Batteri resistenti e allattamento: più è lungo più il bambino è protetto

Batteri resistenti e allattamento: più è lungo più il bambino è protetto

La presenza sempre più frequente di batteri resistenti agli antibiotici è tra le maggiori minacce globali alla salute umana. Secondo stime di ricerche precedenti, batteri e altri microrganismi resistenti agli antibiotici e ad altri farmaci, nel 2050, causeranno più morti del cancro, poiché le infezioni non possono più essere trattate efficacemente. Un recente studio completato presso l’Università di Helsinki ha studiato la quantità e la qualità dei batteri resistenti agli antibiotici nel latte materno e l’intestino delle coppie madre-bambino, risultando in tre risultati. In primo luogo, i bambini allattati al seno per almeno sei mesi avevano un numero inferiore di batteri resistenti nell’intestino rispetto ai bambini allattati al seno per un periodo più breve o per niente. In altre parole, l’allattamento al seno sembrava proteggere i bambini da tali batteri. In secondo luogo, il trattamento antibiotico delle madri durante il parto aumentava la quantità di batteri resistenti agli antibiotici nell’intestino infantile. Questo effetto era ancora evidente sei mesi dopo la consegna e il trattamento. La terza scoperta, nel frattempo, è stata che il latte materno contiene anche batteri resistenti agli antibiotici e che la madre è in grado di trasmettere questi batteri al bambino attraverso il latte. Tuttavia, l’allattamento al seno ha ridotto il numero di batteri resistenti nell’intestino infantile, un’indicazione dei benefici dell’allattamento al seno per i bambini.

La microbiologa Katariina Pärnänen della facoltà di Agraria e Forestale dell’Università di Helsinki ha esaminato con i suoi colleghi il latte materno e la materia fecale di 16 coppie madre-bambino. Il DNA nel latte e nelle feci è stato sequenziato, o il suo codice genetico è stato decodificato. Tuttavia, lo studio non si è concentrato sul DNA della madre trovato nel latte. Piuttosto, i ricercatori si sono concentrati sul DNA batterico e sui geni nel latte. Hanno creato la più ampia libreria di sequenze di DNA del latte materno fino ad ora. L’obiettivo specifico dello studio era il numero di geni di resistenza agli antibiotici (ARG). Tali geni rendono i batteri resistenti ad alcuni antibiotici e sono spesso in grado di trasferirsi tra i batteri. I singoli batteri possono avere diversi geni di resistenza agli antibiotici, rendendoli resistenti a più di un antibiotico. Lo studio ha dimostrato per la prima volta che il latte materno contiene un numero significativo di geni che forniscono resistenza agli antibiotici per i batteri e che questi geni, così come i loro batteri ospiti, sono molto probabilmente trasmessi ai lattanti nel latte. Le madri trasmettono i batteri resistenti agli antibiotici che risiedono nel loro intestino alla loro progenie anche in altri modi, ad esempio attraverso il contatto diretto. Tuttavia, solo alcuni dei batteri resistenti trovati nei bambini provenivano dalle loro madri. Il resto proveniva probabilmente dall’ambiente e da altre persone.

Lo studio, tuttavia, supporta l’idea che l’allattamento al seno nel complesso sia benefico per i bambini. Sebbene il latte materno contenga batteri resistenti agli antibiotici, gli zuccheri nel latte forniscono nutrimento ai batteri dell’intestino infantile, come i bifidobatteri, che vengono usati come probiotici. Il latte materno aiuta batteri così utili a guadagnare terreno da agenti patogeni resistenti, il che è probabilmente il motivo per cui i bambini che sono stati allattati per almeno sei mesi hanno meno batteri resistenti agli antibiotici nel loro intestino rispetto ai bambini che sono stati allattati per un periodo più breve. “Come regola generale, si può affermare che tutto l’allattamento al seno è per il meglio”, afferma Pärnänen; “l’effetto positivo dell’allattamento al seno era identificabile anche nei bambini che ricevevano la formula oltre al latte materno. Allattamento al seno parziale sembrava già ridurre la quantità di batteri resistenti agli antibiotici.Un’altra scoperta era che l’allattamento dovrebbe essere continuato per almeno i primi sei mesi della vita di un bambino o anche più a lungo Abbiamo già saputo che l’allattamento al seno è tutto sommato salutare e buono per il bambino, ma ora abbiamo scoperto che riduce anche il numero di batteri resistenti agli antibiotici”. Alle donne può essere prescritto un trattamento antibiotico endovenoso durante il travaglio per vari motivi, ad esempio se sono risultati positivi allo streptococco, un batterio pericoloso per i bambini.

In questi casi, il trattamento antibiotico ha lo scopo di prevenire la trasmissione di batteri che vivono nel canale del parto al bambino durante il parto. Il trattamento antibiotico può essere utilizzato anche se le acque della madre si sono rotte molto prima dell’inizio del travaglio, o se si sospetta altrimenti una potenziale infezione. Tuttavia, lo studio ha indicato che il trattamento antibiotico della madre aumenta il numero di batteri resistenti agli antibiotici nell’intestino del bambino. Mentre lo studio non ha dimostrato perché questo accade, secondo una teoria, i batteri che prima raggiungono l’intestino del bambino ottengono un vantaggio. Poiché gli antibiotici somministrati alla madre eliminano tutti i batteri, ad eccezione di quelli resistenti al farmaco, in tali consegne la madre è in grado di passare principalmente i batteri resistenti al proprio bambino. Tuttavia, il trattamento antibiotico somministrato durante il parto è solo uno di tutti i corsi antibiotici adottati dalle madri ad un certo punto della loro vita che possono avere un impatto sul microbiota intestinale dei bambini. La flora batterica nel nostro intestino cambia ogni volta che prendiamo antibiotici. Gli antibiotici uccidono sia i batteri buoni che quelli cattivi, lasciando in vita solo quei batteri resistenti all’antibiotico in questione. Questi batteri possono guadagnare un punto d’appoggio permanente nell’intestino, anche se la maggior parte degli altri batteri ritornerà subito dopo il trattamento antibiotico.

Poiché la madre trasmette ai bambini batteri resistenti agli antibiotici, tutti i cicli antibiotici adottati dalla madre nella sua vita possono anche influenzare la flora batterica dell’intestino del bambino e la prevalenza di batteri resistenti nell’intestino. I batteri resistenti agli antibiotici sono ovunque. Sono presenti nell’intestino umano, indipendentemente dal fatto che una persona abbia assunto antibiotici. Sono trasmessi tra individui nello stesso modo in cui batteri, virus e altri microrganismi di solito sono: attraverso, per esempio, il contatto diretto e nel cibo. Tutti i batteri resistenti non provocano malattie e, quindi, non danneggiano in alcun modo i loro portatori. In condizioni adeguate, tuttavia, tali batteri possono indurre l’insorgenza di una malattia o trasferire il gene che fornisce resistenza agli antibiotici ad un altro agente patogeno batterico. Poiché tali batteri non possono essere uccisi con antibiotici e poiché il sistema immunitario dei bambini è debole, le infezioni causate da batteri resistenti possono essere fatali per i bambini. In Finlandia, dove ha sede Pärnänen, i bambini muoiono di tali infezioni solo raramente. Tuttavia, studi precedenti mostrano che, a livello mondiale, oltre 200.000 neonati muoiono ogni anno di infezioni, causate da batteri resistenti agli antibiotici, che sono progredite fino allo stadio della sepsi. I problemi di salute che hanno origine da batteri resistenti sono accumulati da quelli con un‘immunità debole. I neonati e gli anziani sono particolarmente pericolosi. Poiché il sistema di difesa dei bambini deve ancora raggiungere l’efficienza dell’immunità degli adulti, i bambini piccoli spesso hanno bisogno di antibiotici per riprendersi dalle malattie, il che rende l’inefficacia dell’antibiotico più pericolosa per i bambini.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Pärnänen K et al. Nat Commun. 2018 Sep 24; 9(1):3891.

Korpela K et al., de Vos WM. Microbiome. 2018 Oct 16;6(1):182. 

van Wattum JJ et al. Basic Clin Pharmacol Toxicol. 2018 Jul 17.

Hultman J et al. FEMS Microbiol Ecol. 2018 Apr 1; 94(4).

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1069 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it