giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Stress: “restringe” il cervello già in mezza età, parola della risonanza

L’autore dell’ultimo studi nel settore Dr. Sudha Seshadri, professore di Neurologia presso l’UT Health San Antonio, spiega che livelli più alti di stress si traducono in livelli elevati di cortisolo nel sangue: “Un livello elevato di cortisolo nel sangue può predire la dimensione del cervello, la funzione e anche le prestazioni dell’individuo di fronte ai test cognitivi. Abbiamo riscontrato una perdita di memoria e una contrazione del cervello in persone relativamente giovani, molto prima che si potessero vedere tutti i sintomi”. Non è mai troppo presto per essere consapevoli di ridurre lo stress”, ha aggiunto. L’autore principale, il dott. Justin B. Echouffo-Tcheugui, professore associato di Medicina presso la Johns Hopkins University, ha anche affermato che i sintomi di perdita di memoria e danni cerebrali legati allo stress possono non essere evidenti fino a quando non sono già stati fatti molti danni. Gli esperti hanno detto che l’ormone dello stress cortisolo sale nel sangue quando una persona si trova di fronte a continue minacce che istruiscono il corpo a essere pronto per “combattere o fuggire”. Questo ormone quindi spegne diverse funzioni corporee e si concentra sul “pericolo in atto”. Dopo che la crisi è finita, i livelli di cortisolo dovrebbero scendere e le funzioni del corpo dovrebbero riprendere. Negli individui in cui ciò non accade, i livelli di cortisolo rimangono alti e attivano il corpo per le minacce. Questo porta a problemi con varie funzioni, ansia, malattie cardiache, depressione, aumento o perdita di peso, difficoltà a dormire, mal di testa, difficoltà di concentrazione e compromissione della memoria. E’ normale che il cervello è più colpito, perché è vitale che esso riceva i nutrienti per funzionare normalmente.

Ci sono stati studi precedenti che hanno esaminato l’associazione tra i livelli di cortisolo e la perdita di memoria tra gli anziani. Questo è il primo studio a guardare le persone più giovani. Questo studio ha partecipanti che hanno un’età media di 48 anni, afferma Sheshadri. Mentre studi precedenti si concentravano su una zona del cervello – l’ippocampo – sede della memoria, per rilevare l’associazione tra perdita di memoria e cortisolo, questo studio ha esaminato le scansioni MRI dell’intero cervello, ha spiegato Sheshadri. Per questo studio la squadra di ricercatori ha esaminato 2231 individui che non avevano sintomi di demenza. Sono stati sottoposti a numerosi test cognitivi e esami psicologici per rilevare le loro capacità di pensiero e memoria. I partecipanti facevano parte del Framingham Heart Study a lungo termine sponsorizzato dal National Heart, Lung and Blood Institute (che ha seguito gli individui e le loro future generazioni a Framingham, Massachusetts, dal 1948). I singoli record sono stati nuovamente misurati dopo un intervallo di 8 anni. I livelli di cortisolo nel sangue sono stati misurati prima della colazione (quando i livelli sono più alti durante il giorno) seguiti da una risonanza magnetica cerebrale. La memoria e i test cognitivi sono stati nuovamente somministrati ai partecipanti. Sono stati considerati i fattori che potrebbero influenzare i risultati come età, sesso, indice di massa corporea, pressione sanguigna, stato del fumo, stato educativo, background socioeconomici ecc. I risultati hanno mostrato che coloro che avevano i livelli di cortisolo più alti avevano la maggiore perdita di memoria osservata nei test.

Lo studio ha inoltre rilevato che quelli con un livello elevato di cortisolo hanno anche avuto più danni a parti del cervello che trasportano informazioni attraverso diverse parti del cervello – la corona radiata e il ponte tra i due emisferi cerebrali – il corpo calloso. Quelli con livelli di cortisolo più alti avevano anche un cervello più piccolo e quindi anche la loro capacità cerebrale era ridotta. Il volume totale del cervello cerebrale era 88,7 e 88,5 nelle persone con livelli normali e alti livelli di cortisolo, rispettivamente. Gli esperti hanno detto che questi cambiamenti sono visti tra gli individui di mezza età. Con l’età è probabile che ci sia più restringimento del cervello e più perdita di memoria. Le donne sembravano essere più colpite dallo stress ormone cortisolo rispetto agli uomini, lo studio ha osservato. Le loro dimensioni del cervello si sono ristrette di più con lo stress. L’ormone femminile potrebbe svolgere un ruolo in queste circostanze, secondo gli esperti. L’estradiolo è neuroprotettivo e influenza positivamente le cellule cerebrali, mantenendo la vitalità neuronale, la forza della sinapsi e il cognitività. Secondo Sheshadri, questo è uno studio di associazione e non uno studio di “causa-effetto”. Tuttavia l’associazione è chiara e le persone hanno bisogno di apportare cambiamenti nello stile di vita per ridurre lo stress, ha detto. Echouffo-Tcheugui ha anche detto che il prossimo passo sarebbe uno studio prospettico per vedere come lo stress altera la funzione cerebrale. Ha aggiunto che potrebbe essere troppo presto per “prendere in considerazione l’intervento” per rimuovere i danni legati allo stress.

Prevenire e ridurre lo stress sarebbe un’opzione più saggia. I metodi suggeriti per ridurre lo stress includono dormire a sufficienza, fare esercizio fisico e meditare regolarmente. Ma questo dovrebbero già saperlo tutti.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Echouffo-Tcheugui JB et al., Seshadri S. Neurology. 2018 Oct 24.

Seo D et al. Psychoneuroendocrinology. 2018 Aug 17; 99:38-46.

Shermohammed M et al. J Cogn Neurosci. 2017; 29(11):1803-16.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Intolleranza al lattosio: gli interventi per una condizione che necessiterebbe anche della corretta igiene mentale

Reazioni avverse al latte vaccino Nonostante i benefici medici accertati del consumo di latte vaccino, i suoi componenti, tra cui le proteine del latte e...

Fibrosi cistica: approvati i primi farmaci ufficiali in Inghilterra

La fibrosi cistica è una malattia genetica associata alla produzione di muco indebitamente denso e tenace dalle vie aeree, che porta a malattie polmonari...

Mental health: postpartum women are at greater risk with IBD comorbidity

Inflammatory bowel disease, or IBD, are a group of chronic gastrointestinal disorders in which people have ulceration, inflammation, and bleeding of their gastrointestinal tract,...

Questo si chiuderà in 20 secondi