamente perdendo la vista a causa del deterioramento delle cellule dei loro occhi, ma una nuova terapia sviluppata dai ricercatori...

Questo si chiuderà in 20 secondi