giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Menopausa: consumare più spesso i legumi la ritarda

La menopausa è il periodo nella vita di una donna quando il suo ciclo si ferma e non è più in grado di avere figli. Quando le persone parlano di sintomi della menopausa, spesso si riferiscono per luogo comune ai sintomi associati alla peri-menopausa, il tempo di transizione alla menopausa. L’età in cui una persona sperimenta la menopausa può avere un impatto sulla salute in vari modi. Infatti, oltre alla incapacità di procreare, la menopausa anomala (prima dei 40) o la menopausa precoce (che si verifica a 40-45 anni) possono portare con sé numerose complicazioni. Una perdita di densità ossea, un più alto rischio di malattie cardiache e una perdita di desiderio sessuale sono solo alcune delle conseguenze della menopausa precoce. L’esperienza della menopausa in età avanzata, d’altra parte, potrebbe avere alcuni benefici per la salute. Ad esempio, uno studio recente ha suggerito che una insorgenza più tardiva della menopausa potrebbe tenere a bada il declino cognitivo nelle donne anziane. Dati questi effetti sulla salute, è importante sapere quali fattori influenzano l’inizio della menopausa.

Questo è ciò che ha spinto Yashvee Dunneram, ricercatore presso la School of Food Science and Nutrition dell’Università di Leeds, nel Regno Unito, e colleghi a condurre uno studio sul legame tra l’inizio della dieta e la menopausa. Le loro scoperte sono state pubblicate sul Journal of Epidemiology & Community Health. Dunneram e colleghi hanno esaminato i dati disponibili dallo studio britannico Cohort Study – un’indagine su oltre 35.000 donne di età compresa tra i 35 ei 69 anni con base in Inghilterra. Oltre alle informazioni sull’età in cui queste donne hanno avuto la loro menopausa, lo studio ha incluso informazioni sul potenziale fattori confondenti come il peso e la storia riproduttiva, i livelli di attività fisica e l’uso della terapia ormonale sostitutiva. Utilizzando i dati tratti dai questionari sulla frequenza degli alimenti, i ricercatori sono stati in grado di stimare l’assunzione giornaliera di 217 prodotti alimentari consumati dai partecipanti. Di tutte le donne, 914 hanno sperimentato la menopausa naturalmente tra i 40 e i 65 anni.

L’età alla quale le donne hanno avuto la menopausa era di 51 anni e lo studio ha rilevato che alcuni alimenti erano legati al momento in cui si verificavano tali esiti. Nello specifico, ogni porzione di carboidrati, come pasta e riso, consumata al giorno, era correlata all’esperienza della menopausa 1,5 anni prima. Al contrario, per ogni porzione giornaliera di pesce e legumi freschi, come piselli e fagioli, il ritardo nell’insorgenza della menopausa era di oltre 3 anni. Inoltre, un consumo giornaliero più elevato di vitamina B6 e zinco era anche associato alla menopausa successiva. Confrontando i vegetariani con i mangiatori di carne, i ricercatori hanno scoperto che il consumo di carne era legato a un ritardo di 1 anno nell’insorgenza della menopausa. Tra le donne che non avevano avuto figli, una maggiore assunzione di uva e pollame era legata alla menopausa successiva. Il team ha concluso che la dieta può essere associata all’età in menopausa naturale. Questo può essere rilevante a livello di salute pubblica poiché l’età alla menopausa naturale può avere implicazioni sui futuri risultati di salute.

Questo era uno studio osservazionale, quindi non può spiegare la causalità. Tuttavia, gli scienziati speculano su alcuni meccanismi potenziali dietro le associazioni che hanno trovato. La loro spiegazione coinvolge specie reattive dell’ossigeno, i famosi radicali liberi, che possono danneggiare il nostro DNA. La maturazione delle uova e il loro rilascio, dice il team, sono influenzate negativamente dalle specie reattive dell’ossigeno. Ma i legumi contengono antiossidanti, principalmente dalla famiglia dei polifenoli, che potrebbero contrastare questi effetti negativi e ritardare l’inizio della menopausa. Inoltre, gli acidi grassi omega-3, che si possono trovare nei pesci grassi, sono pensati per stimolare l’attività antiossidante all’interno delle cellule umane, inducendo enzimi specifici. I carboidrati grezzi complessi presenti nei legumi non rappresentano una considerevole minaccia per l’omeostasi del glucosio, né nel sangue né negli organi. Al contrario, carboidrati raffinati (zuccheri semplici) sono un fattore di rischio per l’insulino-resistenza che, a sua volta, può aumentare la produzione di estrogeni, portando ad un inizio precoce della menopausa.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dunneram Y et al. J Epidemiol Community Health. 2018 Apr 30. 

Tanaka T, Yokota Y et al. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo). 2016; 62(5):341-49.

Messina M, Gleason C. Menopause. 2016 Dec;23(12):1348-1360. Review.

Dunneram Y, Jeewon R. Health Promot Perspect. 2015; 5(2):116-27.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Meglio thè verde o nero? Funzionano, ma diversamente

Il thè nero è una delle bevande americane più amate, che rappresenta circa l'80% di tutto il thè consumato nel paese. Per quanto riguarda i...

Biochimica del suicidio: scavalcando le “vecchie” dopamina e serotonina per fare evolvere una medicina personalizzata

Il suicidio per ragioni mediche o psichiatriche rappresenta una realtà drammatica della medicina clinica.Sebbene i sintomi principali della depressione siano psicologici, scienziati e medici...

Trapianti cellulari: i risultati preliminari del nuovo antiossidante ultra-potente

Le terapie cellulari sviluppate per trattare una serie di condizioni potrebbero essere migliorate da un composto chimico che aiuta la loro sopravvivenza, suggerisce la...

Questo si chiuderà in 20 secondi