martedì, Aprile 16, 2024

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Alzheimer: gli effetti alimentari che passano attraverso i geni

In un nuovo studio, i ricercatori del Biodesign Institute esplorano un trattamento semplice e sicuro per una delle patologie più devastanti: il morbo di Alzheimer (AD). Gli autori principali Ramon Velazquez e Salvatore Oddo, insieme ai loro colleghi del Centro di Ricerca sulle Malattie Neurodegenerative ASU-Banner (NDRC), indagano sugli effetti della colina, un nutriente importante che potrebbe essere promettente nella guerra contro il disturbo che ruba la memoria. Lo studio si concentra sui topi allevati per visualizzare i sintomi tipo AD. I risultati hanno mostrato che quando a questi topi viene somministrata molta colina nella loro dieta, i loro figli mostrano miglioramenti nella memoria spaziale, rispetto a quelli che ricevono un normale regime colina nel grembo materno. Sorprendentemente, gli effetti benefici dell’integrazione di colina sembrano essere trans-generazionali, non solo proteggendo i topi che ricevono la supplementazione di colina durante la gestazione e l’allattamento, ma anche la progenie successiva di questi topi. Mentre questa seconda generazione non ha ricevuto una supplementazione diretta di colina, ciò nonostante hanno raccolto i benefici del trattamento, probabilmente a causa delle modifiche ereditate nei loro geni. 

La colina agisce per proteggere il cervello dalla malattia di Alzheimer in almeno due modi, entrambi studiati nel nuovo studio. Innanzitutto, la colina riduce i livelli di omocisteina, un amminoacido che può agire come una potente neurotossina, contribuendo ai segni distintivi dell’AD: neurodegenerazione e formazione di placche amiloidi. È noto che l’omocisteina raddoppia il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer e si riscontra in livelli elevati nei pazienti con AD. La colina compie una trasformazione chimica, convertendo l’omocisteina dannosa nella utile metionina. In secondo luogo, la supplementazione di colina riduce l’attivazione della microglia, cellule immunitarie responsabili della rimozione di detriti nel cervello. Mentre le loro funzioni di pulizia sono essenziali per la salute del cervello, le microglia attivate possono andare fuori controllo, come in genere fanno durante l’AD. L’eccessiva attivazione della microglia causa infiammazione cerebrale e può portare alla morte neuronale. L’integrazione di colina riduce l’attivazione della microglia, offrendo ulteriore protezione dalle devastazioni prodotte dalla malattia.

I ricercatori del NDRC sono stati raggiunti dai coautori del Translational Genomics Research Institute di Phoenix. Si ritiene che il morbo di Alzheimer inizi il suo percorso di distruzione nel cervello decenni prima dell’inizio dei sintomi clinici. Una volta diagnosticata, la malattia è invariabilmente fatale, chiudendo un sistema vitale dopo l’altro. Il declino mentale è implacabile, con i pazienti che presentano una serie di sintomi che possono includere confusione, disorientamento, delusioni, dimenticanza, aggressività, agitazione e perdita progressiva del controllo motorio. La malattia colpirà 3,5 milioni di persone negli Stati Uniti da solo entro la metà del secolo se non si fa nulla per affrontare la malattia. Lo sviluppo di trattamenti efficaci radicati in una comprensione più approfondita di questa complessa malattia è una delle sfide più difficili per la medicina moderna e la sanità globale. La ricerca sulle origini del morbo di Alzheimer suggerisce fortemente che una grande varietà di fattori sono in gioco. Mentre l’avanzare dell’età rimane il più grande fattore di rischio, altri pericoli che sono stati implicati nella malattia includono predisposizione genetica e stile di vita. A tal fine, gli studi suggeriscono che la dieta può avere un effetto significativo nell’aumentare o ridurre il rischio di declino cognitivo, e i rischi possono essere trasmessi attraverso le generazioni. Un caso classico è noto come Dutch Hunger Winter – una grave carestia nel 1944-45 che ha colpito le donne olandesi incinte e la loro prole.

Quando un recente studio ha esaminato le cartelle cliniche degli adulti di coloro che sono nati nei Paesi Bassi durante questo periodo, i risultati hanno suggerito che la grave privazione alimentare sopportata dalle madri di questi bambini ha aumentato l’insorgenza dell’obesità, il colesterolo LDL superiore alla media e, in modo intrigante, la schizofrenia nella loro prole. La mortalità dopo i 68 anni è aumentata del 10% in questa popolazione. Si ritiene che questi effetti avversi sulla salute si verifichino in seguito al silenziamento dei geni nei bambini non ancora nati. Questi geni relativi alla salute rimangono silenziati per tutta la vita, portando a cattivi risultati di salute. In una nota più promettente, una dieta sana ha dimostrato di offrire protezione dalle malattie, tra cui il cancro e il morbo di Alzheimer. I pazienti che seguono una Dieta mediterranea per 4,5 anni hanno ridotto il rischio di AD del 54%. Un altro studio ha evidenziato gli effetti di una dieta mediterranea ricca di frutta e verdura, cereali integrali, legumi e noci, nonché di pesce e pollame nel ridurre l’accumulo di Aβ-amiloide, la proteina responsabile della formazione della placca.

Si ritiene che il morbo di Alzheimer inizi il suo percorso di distruzione nel cervello decenni prima dell’inizio dei sintomi clinici. Una volta diagnosticata, la malattia è invariabilmente fatale, chiudendo un sistema vitale dopo l’altro. Il declino mentale è implacabile, con i pazienti che presentano una serie di sintomi che possono includere confusione, disorientamento, delusioni, dimenticanze, aggressività, agitazione e perdita progressiva del controllo motorio. La malattia è pronta a colpire 13,5 milioni di persone negli Stati Uniti da solo entro la metà del secolo se non si fa nulla per affrontare la malattia. I costi sbalorditivi dell’Alzheimer dovrebbero superare i 20 trilioni di dollari nei prossimi 40 anni. Lo sviluppo di trattamenti efficaci radicati in una comprensione più approfondita di questa complessa malattia è una delle sfide più difficili per la medicina moderna e la sanità globale. La ricerca sulle origini del morbo di Alzheimer suggerisce fortemente che una grande varietà di fattori sono in gioco. Mentre l’avanzare dell’età rimane il più grande fattore di rischio, altri pericoli che sono stati implicati nella malattia includono predisposizione genetica e stile di vita.

A tal fine, gli studi suggeriscono che la dieta può avere un effetto significativo nell’aumentare o ridurre il rischio di declino cognitivo, e i rischi possono essere trasmessi attraverso le generazioni. Nessuno studio aveva finora esplorato gli effetti trans-generazionali della colina, uno dei mattoni della chimica del sistema nervoso. Saranno necessari altri studi per comprendere meglio i meccanismi che stanno dietro a questo processo così affascinante.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Velazquez R et al., Oddo S. Mol Psychiatry 2019 Jan 8. 

Martínez García RM et al. Nutr Hosp. 2018; 35(6):16-19.

Han SH et al. eNeurologicalSci. 2018 Apr 12; 11(1):5-8.

Velasquez MT et al. Toxins (Basel). 2016 Nov 8; 8(11). 

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Il rischio occupazionale per il cancro delle ovaie: fattori e categorie più esposte

Sono stati identificati pochi fattori di rischio modificabili per il cancro ovarico. I fattori ambientali, compresi quelli associati al posto di lavoro, possono aumentare...

Artrite reumatoide: perchè è positiva per un batterio del latte?

L'artrite reumatoide è una malattia infiammatoria che colpisce più di 1,3 milioni di adulti - la maggior parte dei quali sono donne - negli...

Avena e segale: i cereali che sistemano colesterolo e trigliceridi

Fino a poco tempo fa, i meccanismi alla base degli effetti sulla salute o delle fibre di crusca di avena e segale non erano...