HomeALIMENTAZIONE & SALUTECacao: il primo rimedio alimentare per la fatica nella SM?

Cacao: il primo rimedio alimentare per la fatica nella SM?

La sclerosi multipla è una condizione neurodegenerativa che colpisce più di 2.000.000 di persone in tutto il mondo e la fatica è uno dei sintomi più impegnativi della condizione. Secondo diversi autori, i principali fattori che contribuiscono alla fatica nella malattia potrebbero dipendere dalla presenza di depressione, disturbi del sonno, disturbi comorbili e fattori psicosociali. Infine, sono stati segnalati diversi trattamenti modificanti la malattia associati all’affaticamento. L’impatto della fatica non sembra correlare con il carico della lesione, piuttosto sembra correlarsi al sito delle lesioni, principalmente prefrontale, temporale e talamico. Oltre all’attività fisica, l’amantadina, il modafinil e la 3,4-aminopiridina sono tra i farmaci più utilizzati per il trattamento dell’affaticamento. Tutti questi trattamenti hanno potenziali effetti collaterali che limitano il loro uso in una certa misura. Secondo dati precedenti, l’amantadina è stata riportata come associata a nausea, mal di testa, lieve ansia e palpitazioni. Per modafinil, insonnia e disturbi gastrointestinali dove i principali fattori limitanti. È stato riportato che il trattamento con 3,4-aminopiridina ha causato insonnia e nausea, ma ha anche aumentato le parestesie. Il fattore limitante più importante è tuttavia la prova limitata della loro efficacia nell’ottenere sollievo duraturo dall’affaticamento.

Studi epidemiologici hanno dimostrato che le diete ricche di flavonoidi sono direttamente correlate con l’aumento della longevità e una minore incidenza di malattie cardiovascolari. Gli effetti dei flavonoidi sono stati segnalati per determinare effetti anti-infiammatori e per esercitare proprietà antiossidanti e di scavenging dei radicali liberi in vitro, oltre a modificare positivamente il microbiota intestinale. I flavonoidi, che sono gli antiossidanti presenti anche in molti frutti e verdure, hanno una comprovata proprietà antinfiammatorie e di scavenging dei radicali liberi. La ricerca ha anche collegato l’apporto di flavonoidi a benefici per la salute, come un miglioramento della salute del cuore e dell’intestino e una maggiore longevità. Inoltre, studi condotti su soggetti affetti da affaticamento cronico hanno suggerito che mangiare cioccolato fondente può aumentare i livelli di energia. Il consumo quotidiano della bevanda potrebbe essere un modo comodo e sicuro per alleviare la stanchezza che colpisce il 90% delle persone con sclerosi multipla, affermano i ricercatori. Per lo studio, un team di scienziati guidato dal dott. Paolo Ragonese dell’Università di Palermo in Italia, ha reclutato 40 pazienti recentemente diagnosticati con sclerosi multipla.

Per quanto riguarda il protocollo, gli scienziati hanno dato loro una tazza di cacao ricco di flavonoidi o una versione a basso contenuto di flavonoidi da bere ogni giorno per sei settimane. I pazienti che hanno bevuto la bevanda ad alto contenuto di flavonoidi hanno riportato un miglioramento del 45% nei livelli di vigilanza e un aumento dell’80% nella velocità di deambulazione, rispetto ai partecipanti a cui è stata somministrata la bevanda a basso contenuto di flavonoidi. I ricercatori hanno anche scoperto che coloro che bevono la bevanda ricca di flavonoidi hanno riportato una riduzione dei sintomi del dolore. Ciò potrebbe confermare l’idea che i flavonoidi antinfiammatori possono agire sulla produzione di citochine nella SM, che potrebbe essere almeno in parte un fattore che contribuisce alla fatica. Tuttavia, il cacao contiene altre molecole bioattive, come la teobromina e lipidi speciali come le acil-etanolammine, gli acil-gliceridi e l’anandamide con attività antinfiammatoria e antidolorifica. Sebbene i polifenoli siano abbondanti nel cacao e possano spiegare l’effetto anti-fatica evidenziato, non è ancora dimostrabile alcun effetto causale diretto. Lo studio, tuttavia, dimostra che gli interventi dietetici possono offrire benefici a lungo termine a supporto della gestione della fatica, migliorando la fatica e la resistenza a camminare.

Il Dr. Ragonese ha concluso: “L’uso di approcci dietetici per ridurre l’affaticamento e i fattori associati nelle persone con SM può essere un modo facile, sicuro ed economicamente efficace per avere un impatto sulla qualità della vita e dell’indipendenza, consentendo alle persone di sentirsi maggiormente controllo della loro condizione. Successivamente, è indicata una valutazione completa, inclusa una geografia più ampia, un follow-up più lungo e un rapporto costo-efficacia, per avere più dati sulla fattibilità di questo obiettivo”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Ragonese P. J Neurol Neurosurg Psychiatry. 2019 Mar 4.

Coe S et al. J Neurol Neurosurg Psychiatry 2019 Mar 4.

Shariati M et al., Esmaeil N. Inflammation 2019 Feb 26.

Campagnolo N et al. J Hum Nutr Diet 2017; 30:247-59.

Coe S et al. Clin Nutr ESPEN. 2017 Oct; 21:20-25.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI