Dieta a basso tenore di purine: quando l’acido urico morde

Che cos’è una dieta a basso contenuto di purine?

Gli operatori sanitari raccomandano spesso una dieta a basso contenuto di purine per le persone che hanno la gotta, calcoli ai reni o un disturbo simile. La dieta implica limitare o evitare l’assunzione di determinati cibi e bevande a favore di alternative più salutari. Mentre una dieta a basso contenuto di purine è progettata per alleviare i sintomi di alcune malattie, può anche migliorare la salute generale e il benessere. Una dieta a basso contenuto di purine dovrebbe includere molte verdure e frutti interi. Le purine sono composti organici che non sono necessariamente dannosi. In effetti, è naturale che il corpo contenga alcune purine in ogni momento. Tuttavia, le purine si trasformano in una sostanza di scarto chiamata acido urico. La maggior parte dell’acido urico si dissolve in modo innocuo nel sangue prima che i reni lo filtrino e lo rimuovano dal corpo. La rottura delle purine è responsabile di circa il 15% dell’acido urico nel corpo.

Le persone con alti livelli di acido urico nel sangue hanno una condizione chiamata iperuricemia e una dieta a basso contenuto di purine può aiutare. Quando i livelli di acido urico superano la quantità che il corpo può elaborare, l’acido può formare microcristalli nel sangue. I cristalli di acido urico possono formare calcoli renali o causare gotta se si accumulano nelle articolazioni e nei tendini. Una dieta a basso contenuto di purine aiuta a ridurre al minimo il numero di purine nel corpo e a ridurre la quantità di acido urico nel sangue. Ci sono due parti chiave di una dieta di successo a basso contenuto di purine. Il primo consiste nel riconoscere ed evitare cibi che contengono alti livelli di purine. Il secondo consiste nel cambiare la dieta per aiutare il corpo a liberarsi più efficacemente dell’acido urico.

Secondo l’American Academy of Family Physicians, una dieta a basso contenuto di purine può abbassare i livelli di acido urico nel sangue e ridurre il rischio di gravi complicanze. Esistono anche prove scientifiche che la dieta Mediterranea può abbassare i livelli di acido urico. La dieta mediterranea consiste nel mangiare principalmente pesce, noci, frutta, verdura, legumi e cereali integrali. Non è un controsenso vedere nella dieta mediterranei cibi che hanno un tenore medio o medio-alto di purine, come i legumi, le uova e il pesce e sentire la letteratura scientifica che afferma possa aiutare a prevenire la gotta. Si ricorda che solo una dieta equilibrata è disciplinata fa mantenere la salute “sul binario”.

Alimenti da evitare

Gli alimenti che contengono alti livelli di purine includono:

  • selvaggina, come vitello, selvaggina e anatra
  • carne rossa
  • alimenti di mare, come tonno, sardine, acciughe, aringhe, cozze, baccalà, capesante, trota e eglefino
  • animelle come fegato, polmone, reni e timo.

Le bevande possono cambiare il modo in cui il corpo trattiene o elimina l’acido urico. Una persona dovrebbe limitare o evitare in modo significativo i seguenti alimenti per aiutare il corpo a trattare le purine in modo più efficace:

  • Alcool: la birra e il whisky sono ricchi di purine, ma alcune ricerche mostrano che tutto il consumo di alcol può aumentare i livelli di acido urico. L’alcol provoca anche la disidratazione, che ostacola la capacità del corpo di sbarazzarsi dell’acido urico.
  • Bevande zuccherate: il fruttosio è un ingrediente di molte bevande zuccherate, compresi succhi di frutta e bibite. Dal suo metabolismo, le molecole di energia cellulare come l’ATP (derivato delle purine) possono subire una caduta improvvisa e venire distrutte come acido urico.

Cosa mangiare a tavola

Le persone con una dieta a basso contenuto di purine possono comunque godere di molti cibi e bevande. Buone scelte includono:

  • Acqua: rimanere idratati aiuta i reni a rimuovere l’acido urico dal sangue e dal corpo.
  • Prodotti caseari a basso contenuto di grassi: le opzioni a basso contenuto di grassi e senza grassi sono le migliori per alimenti come latte, formaggio e yogurt.
  • Cereali e amido: includono pane, pasta, riso e patate. Favorire prodotti integrali.
  • Frutta e verdura: tutte le verdure sono salutari e una persona dovrebbe favorire i frutti interi e i succhi senza zuccheri aggiunti.
  • Vitamina C: ottime fonti di vitamina C includono pompelmo, kiwi, ananas, fragole, peperoni e avocado.
  • Proteine ​​magre: i medici non credono che piccole o moderate quantità di pollame e pesce aumentino i livelli di purine.
  • Uova: in quantità moderate,anche tre volte la settimana.
  • Caffè e thè. Notare che essi sono ricchissimi di purine (teofillina, teina, caffeina), ma sono purine trasformate che esercitano solo effetti metabolici e cellulari e non possono influenzare i livelli di acido urico.

Trattamento non dietetico

Mentre una dieta a basso contenuto di purine può aiutare a prevenire calcoli renali o riacutizzazioni della gotta, la dieta non è una cura per entrambe le condizioni. Una persona dovrebbe discutere ulteriori opzioni di trattamento con un medico. I farmaci possono anche aiutare a ridurre i livelli cronici di acido urico. Due farmaci comuni che i medici prescrivono sono probenecid e allopurinolo. Un farmaco più recente, efficace e specifico per lo stesso scopo è il febuxostat. Questi farmaci possono regolare i livelli di acido urico a lungo termine. Una dieta a basso contenuto di purine non può alleviare una riacutizzazione della gotta mentre sta accadendo, ma alcuni analgesici, come il naprossene o l’ibuprofene, possono aiutare. Sono anche disponibili trattamenti di prescrizione forzata (morfino-simili), ma molto raramente sono ritenuti necessari.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it