Vitamina D e diabete femminile: serve davvero alla gestione o ai sintomi depressivi annessi?

Il diabete colpisce 1 su 10 persone negli Stati Uniti e si prevede che aumenterà a 1 su 3 adulti entro il 2050. Inoltre, la depressione, che colpisce oltre il 25% delle donne con diabete di tipo 2 (T2DM), aggrava la gestione dei pazienti diabete e accelera la loro morbilità e mortalità. Al contrario, prove recenti suggeriscono che il costo del diabete può essere significativamente ridotto quando viene trattata la depressione comorbida dei pazienti. Gli antidepressivi possono alleviare efficacemente la depressione e i suoi sintomi correlati nelle persone con T2DM. Tuttavia, gli effetti collaterali riportati includono l’interruzione del controllo glicemico e l’aumento di peso. L’integrazione di vitamina D ha pochi effetti collaterali ed è un trattamento economico per molte condizioni. Recentemente, è stato studiato per il miglioramento della depressione. sintomi e come terapia aggiuntiva per la depressione. I recettori della vitamina D esistono nel cervello e svolgono un ruolo importante nel funzionamento neuroendocrino. La ricerca indica che livelli più bassi di vitamina D possono influenzare negativamente la crescita, la segnalazione cellulare e l’attività neurale nel cervello.

Poiché la vitamina D è stata anche collegata alla produzione di serotonina e bassi livelli di serotonina sono presenti nella depressione, può essere utile per le persone depresse. Gli studi hanno esaminato l’impatto della vitamina D sulla depressione e della vitamina D sul diabete, ma non quando queste due condizioni sono comorbide. Una revisione delle prove riguardanti la vitamina D per entrambe queste condizioni è tempestiva e necessaria. Per quanto riguarda la depressione, un riassunto dei primi studi ha suggerito un’efficace individuazione e trattamento dei bassi. la vitamina D nelle persone con depressione potrebbe essere una terapia che potrebbe migliorare i loro risultati sulla salute e la qualità della vita. Diverse revisioni sistematiche e meta-analisi hanno esaminato la relazione tra vitamina D e depressione. Una metanalisi del 2010 e due del 2013 hanno riportato un miglioramento significativo dell’umore in donne depresse che assumevano terapia integrativa con precursori della VD3. Tuttavia, una recensione postuma ha osservato che il metodo usato negli studi differiva, a fronte della buona qualità di ognuno di essi.

Rivedendo i dati, è stato notato che non c’era molta differenza fra l’efficacia dell’utilizzo della vitamina D e dei farmaci antidepressivi utilizzati per trattare le donne con depressione. Infine, una revisione sistematica e una metanalisi nel 2014 utilizzando le linee guida di Cochrane e PRISMA hanno esaminato l’integrazione di vitamina D per il trattamento dei sintomi depressivi. Hanno identificato sette RCT e non hanno trovato alcun effetto sui sintomi depressivi dopo l’integrazione. Tuttavia, per i partecipanti che presentavano sintomi depressivi significativi o disturbo depressivo, si è verificato un effetto moderato significativo (p = 0,046). Ancora una volta, la quantità, la frequenza, la durata e il tipo di integrazione con vitamina D sono stati variati e hanno influito sui risultati dello studio. Nel complesso, l’evidenza suggerisce che per gli studi che esaminano il beneficio della supplementazione di vitamina D sulla depressione, è importante che i partecipanti abbiano sintomi depressivi significativi e livelli più bassi di vitamina D prima del trattamento.

Pertanto, l’ultimo studio pubblicato da un team di scienziati dell’Università di Loyola di Chicago include donne con sintomi depressivi significativi e livelli più bassi di vitamina D, per testare efficacemente i benefici della supplementazione di vitamina D. Queste donne, tuttavia, erano anche diabetiche, il che non era stato mai valutato prima. Dal momento che le prove riguardanti il beneficio della supplementazione di vitamina D nelle persone con T2DM è limitato, l’attuale studio fornisce informazioni aggiuntive sui suoi benefici nelle donne con T2DM. I risultati hanno indicato che per le donne depresse con T2DM, l’integrazione settimanale di vitamina D2 per un periodo di sei mesi ha migliorato significativamente la depressione anche dopo aver controllato per etnìa, stagione di iscrizione, vitamina D basale, depressione minima e BMI. Diversi studi hanno riferito che la supplementazione di vitamina D migliora la depressione. Nel trial clinico di Jorde et al., c’è stato un significativo miglioramento della depressione (n=441) per coloro che hanno assunto 20.000UI o 40.000UI di D3 ogni settimana per un anno rispetto a un placebo.

Il miglioramento è stato più elevato nelle donne, ma hanno anche avuto sintomi più depressivi rispetto agli uomini. Nel presente studio, per le donne con T2DM che hanno riferito di assumere farmaci per migliorare il loro umore (antidepressivi o ansiolitici) prima di iniziare la vitamina D2, il miglioramento della depressione era inferiore di quello per coloro che non assumono questi farmaci nonostante punteggi comparabili della depressione al basale. Nel presente studio, c’è stato un miglioramento dell’ansia, sia stato che tratto, ma nessun beneficio della vitamina D nel miglioramento della percezione salute fisica, né sui livelli di emoglobina glicata. Dato che lo è il tasso di depressione nelle donne con diabete significativamente più alto rispetto agli uomini con diabete e alle conseguenze della depressione sugli esiti cardiovascolari sono peggiori per le donne, ulteriori studio sulla supplementazione di vitamina D per il trattamento di sintomi depressivi e / o depressione sono necessari. Questo studio, intanto fornisce prove preliminari che l’uso di integratori di vitamina D può migliorare l’umore, entrambi depressione e ansia, nelle donne diabetiche.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Penckofer S et al. J Diab Res. 2017; 2017:8232863.

Kammer JR et al. J Diab Compl. 2016; 30(2):242.

Schaffer JA et al. Psychosomatic Med 2014; 76(3):190–196.

Spedding S et al. Nutrients 2014; 6(4):15011518.

Penckofer S et al. Issue Mental Health Nurs 2010; 31(6):385.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2447 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it