giovedì, Febbraio 22, 2024

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Lactobacillus e interferoni: sul dialogo interno che potrebbe condizionare la salute mentale umana

Il nostro intestino ospita naturalmente innumerevoli batteri, funghi e virus, una comunità già nota come microbiota. Ciò può sembrare disgustoso, persino allarmante, ma gli scienziati si sono sempre più resi conto che questi minuscoli organismi e le loro infinite interazioni sono fondamentali per la salute del nostro sistema immunitario, per la nostra salute mentale e per molti altri aspetti del nostro benessere. È noto che le alterazioni del microbiota, dovute a malattie o cattiva alimentazione contribuiscono a molte malattie e aiutano persino a diffondere il cancro. Oggi il microbiota è persino ritenuto responsabile della patogenesi autoimmune. Ricerche precedenti avevano mostrato una stretta connessione tra il microbiota intestinale e il cervello, stimolando nuovi studi sugli effetti delle perturbazioni del primo sulla salute mentale. La disbiosi è stata spesso identificata in pazienti sotto stress cronico o con disturbi dell’umore.

Pertanto, negli ultimi anni i ricercatori sono stati estremamente entusiasti del potenziale per combattere le malattie prendendo di mira il microbiota. I ricercatori della School of Medicine dell’Università della Virginia hanno scoperto come il Lactobacillus, un batterio presente negli alimenti fermentati e nello yogurt, aiuta il corpo a gestire lo stress e può aiutare a prevenire la depressione e l’ansia. aprendo la porta a nuove terapie per trattare l’ansia, la depressione e altri disturbi di salute mentale. La nuova ricerca del Dr. Alban Gaultier, PhD, e colleghi è notevole perché individua il ruolo del Lactobacillus, separandolo da tutti gli altri microrganismi che vivono naturalmente nel nostro corpo. I primi tentativi di manipolare la flora intestinale con preparazioni batteriche note come probiotici, sebbene benefici o con influenze positive, hanno prodotto risultati contrastanti nel contesto di malattie intestinali o immunitarie.

Gli scienziati hanno deciso di continuare la ricerca sulla depressione utilizzando una raccolta di batteri, nota come Altered Schaedler Flora, che comprende due ceppi di Lactobacillus e altri sei ceppi batterici. Con questa comunità batterica, stabilita nel 1978 e usata raramente, il team è stato in grado di creare topi con e senza Lactobacillus, evitando la necessità di antibiotici. Gaultier e i suoi colleghi sono stati in grado di spiegare esattamente come i lattobacilli influenzano il comportamento e come la mancanza di batteri può peggiorare la depressione e l’ansia. I lattobacilli, hanno scoperto, mantengono i livelli di interferone gamma (IFNγ), una citochina chiave nell’immunità adattativa e centrale che potrebbe aiutare a prevenire la depressione. I risultati dello stress cronico lieve e casuale nel primo gruppo di topi includevano comportamenti più ripetitivi come la triturazione dei nidi e un tempo meno attivo nel test di sospensione della coda.

Hanno anche mostrato livelli più bassi di Lactobacillus e disbiosi, senza alcun aumento compensatorio in altre specie batteriche. È interessante notare che il trasferimento della lettiera contaminata da questi topi cronicamente stressati a topi privi di germi (GEF) ha mostrato che il microbiota intestinale si è trasferito al nuovo comportamento indotto dall’ospite simile a quello associato all’ansia e alla depressione di per sé. Con altri studi, questa scoperta suggerisce che il microbiota può modulare direttamente il comportamento. Studi metabolomici hanno dimostrato che gli animali esposti alla lettiera degli animali stressati avevano un profilo inferiore di immunità adattativa associata ai linfociti T helper di tipo 1 (Th1) ed anche livelli sistemici più bassi di IFNγ, indicando che questa molecola può aiutare a prevenire la depressione con meccanismi diretti o sull’immunità o sul dialogo immunità-cervello.

Grazie a queste informazioni, i ricercatori sono pronti a sviluppare nuovi modi per prevenire e curare la depressione e altre condizioni di salute mentale in cui il Lactobacillus svolge un ruolo importante. Ad esempio, i pazienti alle prese con (o a rischio di) depressione potrebbero un giorno assumere integratori probiotici appositamente formulati che ottimizzeranno i loro livelli di lattobacilli utili. È necessario ulteriore lavoro per comprendere come le risposte metaboliche e ormonali allo stress interagiscono in modo bidirezionale con il microbioma intestinale per stabilire risposte comportamentali negative. I dati supportano il ruolo cruciale dell’IFNγ nei comportamenti legati allo stress, sebbene i meccanismi siano ancora da esplorare. Gli scienziati hanno dimostrato come funziona lo sviluppo della resilienza psicologica e questo lavoro potrebbe promuovere la scoperta di probiotici efficaci per aiutare a trattare i disturbi dell’umore.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Merchak AR et alBrain Behav Immun 2024; 115:458-469.

Kwon H, Lee EH et al. Exp Neurobiol. 2023; 32(5):328-342. 

Ma X, Shin YJ et al. Nutrients. 2023 May 26;15(11):2488. 

Merchak AR, Cahill HJ et al. PLoS Biol. 2023; 21(2):e3002000.

Latest

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Newsletter

Don't miss

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...

Autoimmune condition under training: how exercise impacts on most common clinical conditions

The global rise in autoimmune diseases, driven by environmental...

Prevenzione con l’avocado per la salute del cuore: il punto fatto dalle recensioni scientifiche più recenti

L’avocado nella prevenzione delle cardiopatie L’eccesso di peso e la...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Omega-3 con aspirina: efficaci per i polipi del colon ad alto rischio

Il cancro del colon si sviluppa da polipi o crescite anormali di tessuto all'interno del colon. Molti di questi polipi sono benigni, ma alcuni...

Dieta gluten-free: i celiaci si chiedono se va bene anche per chi non lo è

La dieta senza glutine comprende gruppi alimentari che sono naturalmente privi di glutine, come frutta fresca, verdura, pesce, carne, pollame, legumi, noci e la...

Depressione, farmaci ed embolia venosa: ci sono connessioni?

Nella prima revisione del suo genere, una nuova ricerca ha rilevato che la depressione e l'uso di antidepressivi sono associati a un aumento del...