venerdì, Febbraio 23, 2024

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Diabete tipo 1: rivalutate le diete a bassissimo tenore di carboidrati

Le diete a basso contenuto di carboidrati possono migliorare il controllo della glicemia nel diabete di tipo 1, con bassi tassi di ipoglicemia e altre complicazioni, secondo un sondaggio online dei pazienti. I ricercatori, guidati da Belinda Lennerz, MD, PhD, e David Ludwig, MD, PhD, del Boston Children’s Hospital, ora richiedono prove cliniche controllate di questo approccio. I risultati sono stati riportati oggi sulla rivista Pediatrics. I pazienti sono stati tratti da TypeOneGrit, una comunità di Facebook di persone con diabete di tipo 1 impegnate in una dieta a basso contenuto di carboidrati come raccomandato dal libro Dr. Bernstein’s Diabetes Solution (Richard Bernstein, MD, è un co-autore dello studio). Delle 493 persone che hanno partecipato al sondaggio, 316 hanno fornito informazioni sufficienti per essere incluse nell’analisi. Per 138 di questi partecipanti, i ricercatori sono stati in grado di confermare diagnosi di diabete, misure di controllo della glicemia, misure di salute metabolica e altri risultati con gli operatori sanitari o attraverso la revisione delle cartelle cliniche. Il 42 percento dei partecipanti erano bambini.

I partecipanti hanno riportato un’assunzione media giornaliera di carboidrati di 36 grammi, pari a circa il 5% delle calorie totali (per confronto, l’American Diabetes Association raccomanda che circa il 45% delle calorie provenga dai carboidrati). Valori di emoglobina A1c auto-riportati – la misura primaria del controllo della glicemia – mediamente nella gamma normale, al 5,77% (l’obiettivo è inferiore al 7% e i livelli prevalenti sono nella media dell’8,2%). I partecipanti hanno richiesto dosi di insulina inferiori alla media (media, 0,40U/kg/die) e quelle per cui i dati erano disponibili avevano misure favorevoli di sensibilità all’insulina e salute cardiometabolica, come bassi livelli di trigliceridi e alti livelli di colesterolo HDL. Preoccupazioni di sicurezza sono state sollevate su diete a bassissimo contenuto di carboidrati nel diabete di tipo 1, principalmente perché aumentano il rischio di ipoglicemia. Tuttavia, nello studio, i tassi di ospedalizzazione per ipoglicemia (1%), chetoacidosi diabetica (2%) e altre complicanze del diabete erano inferiori a quelli generalmente riportati per le popolazioni di diabete di tipo 1.

Più dell’80% degli intervistati è soddisfatto o molto soddisfatto della gestione del diabete. Eppure circa un quarto ha dichiarato di non discutere della dieta a bassissimo contenuto di carboidrati con i loro fornitori di cure per il diabete, alcuni che citano preoccupazioni per essere stati criticati o addirittura accusati di abusi sui minori. Gli autori dello studio osservano che una forte restrizione di carboidrati è in realtà un approccio molto vecchio nel diabete di tipo 1. Prima della scoperta di insulina, ha esteso la vita dei bambini, a volte per anni. Una volta introdotta l’insulina, la restrizione dei carboidrati non è più praticabile. Ma gli autori ritengono che le diete a basso contenuto di carboidrati meritino ulteriori studi nel diabete di tipo 1. Poiché questo studio era di natura osservativa e non controllato, richiede studi clinici randomizzati per testare rigorosamente la sicurezza e l’efficacia della dieta. I ricercatori sottolineano che i risultati di questo studio, da soli, non giustificano un cambiamento nella gestione del diabete. Tuttavia, suggeriscono fortemente che chiunque abbia il diabete apporti cambiamenti dietetici solo con la supervisione di un diabetologo o un nutrizionista.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Smythe K, Saw M et al.  J Hum Nutr Diet. 2018 May 15. 

Leow ZZX, Guelfi KJ et al. Diabet Med. 2018 May 8.

Lennerz BS, Barton A et al. Pediatrics. 2018 May 7.

Turton J et al. PLoS One. 2018 Mar; 13(3):e0194987.

Zinn  et al. BMJ Open. 2018 Feb 8; 8(2):e018846.

Latest

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

Newsletter

Don't miss

Ritorno al futuro: allergie stagionali e gestione intelligente e consapevole del problema

Tra un mese esatto sarà primavera e ricomincerà il...

Lo abitudini di vita sono importanti per la comparsa della sindrome del colon irritabile?

La sindrome del colon irritabile (IBS) è una malattia...

Cumino nero: la spezia che mostra potenzialità curative per le malattie cardiovascolari e cerebrali

Nigella sativa: distribuzione ed usi medicinali La Nigella sativa, comunemente...

Dopamina: il mediatore carente nel Parkinson che ha un ruolo più complesso di quanto creduto

Camminare è qualcosa che la maggior parte delle persone...

I fattori socioeconomici e relazionali come influenti sul benessere e la salute mentale

La salute mentale è fondamentale per il benessere individuale,...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Fibromialgia: il microbiota intestinale è alterato, ma è causa o conseguenza?

La fibromialgia colpisce il 2-4% della popolazione e non ha una cura conosciuta. I sintomi includono affaticamento, disturbi del sonno e difficoltà cognitive, ma...

Medicina iperbarica: l’ultima frontiera per trattare naturalmente l’invecchiamento cerebrale

Il Sagol Center for Hyperbaric Medicine and Research presso Shamir Medical Center, insieme alla Sackler School of Medicine e Sagol School of Neuroscience presso...

Peso corporeo: dipende anche da come si connettono le cellule cerebrali

Gli scienziati stanno mettendo insieme il modo in cui i geni coinvolti nello sviluppo neurale possono influenzare il peso corporeo. Conducendo uno studio di...