Semi di papaya: le nuove perle nere della prevenzione

Semi di papaya: le nuove perle nere della prevenzione

 

La papaya non è molto popolare in certe aree del mondo. Ma come dimostreranno i benefici che seguono, incorporare i frutti nella dieta può contribuire a migliorare la salute e, in definitiva, a ridurre il rischio di malattia. Mentre la papaya è tipicamente disponibile come frutta fresca o secca tritata, molti dei suoi maggiori benefici in realtà provengono dai suoi semi. I semi hanno un sapore piccante e possono essere gustati crudi, secchi, frantumati o congelati; possono effettivamente agire come sostituti del pepe nero. Non c’è molta conoscenza circa le proprietà dei semi di papaya, anche nella comunità scientifica. L’analisi preliminare, tuttavia, ha rivelato la presenza di alcune interessanti classi di sostanze chimiche (chemio-preventivi) note per la loro capacità antiossidante, antinfiammatoria e antitumorale.

Affezioni intestinali

I semi e la frutta sono un aiuto digestivo che può uccidere amebe e parassiti dannosi. I semi contengono una classe di molecole chiamate isotiocianati, composti organici a base di zolfo con azione tossica sui vermi. Uno studio ha scoperto che i semi essiccati uccidevano efficacemente i parassiti intestinali umani senza effetti collaterali dannosi. Il loro consumo, quindi, offre una monoterapia economica, naturale, innocua, prontamente disponibile e una strategia preventiva contro la parassitosi intestinale, specialmente nelle comunità tropicali. Un altro studio ha scoperto che i semi proteggevano il tratto digestivo dalle ulcere aumentando la produzione di muco e diminuendo l’acidità gastrica.

Controllo della gravidanza

I semi di papaya sono una forma primitiva di controllo delle nascite con benefici misurabili. Negli studi sui topi, i topi maschi a cui sono stati fatti mangiare 20mg/Kg peso di semi di papaya, per via orale per 60 giorni, sono risultati significativamente meno fertili rispetto al gruppo di controllo. Negli studi sui conigli, gli animali hanno ricevuto 20mg al giorno per 150 giorni. Entro 45 giorni, la motilità degli spermatozoi e la vitalità sono state gravemente colpite. Entro il 75° giorno, solo l’1% degli spermatozoi era vitale. I ricercatori hanno scoperto che l’acrosoma dello spermatozoo, la parte centrale e la coda sono stati danneggiati dai semi. Anche le teste e le code erano staccate su molti esemplari. Durante lo studio, i conigli hanno raggiunto un tasso di fertilità dello 0% senza effetti collaterali negativi o perdita di libido. Meglio di tutti, gli effetti erano reversibili: 45 giorni dopo la fine dello studio, la fertilità è stata ripristinata in tutte le materie. Sebbene i semi possano aiutare a prevenire la gravidanza, non sono infallibili e non proteggono dalle malattie sessualmente trasmissibili, quindi dovrebbero essere usati insieme alla contraccezione convenzionale.

Disintossicazione del fegato

I semi di papaya erano tradizionalmente usati nella medicina tradizionale cinese per disintossicare il fegato e il corpo. Il frutto era anche noto per proteggere dal danno epatico indotto chimicamente. Mentre è stato documentato che i semi di papaya sono estremamente utili nel trattamento della cirrosi indotta dall’alcool e dalla malnutrizione, gli studi hanno prodotto risultati contrastanti. Solo un paio di studi hanno dimostrato come l’estratto di semi possa prevenire il danno cellulare, indotto da alcune tossine del fegato (solventi industriali) in ratti di laboratorio.

Disturbi infiammatori

i semi di papaya contengono diversi polifenoli che possono esercitare attività antinfiammatoria in alcuni contesti. Tra questi, principali sono l’acido ferulico, l’acido caffeico e la rutina. Uno studio molto recente ha confermato che l’estratto di papaya può sopprimere l’asma allergico nei topi (Inam A et al., 2017). Inoltre, i semi contengono papaina e chimopapaina, enzimi simili alla bromelina di ananas, che hanno la capacità di risolvere l’infiammazione e promuovere la guarigione. In America Latina, una pasta prodotta con i semi veniva tradizionalmente applicata a bruciature e ferite per accelerare il recupero. I semi sono anche comunemente usati nella medicina popolare a beneficio dell’artrite reumatoide, dell’osteoartrosi e di altre condizioni infiammatorie.

Malattie renali ed epatiche

I semi di papaya sono noti per proteggere i reni dall’insufficienza renale indotta da tossine. Uno studio pubblicato su African Health Science ha scoperto che i semi hanno la capacità di invertire il danno renale indotto dal paracetamolo (Naggayi M et al., 2015). Il paracetamolo o acetaminofene è un rimedio comune per la febbre e i sintomi da raffreddore. Anche se non è lesivo per lo stomaco, nel tempo può rappresentare una minaccia per le cellule renali e del fegato. Assieme ai FANS, i comuni anti-infiammatori, il paracetamolo è storicamente associato a maggiore rischio di comparsa di insufficienza renale cronica.

Pressione sanguigna, diabete e colesterolo

I semi di papaya hanno benefici cardiaci documentati. Poiché sono arricchiti in polifenoli (flavonoidi), i semi possono efficacemente controllare i livelli di glucosio nel sangue, ipertensione e ipercolesterolemia. Poiché gli isotiocianati, inoltre, sono efficaci induttori degli enzimi di disintossicazione, possono contribuire a normalizzare la produzione di colesterolo nel fegato come risposta ad uno squilibrio metabolico. La carpaina, un alcaloide che si trova nei semi, rallenta la frequenza cardiaca riducendo la pressione sanguigna. In termini di efficacia, è persino stato paragonato alla digitale, un farmaco generalmente prescritto ai cardiopatici.

Prevenzione dei tumori

Uno studio pubblicato su Journal Nutrition and Cancer ha esaminato le proprietà chemio-preventive dei semi. Hanno scoperto che i flavonoidi dei semi prevenivano la trasformazione tumorale attraverso meccanismi antiossidanti e antinfiammatori. In particolare, i composti proteggevano sia le cellule sane che il loro materiale genetico. Poiché i semi sono anche pieni zeppi di isotiocianati, composti che prevengono il cancro, essi migliorano la trascrizione delle proteine ​​chiamate “oncosoppressori”. Introdurre semi di papaya nella dieta, perciò, può rappresentare un modo economico per avere accesso a sostanze chemiopreventive. Gli isotiocianati sono gli stessi fitochimici presenti nelle verdure come cavolfiore, broccoli, cavoletti di Bruxelles, rapa, cavolo cappuccio e verza (Brassicacee). Sono più efficaci contro il tumore del polmone, del fegato, dell’esofago, dello stomaco, dell’intestino tenue, del colon e della ghiandola mammaria. Esistono diversi studi che mostrano l’effetto in vitro dell’estratto di semi di papaia sulle varie linee di cellulari tumorali (vedere le prime otto referenze bibliografiche sotto).

Qualche altro motivo per “mettere da parte” queste perle nere?

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Letteratura scientifica

Nakamura Y et a. Cancer Lett. 2000;157(2):193-200.

Aruoma OI et al. Biofactors. 2006; 26(2):147-59.

Miyoshi N et al. Int J Cancer. 2007 Feb 1;120(3):484-92.

Pathak N et al. Nutr Cancer. 2014; 66(5):857-71.

Nguyen TT et al. Toxins (Basel). 2015 Dec 24; 8(1).

Zuhrotun Nisa F et al. Pak J Biol Sci. 2017; 20(1):36-41.

Pandey S et al. Biomed Pharmacother. 2017; 89:515-523

Prado SBRD et al. Sci Rep. 2017 Nov 29; 7(1):16564.

Padilla FC et al. Arch Latinoam Nutr. 2008 Sep; 58(3):303-8.

Nafiu AB, Rahman MT. Pharm Biol. 2015 May; 53(5):662-71.

Pandey S et al. J Immunotoxicol. 2016 Jul; 13(4):590-602.

Somanah J et al. J Food Sci Technol. 2017 Jun; 54(7):1917-1927.

Inam A, Shahzad M et al. Phytomedicine. 2017 Aug 15; 32:1-7.

Abdullah M et al. Mol Nutr Food Res. 2011 May;55(5):803-6.

Fujita Y, Tsuno H, Nakayama J. PLoS One. 2017; 12(1):e0169240.

Jayasinghe CD et al. BMC Complement Altern Med. 2017; 17(1):230.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 601 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.