Home BENESSERE & SALUTE Chirurgia bariatrica: come cambia la preferenza alimentare a tavola dopo l'intervento

Chirurgia bariatrica: come cambia la preferenza alimentare a tavola dopo l’intervento

Il bypass gastrico Roux-en-Y (RYGB) comporta la separazione della parte superiore dello stomaco in una tasca più piccola, che viene quindi collegata direttamente all’intestino tenue. Questa procedura consente all’individuo di sentirsi pieno dopo aver mangiato di meno. Di solito è intrapreso da persone con obesità grave che non hanno visto miglioramenti dopo altri trattamenti. “Le persone che hanno questo tipo di chirurgia”, spiega la prof.ssa Patricia Di Lorenzo, con sede presso la Binghamton University di New York, “sono quelle che chiamiamo morbosamente obese, ovvero che hanno almeno 100 chili di sovrappeso e in molti casi sono diabetici. Si tratta di vita o morte per loro”. Alcuni studi hanno già suggerito che le preferenze di gusto e odore di una persona pre e post-operatoria tendono a cambiare e che questo può influenzare la loro traiettoria di perdita di peso. Il Prof. Di Lorenzo e colleghi hanno recentemente deciso di esaminare un aspetto particolare legato a questo tipo di chirurgia bariatrica: il modo in cui i gusti di un individuo nel cibo prima e dopo questa procedura influenzano i suoi tassi di successo a lungo termine.

I ricercatori hanno condotto il loro studio in 195 partecipanti con un indice di massa corporea (BMI) superiore a 30, che stavano per ricevere o avevano già subito un intervento chirurgico RYGB. I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di indicare le loro preferenze su cibo e odori prima e dopo la chirurgia RYGB utilizzando un metodo chiamato Self-Assessment Manikin (SAM), che valuta le risposte di piacere di una persona di fronte a un oggetto particolare. In questa valutazione, i volontari hanno risposto ai cibi associati ai cinque sapori (dolce, acido, salato, amaro e umami) e a quattro odori distintivi, due dei quali erano legati all’alimentazione (caffè e banana) e due dei quali erano non correlati al cibo (rosa e benzina). Il team ha anche raccolto i dati BMI dei partecipanti, sia prima che dopo la chirurgia bariatrica. Sorprendentemente, un numero significativo di partecipanti ha dichiarato che prima dell’intervento avevano assaporato il gusto di cibi spazzatura come la pizza, ma che dopo di ciò, sono diventati più parziali rispetto a cibi più salutari come le insalate.

“La maggior parte delle persone prima del loro intervento chirurgico, i suoi cibi preferiti sono proprio quello che ti aspetteresti: gelato, patatine fritte, hamburger, pizza”, dice il professor Di Lorenzo. “Ma dopo, il loro cibo preferito era l’insalata, per esempio: il venti per cento delle persone ha detto che i loro cibi preferiti erano le verdure: quelle persone – quelle che hanno detto di aver cambiato le loro preferenze di gusto – hanno perso più peso”. Le ragioni dichiarate di questo cambiamento sono varie, ma solo il 20% dei soggetti ha indicato un cambiamento nella tolleranza per alcune categorie di alimenti come carne e latticini. Le valutazioni SAM per alimenti specifici come gelati e biscotti, erano significativamente meno favorevoli dopo la chirurgia RYGB. Le valutazioni per le patatine fritte erano più povere solo nel gruppo che aveva subito un intervento chirurgico RYGB entro l’anno precedente il sondaggio. È interessante notare che c’è stata una correlazione significativa positiva tra la preferenza per il gusto del caffè (ma non di qualsiasi altro cibo o odore) e il cambiamento di BMI nell’anno successivo all’intervento di RYGB. Questa associazione non era più evidente nei soggetti sottoposti a chirurgia RYGB più di un anno prima del sondaggio.

Anche se è stato dimostrato che i cambiamenti delle preferenze di gusto si verificano dopo la chirurgia bariatrica, il decorso temporale e i meccanismi alla base di questi cambiamenti sono ancora sconosciuti. Burge et al. hanno valutato le soglie di gusto per saccarosio e urea così come le preferenze di gusto prima dell’intervento RYGB e a 6 e 12 settimane dopo l’intervento. I risultati hanno mostrato che soglie di saccarosio (ma non di urea) aumentavano dopo l’intervento chirurgico. È stata segnalata anche un’avversione post-chirurgica alla carne. Nel presente studio, solo il 20% dei soggetti (14 su 71 che rispondono) ha riferito di avversioni ad alcuni alimenti dopo la chirurgia RYGB. In uno studio di Graham et al., Il 73% (75 su 103 soggetti) ha riportato un cambiamento nella percezione del gusto dopo chirurgia RYGB, con percentuali approssimativamente uguali di soggetti che segnalano un aumento o una diminuzione dell’intensità percepita per cibi dolci, salati o amari. Al contrario, solo il 13% (9 su 71 soggetti) ha notato un cambiamento nel gusto nel presente studio quando è stato chiesto in domande a risposta aperta su come le loro preferenze alimentari sono cambiate dopo l’intervento chirurgico.

L’associazione con preferenza per il gusto del caffè e il cambiamento nel BMI presenta un puzzle. Il consumo di bevande contenenti caffeina è in genere scoraggiato dopo la chirurgia RYGB, specialmente nei primi mesi. È importante sottolineare che i risultati riguardano solo la relazione tra il voto di preferenza dichiarato per il caffè, non il consumo di caffè, per la perdita di peso di successo. Una possibile spiegazione è che la privazione del caffè nei bevitori abituali di caffè induce una brama, il che spiega un aumento del rating di preferenza. Pertanto, coloro che erano più compiacenti nel limitare il consumo di caffè avrebbero potuto essere conformi anche ad altre raccomandazioni dietetiche post-chirurgiche, portando a una perdita di peso più efficace, secondo i ricercatori. Anche se ciò fosse vero, non è chiaro il motivo per cui la privazione post-chirurgica di alimenti molto più appetibili, come il gelato o le patatine fritte, non porterebbe anche a desideri e aumenti delle preferenze. In tutto, lo studio mostra che le preferenze alimentari cambiano dopo l’intervento RYGB ma questi cambiamenti generalmente svaniscono, o almeno diventano meno pronunciati nel tempo.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Kittrell H et al., Di Lorenzo PM. PLoS One. 2018;13(7):e0199508.

Perin J et al., Steele KE. Obes Surg. 2018 Aug; 28(8):2406-2420.

Nance K, Eagon JC, Klein S, Pepino MY. Nutrients 2017 Dec;10(1).

Gero D, Steinert RE et al. Curr Atheroscler Rep. 2017 Sep;19(9):38.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI