Meditazione e consapevolezza: le vie naturali per abbattere il dolore

Meditazion

La meditazione della consapevolezza è la premessa per stabilizzare l’attenzione, riconoscendo gli eventi sensoriali discorsivi come “momentanei” e “liberandoli” senza una reazione affettiva. L’addestramento alla meditazione consapevole è stato trovato per ridurre significativamente l’ansia in clinica e le impostazioni sperimentali. La meditazione consapevole è ipotizzata poter regolare le emozioni, modificando le valutazioni cognitive e affettive agli eventi sensoriali mediante processi di valutazione cognitiva. Questa forma di rivalutazione, anch’essa etichettata come “ri-percepire” può essere associata alla capacità meta-cognitiva di monitorare i pensieri, mentre si presentano mantenendo una consapevolezza centrata sul presente e non valutativa di sé. La consapevolezza può essere un modo efficace per alleviare il dolore cronico, che è una condizione che colpisce oltre 25 milioni di persone negli Stati Uniti, secondo le stime attuali. Infatti, un recente studio finanziato dal National Institutes of Health (NIH) ha dimostrato che la meditazione di consapevolezza può alleviare il dolore cronico in modo ancora più efficace rispetto ai trattamenti standard.

Ricercatori guidati da Fadel Zeidan, PhD, che è un assistente professore di Neurobiologia e Anatomia presso il Wake Forest Baptist Medical Center di Winston-Salem, nel North Carolina, ha deciso di indagare. “La consapevolezza è legata alla consapevolezza del momento presente senza troppa reazione o giudizio emotivo”, spiega Zeidan. “Ora sappiamo che alcune persone sono più consapevoli di altre e quelle persone sembrano meno dolorose.” Quindi il team voleva vedere se l’innata predisposizione individuale della gente alla consapevolezza fosse correlata con una minore sensibilità al dolore e, in tal caso, quale cervello i meccanismi sono in gioco. Tuttavia, quali meccanismi cerebrali sono responsabili di questo effetto analgesico? Una cosa è certa, non coinvolge il sistema oppioide o delle endorfine, il maggiore regolatore della percezione del dolore nel sistema nervoso. Questa informazione è stata ottenuta alcuni anni fa dal team del Dr. Zeidan stesso. E quali aree del cervello sono responsabili della mediazione del fenomeno? Per fare ciò, Zeidan e colleghi hanno reclutato 76 partecipanti allo studio i cui livelli di mindfulness di base sono stati valutati utilizzando lo standard di inventario della consapevolezza di Friburg.

I partecipanti erano sani e non avevano mai meditato prima. Quindi, i ricercatori hanno somministrato ai partecipanti una stimolazione termica dolorosa e una stimolazione non dolorosa, utilizzando la risonanza magnetica funzionale per studiare la loro attività cerebrale. Zeidan e il team hanno iniziato dall’ipotesi che “la consapevolezza della caratteristica”, o la predisposizione di una persona a essere consapevoli, si correlano con la sensibilità al dolore più bassa e la maggiore disattivazione di un circuito cerebrale chiamato rete di modalità predefinita. La rete in modalità predefinita comprende diverse aree del cervello che sono interconnesse e attive nello stato di riposo – cioè, quando una persona non presta attenzione al mondo esterno, che stimola l’attenzione, concentrandosi invece sui loro stati interni. Alcune aree chiave del cervello che compongono questa rete includono la corteccia cingolata posteriore, la corteccia prefrontale mediale e il giro angolare. Ricerche precedenti hanno dimostrato che la meditazione riduce l’attività in questa rete. La modalità predefinita si disattiva ogni volta che si esegue qualsiasi tipo di attività, come la lettura o la scrittura. Lo studio ha rilevato che una maggiore consapevolezza della caratteristica dei tratti era correlata a una maggiore disattivazione della corteccia cingolata posteriore. Anche le persone così predisposte alla consapevolezza sperimentarono meno dolore.

Al contrario, in coloro che affermavano di aver sentito più dolore, questa regione del cervello era più attiva. La rete in modalità predefinita viene riattivata ogni volta che l’individuo smette di eseguire un’attività e ritorna a pensieri, sentimenti ed emozioni auto-correlati. I risultati dello studio hanno mostrato che gli individui consapevoli sono apparentemente meno coinvolti nell’esperienza del dolore, che è stato associato a rapporti di dolore inferiore. Ora, gli scienziati ritengono di avere alcune nuove munizioni per colpire questa regione del cervello nello sviluppo di efficaci terapie del dolore. È importante sottolineare che questo lavoro dimostra che si dovrebbe prendere in considerazione il proprio livello di consapevolezza, quando si calcola perché e come si sente meno o più dolore. Zeidan spera che i risultati contribuiranno a portare sollievo a coloro che vivono con dolore cronico. “Sulla base delle nostre ricerche precedenti”, afferma, “sappiamo che possiamo aumentare la consapevolezza attraverso periodi relativamente brevi di allenamento di meditazione mentale“. Il team di Zeidan ha condotto studi sugli effetti della mindfulness in condizioni psicologiche come l’ansia. Le evidenze cliniche supportano questa nozione, poiché i pazienti ansiosi hanno alterata attività cerebrale in modalità predefinita, evidenziata da disattivazione delle corteccia cingolata posteriore e prefrontale, rispetto ai controlli sani.

Ed è nozione anche diffusa popolarmente che l’ansia ed l’apprensione acuiscono il dolore in condizioni croniche di vario tipo. Quindi questo potrebbe rivelarsi un modo efficace per fornire sollievo dal dolore, per milioni di persone che soffrono di dolore cronico.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zeidan F, Vago DR. Ann N Y Acad Sci. 2016 Jun;1373(1):114-27.

Zeidan F et al. Soc Cogn Affect Neurosci. 2014 Jun; 9(6):751-59.

Zeidan F, Grant JA et al. Neurosci Lett. 2012 Jun; 520(2):165-73.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1120 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it