Anedonìa: quando il piacere svanisce del tutto

 1

La maggior parte delle persone, a un certo punto della propria vita, perde interesse per le cose che li eccitavano. L’anedonia, tuttavia, porta questa perdita ai suoi limiti; diventa impossibile trarre piacere da cose che un tempo suscitavano eccitazione, come musica, sesso, cibo e conversazione. Oltre alla depression maggiore, può verificarsi come parte di altre condizioni, tra cui la schizofrenia, la psicosi e il morbo di Parkinson, nonché anoressia nervosa e abuso di droghe. Può anche giocare un ruolo nel desiderio di un individuo di indulgere in comportamenti a rischio, come il paracadutismo. Negli ultimi anni, l’anedonia ha ricevuto maggiore attenzione. Parte della ragione di questo è che prevede quanto bene qualcuno con depressione risponderà al trattamento. Gli antidepressivi finiscono per funzionare meno bene per le persone che soffrono di depressione con l’anedonia che per coloro che soffrono di depressione senza anedonia. Perché il trattamento della depressione è così impegnativo, qualsiasi intuizione aggiuntiva è ben accetta. Ci sono prove che suggeriscono che la presenza di anedonia aumenta il rischio di suicidio, quindi se il legame è dimostrato, riconoscere e trattare con l’anedonia potrebbe salvare vite umane.

Per ottenere una migliore comprensione di come si sente l’anedonia, il seguente è un estratto verbale tipico.

“Negli ultimi 7 anni ho avuto il più piccolo sfarfallio di emozioni, quello che sento ogni giorno è praticamente nulla, non ho alcun desiderio di parlare veramente, poiché nulla di ciò che faccio è gratificante o soddisfacente. Essenzialmente non guadagno nulla dalla mia vita quotidiana, il mio mondo è freddo e, come tale, fa sembrare la vita allo stesso modo: tutto ciò che guardo, tutto ciò che faccio, guarda e sento lo stesso”.

Come con l’indagine di ogni risposta emotiva, la storia non è semplice. I circuiti del cervello sono densi, contorti e incredibilmente occupati. L’anedonia non è semplicemente un ridotto apprezzamento del gusto del cioccolato; i meccanismi di ricompensa sottostanti sono compromessi. Ciò potrebbe comportare alterazioni nei livelli di interesse, motivazione, anticipazione, aspettativa e previsione dello sforzo, che sono tutti complessi a pieno titolo, e che sono tutti elaborati da circuiti neurali diversi ma sovrapposti.

Anedonia e ricompensa

Vi sono prove che molti individui con anedonia possono provare piacere in modo simile al resto della popolazione – è solo che c’è qualcosa di sbagliato per quanto riguarda la motivazione, l’anticipazione e la ricompensa. Per le persone con anedonia, il processo di ricompensa è stato scardinato. Trovare quale parte di questo processo è stata sbloccata è un lavoro difficile. Per molti anni, una parte dei gangli della base  cerebrale chiamata nucleo accumbens è stata definita il “centro del piacere”. Non sorprendentemente, è implicato in questa condizione. Recenti studi hanno dimostrato che sono coinvolte anche altre aree del cervello, tra cui:

la corteccia prefrontale, che è coinvolta nella pianificazione e nell’espressione della personalità;

l’amigdala, che elabora le emozioni ed è coinvolto nel processo decisionale;

lo striato, che è l’area che ospita il nucleo accumbens, implicato nel sistema di ricompensa;

l’insula, che si pensa sia importante nella coscienza e nella consapevolezza di sé.

La corteccia prefrontale sembra importante nell’elaborazione delle conquiste ad alto livello, compresa l’analisi costi-benefici e il processo decisionale. Le sue connessioni allo striato ventrale sembrano essere particolarmente importanti nella motivazione e quindi nell’anedonia.

Il ruolo dei neurotrasmettitori

Gli squilibri del neurotrasmettitore sono stati studiati anche in relazione all’anedonia. La dopamina è di particolare interesse per il suo coinvolgimento nei percorsi di ricompensa e per il fatto che è espressa in quantità elevate nel nucleo accumbens. In effetti, l’espressione della dopamina ridotta nello striato ventrale delle persone depresse è risultata correlare bene con la gravità dell’anedonia ma non con i sintomi depressivi. Il rapporto della dopamina con anedonia e ricompensa è tuttavia complesso. Ridotti livelli di dopamina in diverse parti del cervello possono avere effetti diversi. Ad esempio, l’aumento della dopamina nell’insula ha l’effetto opposto sul processo decisionale basato sullo sforzo per aumentare la dopamina nello striato ventrale. Quindi, è improbabile che la dopamina racconti tutta la storia. Anche il GABA (un neurotrasmettitore inibitorio), il glutammato (un neurotrasmettitore eccitatorio), la serotonina e gli oppioidi possono fare la loro parte. Per esempio, le persone depresse che hanno anche un’anedonia pronunciata sembrano aver ridotto i livelli di GABA. E le persone depresse con ridotta attività oppioide provano meno piacere durante le interazioni positive.

Un possibile ruolo per l’infiammazione

La depressione e l’infiammazione sono state collegate per qualche tempo. Gli scienziati hanno misurato l’aumento dei livelli di mediatori infiammatori nelle persone con depressione. Queste caratteristiche chimiche includono citochine e la proteina ​​C-reattiva (PCR). Uno studio sulle persone con depressione, pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry nel 2015, ha rilevato che livelli aumentati di proteina C-reattiva erano associati a una ridotta connettività tra lo striato ventrale e la corteccia prefrontale ventromediale (che è importante nella motivazione) e maggiore anedonia. Altri studi hanno prodotto risultati simili, quindi l’infiammazione sembra essere coinvolta sia nella depressione che nell’anedonia.

Anche se un legame tra anedonia e infiammazione sembra, forse, inaspettato, ha senso quando si rimuovono gli strati. Le citochine possono influenzare il metabolismo dei neurotrasmettitori e l’attività cerebrale. Inoltre, le citochine promuovono il cosiddetto comportamento di malattia – tra cui letargia, malessere, perdita di appetito, sonnolenza e sensibilità al dolore – che hanno paralleli nella depressione. E le persone che subiscono un trattamento con citochine per cancro spesso riferiscono sintomi depressivi. Anche se non abbiamo una piena comprensione delle origini di questo disturbo, la ricerca fino ad oggi ci dice che è multiforme e – molto probabilmente – diversa da persona a persona.

Alla luce delle prove convincenti che collegano l’infiammazione ai disturbi dell’umore, sono stati intrapresi numerosi studi per esaminare il ruolo degli agenti anti-infiammatori come opzione terapeutica per i disturbi dell’umore. Kohler et al. Hanno condotto una meta-analisi di studi clinici randomizzati, controllati con placebo, che valutavano l’effetto antidepressivo degli agenti anti-infiammatori. Dieci studi (n = 4258) hanno valutato l’effetto degli agenti anti-infiammatori non steroidei (FANS) e quattro studi (n = 2004) hanno valutato gli inibitori delle citochine. La dimensione dell’effetto aggregato ha rivelato un effetto antidepressivo medio, in particolare tra i pazienti con diagnosi di depressione maggiore, rispetto agli individui che manifestano sintomi depressivi senza una diagnosi formale.

Allo stesso modo, Rosenblat et al. hanno condotto una revisione meta-analitica di studi clinici controllati randomizzati esaminando l’effetto antidepressivo di agenti anti-infiammatori aggiuntivi tra i pazienti con BD. Dei 10 trials completati esaminati, 5 (n=140) hanno valutato il trattamento con acidi grassi omega-3, due hanno studiato l’effetto della N-acetilcisteina (n=76) e uno ha valutato il celecoxib (un anti-infiammatorio, n=23), aspirina (n=30) e pioglitazone (n=44) ciascuno. La valutazione complessiva (n = 312) ha rivelato un effetto medio per l’uso di un agente antinfiammatorio aggiuntivo, nel trattamento della depressione rispetto alla sola terapia convenzionale.

Trattamenti per l’anedonìa

Al momento non ci sono trattamenti mirati all’anedonia. Viene comunemente trattato insieme alla condizione di cui fa parte – per esempio, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono spesso prescritti per le persone con depressione. C’è un crescente numero di prove che i trattamenti di depressione standard fanno poco per l’anedonia e, peggio ancora, possono aggravare il problema provocando smarrimento emotivo, anedonia sessuale e anorgasmia o l’incapacità all’orgasmo. Questa interazione negativa potrebbe essere dovuta al fatto che la serotonina inibisce il rilascio di dopamina in alcune regioni del cervello, interferendo potenzialmente con la ricompensa, la motivazione e il circuito del piacere.

Su una nota positiva, c’è stato un recente interesse per la ketamina anestetica come un potenziale farmaco anti-anedonico. La ketamina ha mostrato promessa come trattamento per la depressione, riducendo rapidamente i sintomi sia nel disturbo depressivo maggiore che nel disturbo bipolare. Uno studio che è stato pubblicato sulla rivista Nature nel 2014 ha specificamente indicato se avrebbe potuto avere un effetto anche sull’anedonia. Le prove nei roditori avevano già prodotto risultati interessanti, ma questa era la prima volta che la ketamina era stata studiata negli esseri umani. Nello specifico, lo studio ha esaminato il disturbo bipolare resistente al trattamento.

Gli autori hanno concluso che la ketamina aveva rapidamente ridotto i livelli di anedonia. In realtà, la riduzione è avvenuta entro 40 minuti e si è protratta fino a 14 giorni dopo una singola iniezione. È interessante notare che la riduzione si è verificata senza una simile riduzione dei sintomi depressivi. La ketamina blocca i recettori NMDA, impedendo loro di essere attivati dal glutammato. Questo deduce che il glutammato, un neurotrasmettitore eccitatorio, potrebbe svolgere un ruolo nell’anedonia. C’è ancora molta strada da fare prima che i molti filoni di anedonia siano pienamente compresi. Tuttavia, la conoscenza scientifica sta lentamente crescendo e, con il tempo, c’è speranza di una soluzione a questa condizione altamente invadente e frustrante.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

 

Letteratura scientifica

Subramaniapillai M et al. Dialogues Clin Neurosci. 2017; 19(1):27-36. Review.

Ballard ED et al. J Affect Disord. 2017 Aug 15; 218:195-200.

Haroon E, Miller AH. Curr Top Behav Neurosci. 2017; 31:173-198.

Felger JC, Treadway MT. Neuropsychopharmacology. 2017; 42(1):216-241.

Zisner A, Beauchaine TP. Dev Psychopathol. 2016; 28(4pt1):1177-1208. Review.

Köhler O et al. JAMA Psychiatry 2014; 71(12):1381–1391.

Rosenblat JD et al Bipolar Disord. 2016; 18(2):89–101.

Raison CL et al. JAMA Psychiatry 2013; 70(1):31–41.

Subramaniapillai M et al. Dialogues Clin Neurosci. 2017; 19(1):27-36. Review.

Ballard ED et al. J Affect Disord. 2017 Aug 15; 218:195-200.

Haroon E, Miller AH. Curr Top Behav Neurosci. 2017; 31:173-198.

Felger JC, Treadway MT. Neuropsychopharmacology. 2017 Jan; 42(1):216-241.

Zisner A, Beauchaine TP. Dev Psychopathol. 2016; 28(4pt1):1177-1208. Review.

Köhler O et al. JAMA Psychiatry 2014; 71(12):1381–1391.

Rosenblat JD et al Bipolar Disord. 2016; 18(2):89–101.

Raison CL et al. JAMA Psychiatry 2013;70(1):31–41.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 601 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.