Home ATTUALITA' & SALUTE Sucralosio: il dolce viaggio rischia di diventare amara odissea

Sucralosio: il dolce viaggio rischia di diventare amara odissea

Il sucralosio, un dolcificante artificiale ampiamente usato venduto con il nome commerciale Splenda®, è metabolizzato nell’intestino, producendo almeno due composti liposolubili, secondo uno studio recente che utilizza ratti. I ricercatori, della North Carolina State University e Avazyme Inc. – una società di test analitici – hanno utilizzato tecniche progettate per rilevare metaboliti sia grassi che idrosolubili. Ciò è significativo perché l’industria non ha utilizzato tecniche all’avanguardia che hanno preso di mira l’intera gamma di metaboliti liposolubili negli studi che ha presentato alla FDA, quando ha chiesto l’approvazione della FDA per il sucralosio. La scoperta differisce dagli studi utilizzati per ottenere l’approvazione normativa per il sucralosio, che ha riportato che la sostanza non è stata scomposta nel corpo. Il nuovo studio ha anche scoperto che il sucralosio stesso è stato trovato nei tessuti grassi del corpo. I dosaggi erano compresi nell’intervallo utilizzato negli studi di tossicologia storica presentati per l’approvazione normativa in Nord America, Europa e Asia. I ricercatori hanno utilizzato lo stesso modello sperimentale utilizzato dalla FDA. In questo caso, ciò comportava la somministrazione di una dose media di 80 mg / chilogrammo / giorno a 10 ratti per 40 giorni. L’urina e le feci dei ratti sono state raccolte e valutate per quei 40 giorni e per le due settimane successive.

Alla fine del periodo di follow-up di due settimane, è stato anche testato il tessuto adiposo di un sottogruppo di ratti. Le feci e l’urina sono state raccolte singolarmente da ciascun animale per ogni periodo di 24 ore durante il periodo di dosaggio di 40 giorni. L’analisi degli estratti di urina e di feci mediante spettrometria di massa tandem con cromatografia liquida ad altissime prestazioni (UHPLC-MS / MS), ha rivelato due nuovi prodotti di biotrasformazione che non sono stati precedentemente segnalati. In particolare, i metaboliti erano composti acetilati, che sono altamente lipofili – il che significa che sono facilmente sciolti nel grasso. Ciò significa che sono più propensi a rimanere nel corpo. Gli studi sul metabolismo storico apparentemente non sono riusciti a rilevare questi metaboliti, in parte perché gli investigatori hanno utilizzato una frazione di metanolo dalle feci per analisi insieme alla cromatografia su strato sottile e un analizzatore lineare di radioattività a bassa risoluzione. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che il sucralosio stesso è stato rilevato nei tessuti adiposi, o grassi, dei ratti due settimane dopo che i ratti avevano smesso di ricevere sucralosio. Quei metaboliti potrebbero ancora essere rilevati nelle urine 11 giorni dopo aver smesso di somministrare i ratti sucralosio e sei giorni dopo che il sucralosio stesso non poteva più essere rilevato.

“Le nostre tecniche erano più adatte per estrarre e preservare i metaboliti liposolubili”, dice Susan Schiffman, professore a contratto presso NC State e coautore del recente studio. “Siamo stati anche in grado di utilizzare tecniche analitiche allo stato dell’arte per identificare quei metaboliti. Abbiamo trovato due metaboliti nelle urine e nelle feci durante tutto il periodo di dosaggio del sucralosio. Questo è particolarmente interessante, dato che gli studi sul metabolismo che l’approvazione della FDA, era basata ha riferito che il sucralosio ingerito non è stato metabolizzato. Sulla base di studi precedenti, sappiamo anche che il sucralosio può essere trasmesso dalle madri che allattano nel loro latte materno“, afferma Schiffman. “Il nostro nuovo studio mostra che il sucralosio sta anche creando metaboliti i cui potenziali effetti sulla salute di cui sappiamo poco o nulla. “Di conseguenza, riteniamo che potrebbe essere il momento di rivedere la sicurezza e lo stato normativo del sucralosio” .Il profilo di sicurezza di questi metaboliti putativi di sucralosio non è noto in questo momento. Il sucralosio e uno dei suoi prodotti di idrolisi sono risultati essere mutageni a concentrazioni elevate in diversi metodi di prova. Si è riscontrato che la cottura con sucralosio a temperature elevate genera cloro-propanoli, una classe di composti potenzialmente tossici. Tutti gli studi sull’uomo e sui roditori hanno dimostrato che il sucralosio può alterare i livelli di glucosio, insulina e peptide simile al glucagone 1 ( GLP-1) nel sangue.

E, tra le altre scoperte, sappiamo che il sucralosio può ridurre l’abbondanza di batteri benefici nell’intestino. Un cupolo di anni fa, uno studio separato è stato condotto su ratti sucralosio è stato dato a, al fine di analizzare l’effetto sul microbiota intestinale. Il numero totale di anaerobi, bifidobatteri, lattobacilli, Bacteroides, clostridi e batteri aerobi totali era significativamente diminuito alla fine del periodo di trattamento di 12 settimane con perdite fino al 79,7% per i lattobacilli; non vi è stato alcun significativo effetto correlato al trattamento sugli enterobatteri. Questi cambiamenti nella conta batterica sono stati accompagnati da incidenze intermittenti di feci non formate o morbide, nonché da cambiamenti istopatologici nel colon, inclusi infiltrati linfocitari nell’epitelio, cicatrici epiteliali, deplezione lieve delle cellule caliciformi e disorganizzazione ghiandolare. Alla fine del periodo di recupero di 12 settimane, gli anaerobi e i bifidobatteri totali erano ancora significativamente ridotti. Il pH fecale è aumentato durante il periodo di trattamento (fino al 7,4%) ed è rimasto significativamente elevato alla fine del periodo di recupero di 12 settimane. Il sucralosio ha esibito attività antimicrobica nei confronti di due batteri orali coinvolti nella malattia parodontale, Aggregatibacter actinomycetemcomitans e Porfiromonas gingivalis, in uno studio in vitro. Il triclosan, come il sucralosio, è un composto triclorurato e viene utilizzato in molti prodotti di consumo come il dentifricio.

Presi insieme, questi risultati indicano che il sucralosio non è un composto biologicamente inerte. L’esposizione cronica a composti clorurati e non clorurati con proprietà antibatteriche può portare a resistenza antibiotica, un’emergenza che la sanità pubblica deve affrontare a causa del suo potenziale pericolo di vita. Sperando che il sucralosio non arrivi ad essere incriminato per questo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Bornemann V et al., Schiffman SS. J Toxicol Environ Health A. 2018 Aug 21:1-11.

Rother KI, Sylvetsky AC, Schiffman SS. Arch Toxicol. 2015 Nov; 89(11):2169-71.

Schiffman SS, Rother KI. J Toxicol Environ Health B Crit Rev. 2013; 16(7):399-451. 

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI