Colazione presto o tardi? Dipende a che ora vai a letto

Il diabete di tipo 2 rappresenta la stragrande maggioranza dei casi di diabete. Si sviluppa quando il corpo non risponde correttamente all’insulina. Questo ormone aiuta le cellule ad assorbire e utilizzare gli zuccheri nel sangue per produrre energia. Il pancreas cerca di compensare facendo più insulina, ma alla fine, non può tenere il passo. Ciò può causare iperglicemia o glicemia alta, che può portare a gravi problemi di salute. L’obesità è un fattore di rischio riconosciuto per il diabete di tipo 2 e colpisce la maggior parte delle persone con diagnosi di malattia. L’epidemia di obesità globale è considerata la ragione principale per cui i tassi di diabete sono aumentati drammatica mente negli ultimi 20 anni. Negli Stati Uniti, ad esempio, dove oltre un terzo degli adulti è obeso, si stima che almeno il 12% delle persone di età pari o superiore ai 18 anni sia diabetica.

Andare a letto più tardi è legato all’obesità nelle persone con diabete di tipo 2, e il fattore principale che guida questa relazione è fare colazione dopo. Questa fu la conclusione di un nuovo studio ora pubblicato sulla rivista Diabetic Medicine. La ricerca è stata condotta da Sirimon Reutrakul, professore associato di Endocrinologia, Diabete e Metabolismo nel College of Medicine dell’Università dell’Illinois a Chicago. Il prof. Reutrakul suggerisce che mangiare più tardi provoca uno spostamento dell’orologio biologico che regola i ritmi giorno-notte. Altri studi hanno proposto che questo possa interrompere il metabolismo energetico. Nel documento di studio, il Prof. Reutrakul e colleghi fanno riferimento a ricerche che indicano che una preferenza per l’ora di andare a dormire e i pasti più tardi è legata all’obesità, ma si noti che l’evidenza di ciò è “carente nelle persone con diabete di tipo 2”.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno analizzaato come le seguenti variabili possono essere correlate tra loro in persone con diabete di tipo 2: tempi dei pasti, schemi di alzarsi e andare a letto presto e tardi, che gli autori chiamano “morningness-eveningness preference”; e indice di massa corporea (BMI), che è stato usato come misura dell’obesità. Inoltre, i ricercatori hanno condotto una “analisi di mediazione” per determinare se la preferenza di morningness-eveningness avesse un effetto diretto sul BMI, o se il timing dei pasti potesse guidare indirettamente l’effetto. I partecipanti erano 210 residenti in Tailandia in età lavorativa, con diabete di tipo 2, che non stavano lavorando turni. I dati sugli schemi di morningness-eveningness derivano dalle risposte che hanno fornito in un questionario standard chiamato Composite Scale of Morningness (CSM).

I ricercatori hanno valutato le preferenze di morningness-eveningness dalle risposte alle domande su: il risveglio preferito e l’orario di andare a dormire, l’orario preferito per l’esercizio fisico e l’orario preferito per il lavoro, la lettura e altre attività mentali. Il CSM produce un punteggio che va da 13 per “preferenza di sera estrema” a 55 per “preferenza di mattina estrema”. I ricercatori hanno deciso che il punteggio al di sotto dei 45 anni indicava una preferenza serale e oltre 45 indicavano una preferenza mattutina. Da interviste, ulteriori questionari ed esami fisici, il team ha anche raccolto dati su: tempi di pasto, assunzione giornaliera di calorie, durata e qualità del sonno, peso e altezza (per calcolare il BMI). I risultati hanno mostrato che, in media, i partecipanti: dormivano per 5,5 ore ogni notte, consumavano 1.100 calorie al giorno e avevano un BMI di 28,4 (che è nel range di sovrappeso).

Inoltre, gli scienziati hanno scoperto che 113 partecipanti avevano una preferenza per le mattine (punteggio CSM superiore a 45) e fatto colazione tra le 7:00 e le 8:30, mentre i restanti 97 mostravano una preferenza per le serate (punteggio CSM inferiore a 45) e facevano colazione tra 7:30 e 9:00 am. Hanno anche scoperto che quelli che preferiscono la mattina mangiano tutti i pasti prima, non solo le loro colazioni. Ulteriori analisi hanno rivelato che una maggiore preferenza serale era legata all’aumento del BMI. Tuttavia, l’apporto calorico e i tempi di pranzo e cena non erano legati a un BMI più elevato. L’analisi della mediazione ha mostrato che una preferenza per le mattinate era legata a una colazione precedente ed a un BMI inferiore di 0,37. Come concludono i ricercatori, “il ritardo della colazione ha mediato la relazione tra preferenza mattina-sera e BMI. Rimane da investigare se fare colazione prima aiuterebbe a regolarizzare il peso corporeo”.

  • a cura dell Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Nimitphong H et al., Reutrakul S. Diabet Med. 2018 Apr 13. 

Reutrakul S, Van Cauter E. Metabolism. 2018 Mar 3. 

Manodpitipong A et al. J Sleep Res. 2017 Dec; 26(6):764-772.

Anothaisintawee T et al. J Diabetes Res. 2017; 2017:6830671.

Saetung S et al.  Reutrakul S. Behav Sleep Med. 2017 Jun 15:1-11.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it