sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Distrofia muscolare: arriva il farmaco che attiva le cellule staminali muscolari

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) è una forma fatale di un disturbo di deperimento muscolare che colpisce un individuo su 5.000-10.000. La malattia è causata da mutazioni in un gene sul cromosoma X. Con il trattamento, quelli con DMD hanno una vita media di circa 25 anni. I ragazzi con la malattia in genere hanno bisogno di usare una sedia a rotelle all’età di 12 anni e richiedono una ventilazione meccanica per aiutare con la respirazione. Molti alla fine soffrono di insufficienza cardiaca o respiratoria. In un articolo pubblicato su Nature Reports Scientific Reports, i ricercatori della Saint Louis University (SLU) riferiscono che un nuovo farmaco riduce la fibrosi (cicatrizzazione) e previene la perdita della funzione muscolare in un modello animale di DMD, fornendo un approccio promettente nella progettazione di nuovi farmaci per quelli che soffrono di DMD. Thomas Burris, Ph.D., Cattedra di farmacologia e fisiologia all’Università di Saint Louis e Colin Flaveny, Ph.D., assistente professore di farmacologia e fisiologia alla SLU, studia gli ormoni naturali che regolano i recettori nucleari.

Comprendendo come funzionano gli ormoni naturali del corpo, mirano a sviluppare composti sintetici per indirizzare questi recettori al fine di creare farmaci per curare le malattie. Nel corso di questo lavoro, Burris e Flaveny hanno esplorato i ruoli del recettore nucleare Rev-Erb alfa, che regola i processi chiave nel corpo, dal sonno al colesterolo e, più recentemente, la rigenerazione muscolare. Recentemente, il loro team ha scoperto che Rev-Erb sembra svolgere ruoli unici per ogni stadio dello sviluppo del tessuto muscolare. Le cellule staminali muscolari che aiutano a sostituire il tessuto muscolare danneggiato producono mioblasti che possono riprodursi (proliferare) o formare tessuto muscolare (differenziare). Un declino nell’espressione di Rev-Erb porta alla differenziazione di mioblasti. Viceversa, un aumento nell’espressione di Rev-Erb è coinvolto nella regolazione della funzione mitocondriale e metabolica nel muscolo scheletrico completamente differenziato. Il team ha dimostrato che Rev-Erb è un regolatore della differenziazione muscolare e che un farmaco che inibisce questo recettore, chiamato SR8278, stimola la rigenerazione muscolare dopo una lesione acuta.

Nei topi mdx (il modello sperimentale per DMD), SR8278 ha aumentato la massa magra e la funzione muscolare e ha ridotto la fibrosi muscolare e la degradazione delle proteine ​​muscolari. È interessante notare che gli scienziati hanno anche scoperto che SR8278 ha aumentato il pool di cellule staminali attraverso la stimolazione della segnalazione di Notch e Wnt. Questi due percorsi coinvolti nella crescita delle cellule embrionali e l’orientamento per la specializzazione dei tessuti. In seguito a questi promettenti risultati, hanno deciso di esplorare se il farmaco SR8278 potesse rallentare la progressione della distrofia muscolare in un modello animale. I pazienti con DMD sperimentano cicli di distruzione e rigenerazione muscolare che promuovono l’infiammazione, la fibrosi (cicatrizzazione) e la perdita della funzione del muscolo scheletrico e cardiaco. Convalidando la loro teoria, il team di ricerca ha scoperto che SR8278 aumentava la massa magra e la funzione muscolare e diminuiva la fibrosi muscolare e la degradazione delle proteine ​​muscolari nei topi. I loro risultati suggeriscono che Rev-Erb è un potente bersaglio per il trattamento della DMD, aprendo la strada a trattamenti migliori per chi ha questa malattia debilitante.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica  Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Welch DR et al., Flaveny CA. Sci Rep. 2017 Dec 7; 7(1):17142. 

Mayeuf-Louchart A et al., Duez H. Sci Rep. 2017 Oct 30; 7(1):14383. 

Welch RD et al., Flaveny CA. Mol Metab. 2017 May 19; 6(7):703-14.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Indagando sull’autismo: le complesse interazioni fra dopamina, molecole di adesione ed energia cellulare

ASD e alterazioni della trasmissione cerebrale Il disturbo dello spettro autistico o ASD è un disturbo dello sviluppo che di solito si manifesta nella prima...

I problemi della menopausa a cominciare da sovrappeso ed obesità: considerazioni e riflessioni teorico-pratiche

La menopausa è definita come verificatasi 1 anno dopo l’ultimo periodo mestruale e segna la fine dei cicli mestruali. È il risultato di un...

Acido oleico: l’acido grasso che condiziona l’infiammazione e l’immunità in molti modi

Introduzione Nel 2010 la Dieta Mediterranea è stata riconosciuta Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dall'UNESCO. Inoltre, nel 2012, è stata inserita dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per...

Questo si chiuderà in 20 secondi