venerdì, Luglio 12, 2024

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

L’ictus cerebrale ha un nuovo farmaco curativo: LK-2, nato da una collaborazione internazionale

L’ictus è una delle principali cause di morte e...

Patogenesi del diabete: un gene lega zuccheri e grassi alla morte cellulare

Secondo l’American Diabetes Association, almeno 29 milioni di americani vivono con il diabete. La maggior parte di questi casi è di tipo 2, in cui le cellule beta del pancreas non producono abbastanza insulina o il corpo non è in grado di utilizzare l’insulina prodotta. L’insulina è l’ormone che aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue. Mentre i normali esami del glucosio nel sangue e i farmaci possono aiutare le persone con diabete di tipo 2 a gestire la loro iperglicemia, c’è bisogno di terapie più efficaci. Riportando le loro scoperte sulla rivista Cell Death and Disease, i ricercatori rivelano come il blocco del gene – chiamato TNFR5 – abbia fermato la distruzione delle cellule beta, una scoperta che potrebbe portare a nuovi trattamenti per il diabete di tipo 2. Il gene TNFR5 distrugge le cellule beta in risposta a livelli elevati di zuccheri e grassi.

Il team afferma che è ben dimostrato che l’esposizione a lungo termine a una dieta ricca di grassi e zuccheri può aggravare la distruzione delle cellule beta tra le persone con diabete di tipo 2, ma i meccanismi alla base di questo processo non sono chiari. Il caporicerca Dr.Mark Turner, della School of Science and Technology della Nottingham Trent University nel Regno Unito, e colleghi, ritengono che la loro scoperta genetica potrebbe potenzialmente soddisfare questa esigenza. Per il loro studio, il Dr. Turner e i suoi colleghi hanno deciso di stabilire se esiste una spiegazione genetica. Utilizzando l’analisi di microarray ad alta densità, i ricercatori hanno valutato oltre 31.000 geni associati al pancreas, con l’obiettivo di individuare quelli più sensibili al glucosio e agli acidi grassi – i prodotti di diete ricche di grassi e zuccheri.

I ricercatori hanno scoperto che il gene TNFR5 aveva la massima sensibilità al glucosio e agli acidi grassi e che la sovra-espressione di questo gene in risposta a livelli elevati di grassi e zuccheri ha portato alla distruzione delle cellule beta. Gli autori dicono che questi risultati suggeriscono che le persone con diabete di tipo 2 – in particolare quelle con scarsa gestione della glicemia o che non sono state diagnosticate – hanno maggiori probabilità di sovra-esprimere il gene TNFR5 e, quindi, il danno delle cellule beta è esacerbato. Ma c’è la buona notizia; in test di laboratorio, il team ha scoperto che bloccando la funzione del TNFR5, nelle cellule beta esposte al glucosio e agli acidi grassi, non si è avuta la loro distruzione. Ciò suggerisce che l’inibizione dell’attività del TNFR5 potrebbe essere una strategia di trattamento promettente per il diabete di tipo 2.

Conclude il Dr. Turner: “Riteniamo di aver trovato uno dei primi eventi chiave che porta al declino delle cellule beta pancreatiche produttrici di insulina causate da alti livelli di zuccheri e grassi. Come tale, il gene può rappresentare un obiettivo importante nella ricerca di nuove strategie di intervento farmacologico, che, se riuscite, potrebbero aiutare a preservare la funzione pancreatica e aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue nei pazienti con diabete di tipo 2″.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Akash M et al. J Cell Biochem. 2018 Jan; 119(1):105-110.

Ward MG, Li G, et al. Sci Rep. 2017 Aug 25; 7(1):9536. 

Bagnati M et al. Cell Death Dis. 2016 Aug 11; 7(8):e2329.

Meyerovich K et al. Diabetologia. 2016 Mar; 59(3):512-21. 

Latest

Newsletter

Don't miss

SLEight of hand for autoimmune responses: a game of competence between interferon, cellular receptors and metabolites

Systemic lupus erythematosus (SLE) is the prototypical autoimmune disease...

Le tante facce dell’interferone: il responsabile del lupus, non importa se diretto o indotto dai virus

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è il prototipo della...

Co-STAR lymhocytes: the newly engineered weapon to find mutation-dependent cancer cells

T cell-based therapies are among the most promising approaches...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Lung cancer flash news: chemokine biomarker and immuno-chemo for a better life quality

Innovational cancer treatments such as immunotherapy are offering new hope to patients. Often these go in conjunction with more common approaches such as regular chemotherapy....

Obesity and cancers: the latest official CDC medical report

A new American report warns about the role of obesity in the onset of cancer. Nearly 40% of all cancers are related to obesity, according to new...

Lolamicina: finalmente abbiamo scoperto l’antibiotico che ha effetti minimi sulla salute del microbiota?

Il trattamento antibiotico può alterare il microbioma intestinale, portando ad una maggiore suscettibilità agli agenti patogeni come C. difficile e a maggiori rischi di...