mercoledì, Luglio 24, 2024

L’immunità che dialoga costantemente col cervello: il ruolo segreto di C1q nel cervello che matura ed invecchia

Uno studio innovativo condotto presso il laboratorio di Beth...

L’orologio biologico ed il metabolismo: una bilancia che rischia di saltare con certe tipologie di lavoro

Le routine quotidiane della vita sono legate ai modelli...

The risk for cognitive impairment among breast cancer survivors: drug types vs. plausible mechanisms

Breast cancer is the most commonly diagnosed cancer among...

Disturbi della memoria: i funghi potrebbero prevenirla in anticipo

La National University di Singapore (NUS) ha condotto uno studio trasversale sul consumo dietetico dei funghi e sull’insorgenza di un danno cognitivo lieve (MCI). Il ricercatore Lei Feng del Dipartimento di Medicina Psicologica del NUS ha condotto lo studio. Lo studio si è basato sui dati raccolti sulle diete di 663 cinesi di età superiore ai 60 anni. La loro dieta e stili di vita sono stati monitorati per un periodo di sei anni dal 2011 al 2017. Una porzione di funghi è stata definita come avente un peso medio di circa 150 grammi, con due porzioni pari a mezzo piatto. I funghi inclusi nello studio erano il dorato, l’ostrica, shiitake, champignons bianchi, funghi secchi e in scatola comunemente consumati a Singapore. Altre varietà di funghi che non sono state incluse possono anche sfruttare gli stessi benefici dei tipi inclusi nello studio. Lo studio riporta che l’associazione tra maggiore consumo di funghi e riduzione del rischio di declino cognitivo era “indipendente da età, sesso, istruzione, fumo di sigaretta, consumo di alcool, ipertensione, diabete, malattie cardiache, ictus e attività fisiche. I risultati hanno mostrato che consumare più di due porzioni di funghi cotti alla settimana diminuiva il rischio di un danno cognitivo lieve del 50%, rispetto a individui che mangiavano meno di una porzione alla settimana.

Sebbene lo studio enfatizzi gli effetti di due o più porzioni di funghi a settimana, i risultati hanno anche mostrato che una piccola porzione alla settimana potrebbe ancora contribuire a ridurre le probabilità di lieve deterioramento cognitivo in età avanzata. Il deterioramento cognitivo lieve è definito come lo stadio tra il declino cognitivo normale, correlato all’età e il declino significativo causato dalla demenza. Il lieve declino cognitivo è caratterizzato da perdita di memoria o dimenticanza e può anche presentare difficoltà con il linguaggio, l’attenzione e le funzioni visuo-spaziali. Gli effetti del decadimento cognitivo lieve non si manifestano chiaramente come quelli della demenza, in quanto non influenzano la capacità di una persona di svolgere le attività quotidiane in modo così grave. Per fare diagnosi accurate, i ricercatori hanno svolto interviste e test dettagliati. Sul tipo di informazioni raccolte in queste interviste, Feng ha dichiarato: “L’intervista prende in considerazione informazioni demografiche, anamnesi, fattori psicologici e abitudini alimentari. I parametri selezionati erano pressione sanguigna, peso, altezza, impugnatura e velocità di camminata e test a schermo semplice su cognizione, depressione, ansia. La correlazione trovata nello studio è stata sorprendente: sembra che un singolo ingrediente comunemente disponibile possa avere un effetto drammatico sul declino cognitivo”.

Uno studio precedente ha rilevato che i livelli di questo particolare, singolo ingrediente, chiamato ergotioneina (ETN), nel plasma delle persone con MCI erano notevolmente inferiori rispetto alle persone sane della stessa età. L’ETN è un composto antiossidante e anti-infiammatorio unico che è particolarmente arricchito nei globuli rossi. Deriva dall’aminoacido istidina, che è semi-essenziale, ma gli esseri umani non sono in grado di sintetizzare ETN da soli. Ma può essere ottenuto da fonti alimentari, uno dei principali è il fungo. Questo studio ha alimentato la convinzione che la deficienza di ETN possa contribuire alla neuro-degenerazione e che il consumo di cibi ricchi di ETN, come i funghi, possa aiutare a combattere gli effetti di questa particolare carenza. Tuttavia, il Dr. Feng riconosce che non sono i soli funghi che possono contribuire a una migliore funzione cognitiva nelle persone anziane. Inoltre, altre molecole chiamate erinacine, hericenoni, scabronine e dictyoforine possono essere responsabili di incoraggiare la sintesi dei fattori di crescita nervosi nelle cellule cerebrali. I composti bioattivi dei funghi possono anche essere responsabili della riduzione del rischio di declino cognitivo inibendo la produzione di beta-amiloide, la proteina tau fosforilata e modulando l’enzima acetilcolinesterasi (AchE).

In futuro, Feng e il suo gruppo di ricerca mirano a trovare altri fattori dietetici che contribuiscono a mantenere il cervello sano in età avanzata e ad abbassare l’incidenza della neurodegenerazione legata all’età. Prove randomizzate con ETN pura e diversi ingredienti vegetali tra cui L-teanina e catechine del thè, potrebbero essere effettuate in futuro per dimostrare l’efficacia dei composti chimici a base vegetale nel ridurre il rischio di neurodegenerazione. Il dott. James Pickett, responsabile della ricerca presso l’Alzheimer’s Society, concorda sul fatto che c’è di più per una migliore salute cognitiva futura rispetto al numero di porzioni di funghi che una persona mangia a settimana. Si espande sulla questione, dicendo: “La demenza è una delle prime 10 cause di morte, ma le persone possono agire per ridurre il rischio, quindi è importante che basiamo i nostri consigli su prove coerenti che si basano su più studi. Ci sono molti fattori che contribuiscono allo sviluppo della demenza e si stima che fino a un terzo dei casi possa essere prevenuto da cambiamenti nello stile di vita, compresa la dieta. Quindi, mentre mangiare una dieta piena di frutta e verdura, compresi i funghi, è un ottimo punto di partenza, il nostro miglior consiglio è quello di ridurre anche lo zucchero e il sale, essere fisicamente attivi, bere con moderazione ed evitare di fumare”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Feng L et al., J Alzheimers Dis. 2019; 68(1):197-203.

Yin Z, Chen J et al. Nutrients. 2018 Apr 9; 10(4). 

Zhang S et al. J Am Geriatr Soc. 2017; 65(7):1462. 

Zhang Y et al. Int J Biol Macromol. 2016; 92:935. 

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Sclerosi multipla: urge allargare l’armamentario di opportunità reali

La sclerosi multipla (SM) è una condizione autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale. Nella SM, il sistema immunitario attacca la mielina che circonda...

Anti-aging: età lunga va bene, ma le condizioni fisiche come le scegliamo?

  L'aspettativa di vita globale è raddoppiata dal 1900. Questa è una buona notizia. Ma la vecchiaia comporta un graduale declino del funzionamento fisico, come...

Pharmanews: sorafenib repurposed, siponimod approved

In an article published last week by SAGE Publishing, investigators from The Nagourney Cancer Institute and The Albert Einstein Israelite Hospital in São Paulo,...

Questo si chiuderà in 20 secondi