Caregivers ed ansia: per chi si occupa di pazienti diabetici, non è indifferente

Il diabete mellito è un gruppo di malattie metaboliche in cui l’iperglicemia deriva da una secrezione di insulina difettosa o dall’azione dell’insulina o da entrambi. L’iperglicemia cronica provoca disfunzione a lungo termine di vari organi, in particolare occhi, reni, nervi, cuore e vasi sanguigni. I sintomi di iperglicemia marcata includono poliuria, polidipsia, polifagia, perdita di peso, aumento della suscettibilità alle infezioni e visione offuscata occasionale. Il diabete è generalmente classificato in due tipi: insulino-dipendente e non-insulino-dipendente. Il diabete non insulino-dipendente si sviluppa a causa dell’insulino-resistenza nelle persone obese. Un terzo tipo di diabete, il diabete mellito gestazionale, si verifica solo nelle donne in gravidanza. L’incidenza di malattie croniche nei bambini è in aumento; Dal 7% al 18% dei bambini negli Stati Uniti soffre di malattie croniche. Queste malattie croniche colpiscono non solo il bambino ma anche l’intera famiglia del bambino.

Secondo uno studio che confronta i genitori di bambini con diverse malattie, i genitori di bambini con diabete di tipo 1 e asma hanno riportato un maggiore stress. Lo stress nei genitori di bambini con diabete è multifattoriale, ma è direttamente collegato all’aumento dell’ansia dei genitori, alla diminuzione della speranza e alla riduzione dei sentimenti di autoefficacia. C’è un effetto negativo sulla salute mentale dei membri della famiglia quando c’è un bambino con diabete in famiglia. L’impatto è stato valutato da un team congiunto di scienziati del Sindh Medical College, della Dow University of Health Sciences e della Baqai Medical University. In questa ricerca caso-controllo, il gruppo di casi era composto da 60 caregiver di bambini (fino a 14 anni) con diabete e il gruppo di controllo consisteva di 60 caregiver di bambini (fino a 14 anni) senza diabete. Il team ha utilizzato un questionario validato e due scale, PHQ-9 (Questionario sulla salute del paziente) e GAD-7 (Disturbo d’ansia generalizzato).

Le informazioni raccolte includevano fattori socio-demografici, fattori correlati alla malattia del bambino e fattori di stile di vita valutati attraverso interviste al caregiver. Tra i caregiver nel gruppo di casi, il 56% aveva una depressione lieve, il 42% aveva una depressione moderata e il 2% aveva una depressione grave secondo la valutazione PHQ-9. L’analisi GAD-7 ha rivelato che il 38% degli operatori sanitari nel gruppo del caso non aveva ansia, il 35% aveva un’ansia lieve, il 22% aveva un’ansia moderata e il 5% aveva un’ansia grave. Non vi era alcuna differenza significativa nell’incidenza della depressione tra i caregiver del caso e del gruppo di controllo. Tuttavia, i caregiver dei bambini con diabete erano significativamente più ansiosi dei caregiver dei bambini senza diabete. Due dei 14 caregiver nel gruppo di casi di età superiore ai 40 anni soffrivano di grave ansia, mentre solo uno dei tre caregiver nel gruppo di casi di età inferiore ai 25 anni aveva una forte ansia. Di quelli di età compresa tra 25 e 40 anni, nessuno aveva una forte ansia.

Questi dati indicano quindi un’associazione positiva tra l’età del caregiver e l’ansia grave. C’era anche un’associazione tra l’età del caregiver e la depressione moderatamente grave. Uno dei tre caregiver nel gruppo di pazienti di età inferiore ai 25 anni aveva una depressione moderatamente grave mentre nessuno dei caregiver di età superiore ai 25 aveva una depressione moderatamente grave. Un’altra associazione è stata trovata tra consanguineità e grave ansia. Tre dei 24 caregiver senza matrimoni consanguinei soffrivano di grave ansia, mentre nessuno dei 36 caregiver nei matrimoni consanguinei aveva una forte ansia. I fattori associati alla depressione e all’ansia possono essere controllati e gestiti per ridurre l’insorgenza della depressione in questi caregiver. Quei caregiver che possono mantenere il controllo glicemico del loro bambino entro i limiti di riferimento sono inclini ad avere un livello più alto di stress.

Pertanto, è essenziale che gli operatori sanitari valutino lo stress dei caregiver indipendentemente dall’apparente controllo glicemico del bambino. Inoltre, gli operatori sanitari dovrebbero essere consapevoli delle differenze nello stress genitoriale legate alla cura dei bambini con malattie a lungo termine, e considerare modi per contribuire a migliorare il benessere di questi caregiver.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Whittemore R et al. Diabetes Educ 2012; 38:562.

Lewin AB et al. Fam Syst Health 2005; 23:56-65.

Stallwood L. J Pediatr Health Care 2005; 31:293.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2445 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it