venerdì, Maggio 31, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Perdere peso? Perchè non provare colazione in ritardo e cena in anticipo?

Molte persone seguono diete per migliorare il loro aspetto, ma avere un eccesso di grasso corporeo è molto più grave di un semplice problema estetico. Avere troppo grasso corporeo può avere implicazioni a lungo termine per la salute, aumentando il rischio di diverse malattie croniche, come il diabete, i disturbi cardiovascolari e il cancro. Di conseguenza, ci sono state diverse campagne di salute pubblica per ridurre l’indice di massa corporea in coloro che sono in sovrappeso. Sembra, tuttavia, che le tentazioni culinarie che ci circondano restino troppo grandi e la prevalenza dell’obesità sia in costante aumento, nonostante le continue ricerche su diete efficaci e programmi di perdita di peso. Ora, i ricercatori hanno studiato l’impatto del cambiamento dei tempi dei pasti sull’assunzione alimentare, sulla composizione corporea e sui marcatori del rischio ematico per il diabete e le malattie cardiache. Lo studio di 10 settimane ha valutato una forma di digiuno intermittente noto come alimentazione a tempo limitato. Il gruppo di controllo ha mangiato i pasti normalmente, mentre il gruppo di prova ha mangiato la colazione 90 minuti dopo il solito e ha cenato 90 minuti prima del solito. Non c’erano restrizioni su ciò che i partecipanti in entrambi i gruppi potevano mangiare; è stato stipulato solo il calendario dei pasti. Ad ogni partecipante è stato inoltre richiesto di completare un diario alimentare e di fornire campioni di sangue prima e durante il periodo di studio di 10 settimane.

I risultati hanno mostrato che in media i partecipanti al gruppo di test hanno perso più del doppio di grasso corporeo rispetto a quelli del gruppo di controllo. Inoltre, anche se non c’erano restrizioni su ciò che i partecipanti potevano mangiare, quelli nel gruppo di test mangiavano meno cibo di quelli nel gruppo di controllo. Questa constatazione si è riflessa nelle osservazioni dei partecipanti allo studio. Un totale del 57% dei partecipanti ha notato una riduzione dell’assunzione di cibo a causa della riduzione dell’appetito, della diminuzione delle opportunità di mangiare o di una riduzione degli spuntini. Si pensava che cambiare i tempi dei pasti sarebbe stato più facile per gli individui mantenere la conformità rispetto alle diete che limitano l’assunzione di cibo. Tuttavia, una proporzione simile di partecipanti ha riferito di non ritenere di poter mantenere i nuovi orari dei pasti per più di 10 settimane perché incompatibili con la vita familiare e sociale. Circa il 43% dei partecipanti ha dichiarato che avrebbe considerato di continuare con i tempi di pasto alterati se i tempi di consumo fossero più flessibili. Se i risultati di questo studio pilota possono essere riprodotti in studi più ampi, i programmi di alimentazione a tempo limitato possono potenzialmente fornire sostanziali benefici per la salute. Analizzando la radice del problema, non si è molto lontani dalla verità se si guarda in giro lo stile di vita di buona fetta della popolazione.

Molti individui saltano la colazione (facendo alzare il cortisolo, l’ormone dello stress, che poi interferisce con il metabolismo del glucosio), molti altri saltano il pranzo additando ragioni lavorative o quant’altro. Molti degli stessi, poi, recuperano le calorie a cena, pensando che a fine giornata abbiano tutto il tempo di dedicarsi a riempire le energie per il giorno successivo. Niente di più sbagliato. Tutto ciò che viene messo dopo le 19:00 non viene smaltito con facilità; ad aggravare la situazione se il carico calorico è maggiore di una “normale cena”, tutti i carboidrati e gli eventuali grassi assunti andranno a depositarsi “nel girovita”. L’assenza di attività fisica notturna spingerà il metabolismo ad accumulare scorte per quando ve ne sia necessità. Ed è esattamente quello che fa l’insulina di notte. Il Dr Johnstone commenta concludendo: “Ora utilizzeremo questi risultati preliminari per progettare studi più ampi e completi sull’alimentazione a tempo limitato. Sebbene questo studio sia di piccole dimensioni, ci ha fornito preziose informazioni su come le leggere alterazioni dei nostri pasti possono avere benefici per noi. La riduzione del grasso corporeo diminuisce le nostre possibilità di sviluppare obesità e malattie correlate, quindi è fondamentale per migliorare la nostra salute generale. Tuttavia, come abbiamo visto con questi partecipanti, le diete a digiuno sono difficili da seguire e potrebbero non essere sempre compatibili con la vita familiare e sociale”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ruddick-Collins LC, Johnston JD et al. Nutr Bull. 2018; 43(2):174-183.

Wehrens SMT et al. Johnston JD. Curr Biol. 2017; 27(12):1768-1775.

Johnston JD et al., Turek FW. Adv Nutr. 2016 Mar 15; 7(2):399-406.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Niacin paradox on the heart shows off: catabolism reveals potential threats on cardiovascular risk

Cardiovascular disease (CVD) is a worldwide health problem, with only a tiny proportion of the risk linked to known risk factors. Despite breakthroughs in...

Scompenso cardiaco: per le donne si ritarda con lunghe camminate

Secondo stime recenti, quasi 5 milioni di persone negli Stati Uniti hanno insufficienza cardiaca congestizia. Oltre mezzo milione di casi vengono diagnosticati ogni anno....

Il mal di testa come forma o sintomo di COVID-19: cosa si conosce ad oggi

Sintomatologie del COVID-19 Il COVID-19 è una malattia respiratoria caratterizzata principalmente da sintomi di tosse, febbre e difficoltà respiratorie. Tuttavia, ci sono sintomi notevoli che...

Questo si chiuderà in 20 secondi