HomeBENESSERE & SALUTEAllergia al latte: con la vitamina A si apre la tolleranza

Allergia al latte: con la vitamina A si apre la tolleranza

Una vera allergia al latte si verifica in circa il 3-5 percento dei bambini europei e più raramente negli adulti. La malattia è diversa dall’intolleranza al lattosio, in cui la mancanza dell’enzima lattasi comporta l’incapacità di abbattere adeguatamente il lattosio. Nel caso di allergia al latte, il sistema immunitario stesso reagisce con una risposta immunitaria distinta contro le proteine ​​del latte. Si formano cellule immunitarie specializzate che producono anticorpi contro le proteine ​​del latte e quindi innescano una reazione allergica potenzialmente molto più pericolosa. Uno studio sull’interuniversity Messerli Research Institute di Vetmeduni Vienna, Meduni Vienna e l’Università di Vienna ha ora dimostrato che i componenti del latte vaccino stesso possono aiutare a prevenire questa reazione. La chiave è che la beta-lattoglobulina proteica del latte, un agente rilevante per le reazioni allergiche, letteralmente “intasca” un metabolita della vitamina A chiamato acido retinoico. Ciò, tuttavia, richiederebbe alle mucche di ricevere una quantità sufficiente di questa vitamina, ad esempio attraverso un’abbondanza di foraggi verdi. Il caricamento con acido retinoico trasforma un potenziale allergene del latte in un tollerogenico del latte.

Se i bambini diventano allergici al latte vaccino, i loro corpi producono i linfociti Th2 cosiddetti. Queste sono cellule immunitarie specializzate che producono anticorpi per combattere le proteine ​​del latte come parte del sistema immunitario. Uno dei più importanti di questi cosiddetti allergeni del latte è la proteina Bos d5, meglio conosciuta come beta-lattoglobulina, come parte di una famiglia di proteine ​​note come le lipocaline. Il primo autore Karin Hufnagl spiega: “Questa speciale famiglia di proteine ​​è caratterizzata da sacche molecolari che possono contenere piccole molecole come l’acido retinoico, che è un metabolita della vitamina A. Il nostro studio ha dimostrato che una proteina del latte” vuota “supporta l’attivazione dei linfociti Th2 e così inizia una reazione a catena allergica, ma se, per così dire, intasca l’acido retinoico, le cellule immunitarie reagiscono moderatamente, senza una reazione immunitaria allergica”. “Un adeguato carico delle proteine ​​del latte potrebbe quindi impedire che i bambini piccoli o anche gli adulti diventano sensibilizzati ed esprimono un’allergia al latte”, riassume la direttrice di studio Erika Jensen-Jarolim.

Il latte e, soprattutto, il latte di mucca, è un prodotto alimentare essenziale per la maggior parte delle persone. Per i pazienti allergici, tuttavia, rappresenta un rischio. Oltre a causare un gonfiore della bocca o delle mucose, altri sintomi possono includere diarrea o dermatite e, in rari casi, possono anche provocare uno shock allergico. Inoltre, l’allergia al latte vaccino comporta il rischio di altre malattie allergiche, come la dermatite atopica o l’asma allergico. “Una quantità sufficiente di vitamina A per i produttori di latte, vale a dire le mucche, potrebbe contrastare questo effetto in cui una proteina alimentare innocua viene convertita in un allergene del latte”, dice Hufnagl. È incerto, tuttavia, se l’effetto positivo della vitamina A naturale mostrato nello studio possa essere raggiunto anche attraverso integratori alimentari. “L’integrazione artificiale di una dieta con vitamine potrebbe non avere lo stesso effetto degli agenti naturali e probabilmente porterà a un inadeguato caricamento degli allergeni del latte, pertanto è necessario fornire vitamina A in misura adeguata già durante la conservazione o l’alimentazione degli animali. Ciò può essere ottenuto, ad esempio, aumentando l’offerta di foraggi verdi”.

Questo spiega una differenza pratica fra mucche alleviate estensivamente (al pascolo libero), rispetto a quelle nutrite intensivamente (nella stalla con fieno e mangimi). Sembra che la Natura sappia il fatto suo….

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Hufnagl K et al., Jensen-Jarolim E. Sci Rep. 2018; 8(1):1598. 

Taheri-Kafrani A et al. J Biotechnol. 2015 Oct 20; 212:181-88.

Mensi A et al. J Agric Food Chem. 2014 Jun 25; 62(25):5916-24.

Mensi A et al. J Agric Food Chem. 2013 May 1; 61(17):4114-19.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI