giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Osteoporosi: la dieta Mediterranea la previene per bene

L’osteoporosi è una malattia prevenibile e curabile che rende fragili le ossa e aumenta il rischio di fratture a livello dell’anca, del polso e della colonna vertebrale. Sorge quando il tasso di riassorbimento è troppo veloce o la formazione è troppo lenta ed è più probabile che si verifichi in individui che non raggiungono la “massa ossea di picco ottimale”. L’osteoporosi aumenta il rischio di fratture riducendo la massa ossea e degenerando la struttura del tessuto osseo. La frattura dell’anca è comune nelle persone anziane con osteoporosi. Dopo la menopausa, il tasso di perdita ossea si accelera nelle donne, che rappresentano circa l’80% dei casi di osteoporosi. Negli Stati Uniti, ci sono più di 53 milioni di persone che “hanno già l’osteoporosi” o sono a più alto rischio di svilupparlo a causa della bassa massa ossea. Uno studio europeo di circa 1.150 persone suggerisce che la Dieta Mediterranea potrebbe essere utile per la salute delle ossa. Ha scoperto che gli anziani con osteoporosi che seguivano una dieta di tipo mediterraneo per 12 mesi avevano un tasso molto più lento di perdita di massa dell’osso rispetto ai coetanei che non seguivano la dieta. Ciò si aggiunge a un crescente corpo di ricerca sui molti benefici per la salute della dieta mediterranea, che è ricca di verdure, frutta, noci, pesce, cereali integrali e olio d’oliva. Lo studio annuale ha assegnato a caso oltre 1.000 volontari, di età compresa tra 65 e 79 anni, residenti in Francia, Italia, Paesi Bassi, Polonia e Regno Unito in uno dei due gruppi. Un gruppo ha adottato una “dieta mediterranea” per la durata e l’altro – il gruppo di controllo – no. Il processo è il primo a esaminare l’effetto di una dieta mediterranea sulla salute delle ossa negli anziani in diversi centri europei in questo lasso di tempo. La dieta di tipo mediterraneo ha avuto un effetto minimo o nullo sui partecipanti la cui densità ossea era normale, ma ha ridotto il tasso di perdita ossea in soggetti con osteoporosi.

L’osso non è un materiale morto, ma un tessuto vivente che può ricostituirsi. I suoi componenti principali sono il collagene proteico e un minerale chiamato fosfato di calcio. Insieme, rendono le ossa flessibili, resistenti e resilienti. L’osso attraversa un ciclo continuo di riassorbimento – durante il quale viene rimosso l’osso vecchio – e la formazione. Dalla nascita fino all’adolescenza e alla prima età adulta, “la formazione supera il riassorbimento” e le ossa aumentano di dimensioni, peso e densità. Ma intorno ai 30 anni, la densità e la forza ossea raggiungono il picco e la massa ossea inizia a diminuire mentre il riassorbimento gradualmente supera la formazione. L’obiettivo del recente processo – che è stato finanziato dall’Unione Europea – era di testare l’effetto di una dieta mediterranea sulla densità minerale ossea e sui markers di “degradazione ossea e di collagene” negli europei più anziani. La dieta utilizzata nella prova ha caratterizzato: un’alta quantità di frutta, verdura, cereali integrali, noci, olio d’oliva e pesce; piccole quantità di carne e prodotti caseari; e una moderata quantità di alcol. Quelli del gruppo che seguiva una dieta mediterranea hanno ricevuto “consigli su misura” su come attenersi alla dieta. Sono stati anche dati alimenti come pasta integrale e olio d’oliva e una piccola dose di 10 microgrammi di vitamina D3 al giorno. Gli autori sottolineano che l’obiettivo di integrare la dieta mediterranea con una piccola quantità di vitamina D-3, è stato quello di “uniformare” la variazione dell’effetto che diverse quantità di luce solare potrebbero avere nei diversi paesi.

I partecipanti al gruppo di controllo non hanno ricevuto alcuna istruzione, ma hanno ricevuto degli opuscoli su come mangiare sano che potrebbe essere tipicamente distribuito nel loro paese. Tre misure di densità ossea, così come campioni di sangue, sono state prese all’inizio e alla fine dello studio. I risultati hanno mostrato che nei partecipanti che avevano una densità ossea normale, c’era un piccolo effetto sulle misure di salute ossea dalla dieta. Inoltre, dei partecipanti che avevano l’osteoporosi, c’era il previsto declino legato all’età nella densità ossea nel gruppo di controllo. Il calo della densità ossea è stato osservato anche in due delle misure di densità ossea – colonna lombare e corpo intero – nei partecipanti con osteoporosi nel gruppo di dieta mediterranea. Tuttavia, c’era un “aumento equivalente” nella densità ossea nel collo del femore. Il collo del femore è la parte superiore del femore appena prima dell’estremità a forma di palla che si inserisce nella presa dell’articolazione dell’anca. Gli autori ritengono che se lo studio fosse durato più a lungo, avrebbero potuto rilevare altri cambiamenti indotti dalla dieta, compresi i partecipanti con normale densità ossea. Richiedono prove più lunghe e più ampie di persone con osteoporosi per confermare i loro risultati e stabilire se il cambiamento della dieta può anche influenzare altre ossa. Nel frattempo, la squadra non vede alcun motivo perché chiunque abbia problemi non dovrebbe muoversi verso una dieta simil-Mediterranea. Un articolo sulla ricerca, condotto dall’Università di Bologna in Italia, è ora pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Julián C et al. Osteoporos Int. 2018 Jun; 29(6):1329-1340.

Lopez-Garcia E et al.  Am J Clin Nutr. 2018; 107(5):763-771.

Perna S et al., Rondanelli M. Nutrients. 2017 Sep 18;9(9). 

Craig JV et al., Welch AA. Nutr Rev. 2017; 75(10):830-857. 

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Omega-3 a tavola per prevenire il diabete: le vie indirette e dirette con cui regolare zuccheri e grassi

Gli omega (ω-6 e ω-3) sono acidi grassi polinsaturi alimentari essenziali derivati rispettivamente dall'acido linoleico (LA) e dall'acido α-linolenico (ALA). L'aumento dell'assunzione di oli...

Cervicale e vertigini: cosa fare, cosa prendere e rimedi

Cervicale e vertigini: cosa sono? Le vertigini da cervicale, chiamate in ambito medico con il nome di vertigini propriocettive o vertigini cervicogeniche, sono un particolare...

Depressione e traumi: fanno invecchiare il DNA con tanto di prova

Vi è una crescente evidenza che la depressione grave e il trauma sono associati a periodi di vita più brevi. Ora un team internazionale...