Metformina: per il diabete o per i chili di troppo?

Metformina: le corrette informazioni e

Generalità ed uso

La metformina è un farmaco che i medici usano per curare le persone con diabete di tipo 2. Funziona insieme ad altri farmaci e insulina per abbassare la glicemia nelle persone con questa condizione. I medici di solito non prescrivono metformina per il diabete di tipo 1. A volte possono prescriverlo per le donne con sindrome dell’ovaio policistico, anche se questo uso non è approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) in tutte le nazioni. Allo stesso modo, la FDA non ha approvato la metformina per aiutare coloro in sovrappeso o obesi che vogliono perdere chili. E’ provato che persone con diabete di tipo 2 hanno perso peso con l’assunzione di metformina, ma non sono le uniche a beneficiare del farmaco in questo modo. Diversi studi condotti su persone in sovrappeso o obese e con insulino-resistenza, hanno parlato di perdite peso durante l’assunzione di metformina. Mentre alcune prove suggeriscono che la metformina conduce alla perdita di peso, i medici non sono certi di come funzioni né gli scienziati hanno capito perfettamente tutti i meccanismi molecolari che stanno dietro a questo farmaco.

Il dosaggio giornaliero della metformina per i pazienti con diabete di tipo 2, dipende dall’andamento della malattia. Circa le raccomandazioni e le linee guida sul dosaggio, per metformina e compresse a rilascio prolungato, le dosi sono comprese tra 500 e 1000 mg e non devono superare i 2500 mg al giorno per gli adulti. In dipendenza dall’andamento della patologia, alcune persone assumono una compressa da 500mg a pranzo ed una a cena; altre hanno bisogno di raddoppiare le dosi, per mantenere la glicemia entro valori accettabili. In questo secondo caso, generalmente, ci si trova di fronte ad individui con sovrappeso o francamente obesi. Se una persona salta una dose di metformina, dovrebbe cercare di prenderlo il prima possibile. Se sono molto vicini alla loro dose programmata successiva, la dose dimenticata deve essere saltata. Non è raccomandato il raddoppio delle dosi di metformina. Come sempre, una persona dovrebbe parlare con il proprio medico del dosaggio corretto e di eventuali cambiamenti nei loro farmaci.

Rischi ed effetti collaterali

La metformina può avere alcuni effetti collaterali potenzialmente pericolosi e l’FDA è stata molto chiara al riguardo. Sebbene raramente, la metformina può causare acidosi lattica, un accumulo pericoloso di acido lattico nel sangue. Se si sta assumendo metformina e si verifica uno dei seguenti sintomi: debolezza, difficoltà respiratorie, stanchezza, senso di vertigini, dolore muscolare inspiegabile o insolito, sonnolenza insolita, nausea o vomito e lentezza o battito cardiaco irregolare, ci si dovrebbe andare immediatamente al pronto soccorso per il trattamento. Le persone a maggior rischio di sviluppare acidosi lattica includono coloro che usano o abusano di alcool durante l’assunzione di metformina; e persone con problemi al fegato o ai reni.

Un altro effetto collaterale grave è una ipoglicemia, quando ciò si verifica, il livello di zucchero nel sangue scende a livelli non sicuri. Se la glicemia di una persona scende troppo, infatti, si è a rischio di attacchi epilettici, svenimento, danni cerebrali e persino morte. Il trattamento per una glicemia bassa deve essere avviato immediatamente per evitare alcuni degli effetti collaterali più gravi. I sintomi di ipoglicemia possono includere: sonnolenza, irritabilità, mal di testa, debolezza, confusione, sudorazione e vertigini. Il trattamento consiste nell’assumere 10-15 grammi di zucchero in diversi modi, tra cui bevande zuccherate, bustine e caramelle. Ci sono anche altri effetti collaterali meno gravi che la metformina può causare. Alcuni di questi che una persona può sperimentare includono diarrea, nausea e bruciore di stomaco.

=================

I medici tendono a raccomandare alcuni cambiamenti nella dieta e nello stile di vita insieme a metformina e farmaci per il diabete di tipo 2 o pre-diabete. Molti di questi cambiamenti di dieta e stile di vita possono anche portare alla perdita di peso se la persona segue le raccomandazioni. La sola metformina può non essere sufficiente a causare la perdita di peso se non vengono adottate altre abitudini salutari dalla persona che usa la metformina. Le persone che sperano di perdere peso con la metformina dovrebbero anche seguire una dieta ipocalorica, ricca di nutrienti e fare regolarmente dell’esercizio fisico. Coloro che non aderiscono ad altre abitudini sane non possono perdere peso con la metformina, perché il solo condizionamento del metabolismo non solo è inefficace, ma rischia di far spuntar fuori fenomeni o effetti indesiderati. Si ricorda, inoltre, che il fenomeno si verifica nei pazienti diabetici proprio perché rispettano una dieta con pochi zuccheri e altre componenti di uno stile di vita più consono (niente alcolici, passeggiata dopo pranzo, ecc.).

La metformina può essere utilizzata per la perdita di peso?

La FDA non ha approvato la metformina per scopi di perdita di peso. Tuttavia, alcuni medici lo possono prescrivere a persone in sovrappeso, obese e che soffrono di diabete di tipo 2 o pre-diabete. Detto questo, se la metformina è prescritta a qualcuno che soddisfa queste condizioni, quella persona deve adottare altre abitudini salutari per sostenere la perdita di peso. Queste abitudini includono seguire una dieta ricca di sostanze nutritive e ipocalorica e fare regolarmente esercizio fisico. La metformina non è un farmaco rapido e miracoloso; è molto più probabile che le persone che la assumono perderanno peso gradualmente nel tempo. Vale anche la pena notare che le persone che perdono peso durante l’assunzione di metformina, possono recuperarla se smettono di assumere il farmaco. Il dosaggio esatto di metformina che le persone dovrebbero assumere varierà. Meglio in questo caso parlare al proprio medico circa il dosaggio corretto e segnalare eventuali effetti collaterali dopo l’assunzione del farmaco.

Alternative alla metformina

Ci sono molti modi per perdere peso senza usare metformina. La maggior parte di essi include una dieta ragionevole e cambiamenti nello stile di vita. I seguenti passaggi possono aiutare una persona a iniziare a perdere peso:

  • seguire una dieta salutare basata sul consumo abbondante di frutta e verdure
  • limitare lo zucchero da tavola e altre cose dolci
  • tenere un diario alimentare per monitorare la dieta
  • bere molta acqua e dormire a sufficienza
  • eseguire almeno 30 minuti di esercizio cinque volte a settimana
  • aggiungere esercizi di allenamento per la forza muscolare.

In alcuni casi, ottenere supporto da amici e familiari non è una scelta sbagliata, né di cui vergognarsi. Consigli, raccomandazioni e supporto psicologico possono far presa su coloro che sono sensibili a queste forme di sollecito. La chirurgia bariatrica, infine, è l’ultima frontiera per le persone che sono obese e incapaci di perdere peso in altri modi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

 

Letteratura scientifica

Coppell KJ e tal. BMC Fam Pract. 2017 Dec 21; 18(1):106. 

Li M et al. Medicine (Baltimore). 2017 Sep; 96(39):e8161.

Kelly AS et al. Int J Obes (Lond). 2016 Jul; 40(7):1043-50.

Tan MH et al. Endocrinol Metab Clin North Am. 2016 Dec; 45(4):819-843.

Esquivel MA, Lansang MC. Cleve Clin J Med. 2017 Jul; 84(7 Suppl 1):S22-S29.

Qaseem A, Barry MJ, Humphrey LL, Forciea MA; Clinical Guidelines Committee of the American College of Physicians. Ann Intern Med. 2017 Feb 21; 166(4):279-290.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 601 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.