Nitrati vegetali: pare che migliorino la circolazione e la salute muscolari

Una dieta sana che include le verdure è la pietra angolare di molti messaggi di salute pubblica e viene spesso promossa a causa del rapporto con una migliore salute generale, comprese le misure funzionali. Esiste un chiaro legame tra cattiva funzione e conseguenze negative sulla salute, tra cui disabilità, istituzionalizzazione e mortalità. Pertanto, le strategie in grado di limitare i decadimenti associati all’età nella forza muscolare e / o nella funzione fisica potrebbero avere un impatto sostanziale sulla salute della popolazione. Verdure a foglia verde e barbabietole contengono alti livelli di nitrato inorganico. Approssimativamente l’80% dell’assunzione totale di nitrati nella dieta deriva da verdure, mentre la restante maggioranza deriva da frutta e prodotti a base di carne. Vi sono prove sempre più evidenti del fatto che alcuni benefici per la salute di diete ricche di verdure possono essere in parte spiegati da una maggiore assunzione di nitrati. L’assunzione di nitrato alimentare può aumentare la biodisponibilità dell’ossido nitrico attraverso la via nitrato-nitrito-ossido nitrico. Nelle popolazioni più anziane, la supplementazione di nitrati acuta e a breve termine può abbassare la pressione sanguigna, invertire la disfunzione vascolare e aumentare la perfusione cerebrale del lobo frontale (coinvolto nel funzionamento esecutivo). I benefici a breve termine delle prestazioni fisiche, sebbene la maggiore efficienza della respirazione mitocondriale e il flusso di sangue al muscolo attivo siano stati riportati anche nelle popolazioni di atleti.

Tuttavia, la maggior parte degli studi che hanno riportato effetti positivi hanno utilizzato dosi elevate di supplementi di nitrato (~ 400-700 mg) come succo di barbabietola e sali di nitrato. Questi integratori forniscono in genere nitrati a livelli superiori a quelli presenti in una dieta ricca di verdure ad alto contenuto di nitrati. È stata riportata anche un’integrazione a breve termine di nitrati ad alte dosi (~ 600-700 mg) per migliorare le proprietà contrattili dei muscoli scheletrici in individui sani e in quelli con insufficienza cardiaca. Inoltre, gli effetti positivi sulla capacità fisica possono essere mantenuti anche fino a circa 2 settimane se l’integrazione viene continuata. Tuttavia, l’impatto a lungo termine (abituale) delle maggiori assunzioni di nitrati sulla funzione muscolare come parte di una dieta normale nella popolazione generale è incerto. I ricercatori della Edith Cowan University hanno monitorato le diete di 1420 donne dell’Australia occidentale di età superiore ai 70 anni e hanno scoperto che coloro che mangiato più verdure ricchi di nitrati come spinaci, rucola e lattuga aveva una forza muscolare e una funzione fisica significativamente migliori. Lo studio fa seguito alla precedente ricerca dell’ECU che ha trovato un legame tra mangiare verdure ricche di nitrati e un minore rischio di morte per ictus e malattie cardiache. La forza muscolare è stata valutata misurando la forza di presa del partecipante. La funzione fisica è stata quantificata utilizzando il test TUG (Timed-up-and-go), che misura il tempo necessario per salire da una sedia, camminare per tre metri e poi tornare alla sedia per sedersi.

Il ricercatore capo Dr. Marc Sim della School of Medical and Health Sciences di ECU ha detto che un calo della forza muscolare e della funzione fisica sono associati a un maggiore rischio di disabilità e persino a morte prematura. Dice che ricerche precedenti su popolazioni più anziane hanno dimostrato che un calo di 1 kg su 12 mesi in aderenza è associato a un aumento del rischio di mortalità del 33%. Ogni secondo più lento del TUG aumenta il rischio di mortalità dell’8% in tre anni. I ricercatori hanno scoperto che mangiare una tazza di spinaci, rucola o lattuga al giorno può aumentare la forza di presa fino a 2 kg e migliorare il tempo di TUG di fino a 1,6 secondi. Forza e funzione scarse sono anche associate ad altri esiti negativi come cadute e fratture, che compromettono sostanzialmente l’indipendenza dell’individuo. Il dott. Sim ha detto: “Mentre non è chiaro esattamente come il nitrato influenzi positivamente la funzione muscolare, un possibile meccanismo potrebbe migliorare la funzione vascolare e il flusso sanguigno. Sappiamo dalle precedenti ricerche che l’ossido nitrico è un vasodilatatore, il che significa che allarga i vasi sanguigni, permettendo potenzialmente un maggiore flusso di sangue ai muscoli. Infatti, gli integratori di nitrati sono utilizzati dagli atleti per migliorare la resistenza e le prestazioni. Potrebbe essere che una maggiore assunzione giornaliera di nitrati aumenta costantemente il flusso sanguigno muscolare, facilitando così la salute muscolare”.

Il dott. Sim ha detto che il prossimo passo sarebbe quello di condurre uno studio di intervento per verificare con precisione come il consumo di verdure ricco di nitrati influenzi la funzione muscolare. Le diete ricche di verdure sono spesso promosse da organizzazioni sanitarie pubbliche. Modelli dietetici come gli approcci dietetici per fermare l’ipertensione (DASH) e la dieta Mediterranea, che includono elevate quantità di verdure, sono stati associati a una serie di benefici per la salute. La conferma di questi benefici per la salute del nitrato alimentare sarebbe utilizzata per aggiornare le future raccomandazioni dietetiche.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Sim M et al. J Cachexia Sarcopenia Muscle. 2019 Mar 24. 

Blekkenhorst LC, Sim M et al. Nutrients 2018 May 11;10(5). 

Coggan AR et al., Peterson LR. Physiol Rep. 2018 Jan;6(2). 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1365 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it