sabato, Luglio 20, 2024

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Caffé in clinica: può essere utile per gestire o prevenire la policistosi ovarica? Uno studio di caso-controllo

Le donne con ovaio policistico (PCOS) spesso soffrono di...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Asma infantile: il microbiota intestinale orchestra il rischio

L’asma è una condizione relativamente comune che colpisce circa il 13% delle donne in gravidanza. Durante la gravidanza, i sintomi possono peggiorare e uno scarso controllo dei sintomi è legato alla riduzione dei pesi alla nascita. Questo effetto è particolarmente pronunciato nei bambini maschi. Inoltre, se l’asma di una madre incinta non è ben controllata durante la gravidanza, i suoi figli hanno maggiori probabilità di sviluppare asma. Ciò suggerisce che l’interazione è maggiore dei soli geni: anche i cambiamenti in utero devono aver luogo. Negli ultimi anni, la flora batterica intestinali o microbiota, ha ricevuto molta attenzione essendo stata chiamata in causa per un’intera serie di condizioni come il diabete di tipo 1 e la schizofrenia, e ora l’asma infantile è al centro. Molti studi hanno suggerito l’ipotesi che i pre- e i probiotici potrebbero essere protettivi per l’asma. In generale, nel 2014 sono state proposte strategie preventive per l’asma e i disturbi allergici: (1) Educazione sanitaria generale: evitare l’esposizione al fumo di tabacco durante la gravidanza e dopo la nascita. (2) Prevenzione primaria per i bambini a rischio più elevato: diversi studi longitudinali di coorte di nascita hanno chiaramente dimostrato un aumento del rischio di manifestazioni allergiche, se uno o due genitori sono o sono stati colpiti da soli. (3) Strategie di prevenzione secondaria per bambini che hanno già sviluppato sensibilizzazione allergica o le prime manifestazioni di malattie allergiche; tali strategie mirano a ridurre l’incidenza di manifestazioni cliniche, come la rinite, l’allergia alimentare o l’asma.

Studi pre-clinici hanno dimostrato che la modifica del microbiota potrebbe modulare la risposta immunitaria globale dell’ospite, riducendo così la sensibilizzazione e l’infiammazione allergica. Ora, un team di ricercatori – guidato dall’epidemiologa del microbioma Anita Kozyrskyj – si è proposto di esaminare l’interazione tra l’asma durante la gravidanza e i batteri intestinali. I loro risultati sono stati recentemente pubblicati su European Respiratory Journal. I ricercatori hanno reclutato 1.000 madri e i loro bambini per lo Studio Canadese di Sviluppo Longitudinale dell’Infante Sano di AllerGen. A 3-4 mesi di età, il microbiota fecale dei bambini è stato valutato e confrontato con i campioni di madri senza asma. Hanno scoperto che i neonati caucasici le cui madri avevano l’asma, avevano un terzo in più di probabilità di avere un microbiota intestinale con caratteristiche specifiche all’età di 3-4 mesi. I ricercatori hanno visto una significativa riduzione della famiglia di microbi denominata Lactobacillus in neonati caucasici nati da donne in gravidanza che avevano asma, e questo era particolarmente evidente se la madre asmatica aveva allergie o era sovrappeso. Questo cambiamento del microbiota è stato precedentemente attribuito ad altri fattori. Per esempio, potrebbe essere che le madri asmatiche hanno maggiori probabilità di essere prescritte antibiotici o avere parto cesareo, entrambi i quali hanno il potenziale per alterare il trucco dei batteri intestinali del bambino.

L’analisi in questo studio ha controllato per questi fattori, insieme al peso pre-gravidanza, indipendentemente dal fatto che il bambino avesse allattamento al seno, ed allergie materne. Anche dopo aver tenuto conto di questi fattori, i livelli di Lactobacillus erano inferiori nelle viscere dei bambini di 3-4 mesi di madri asmatiche. I livelli erano particolarmente bassi nei bambini di madri sovrappeso e in quelli con allergie. Per la prima volta, gli scienziati hanno scoperto prove del fatto che i cambiamenti nei batteri intestinali potrebbero essere il risultato dell’asma materno durante la gestazione. Cosa interessante, l’asma durante la gravidanza ha influenzato diversamente i batteri intestinali delle femmine. Queste erano più propense ad avere quantità maggiori di batteri nella famiglia delle Bacteroidaceae, che sono importanti per il mantenimento della barriera mucosa che protegge le cellule intestinali dai danni provocati da sostanze nocive. Quindi, questo cambiamento può effettivamente giovare alla salute dei bambini. La differenza nel microbiota potrebbe essere il motivo per cui i bambini hanno meno probabilità di sviluppare l’asma in tenera età, ma possono ancora essere più propensi a sviluppare l’asma durante la pubertà. Le scoperte offrono l’intrigante possibilità che un giorno l’asma infantile possa essere prevenuta in alcuni casi semplicemente con la somministrazione di probiotici. Ovviamente, sarà necessario più lavoro prima che questo semplice intervento possa attuarsi.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Goldman DL et al. J Allergy Clin Immunol. 2018;141(2):808-11.

Boutin M et al. Mediators Inflamm. 2017; 2017:5047403.

Koleva PT, Tun HM et al. Eur Respir J. 2017 Nov 22;50(5).

Goedicke-Fritz S et al. Front Immunol. 2017 Oct 9; 8:1266.

Jartti T, Gern JE. J Allergy Clin Immunol. 2017 Oct;140(4):895-906.

Douros K, Moustaki M et al. Front Pediatr. 2017 Sep 20;5:202.

Latest

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Newsletter

Don't miss

Le allergie ai legumi: dai più comuni ai meno impiegati, cambiando i tempi cambiano anche le prospettive

Crescente popolarità degli alimenti a base vegetale I legumi sono...

Lipoproteins and cardiovascular risk: how to manage the situation with old and new opportunities

What are lipoproteins? Dietary lipids are digested within the gastrointestinal...

Metodiche ecografiche per la diagnosi e la gestione temporale del tumore epatico

Il carcinoma epatocellulare (CEP) è un tumore maligno primario...

Acido folico nella biologia e nella pratica: per l’anemia, la riproduzione e non solo

L’acido folico è una vitamina del gruppo B che...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Trigonellina: l’alcaloide che agisce come tale ma anche come precursore di coenzimi enzimatici anti-aging

La sarcopenia è il declino correlato all’età del muscolo scheletrico dovuto al deperimento delle miofibre, con conseguente ridotta contrazione delle fibre muscolari, diminuzione della...

Obesity: which role have the consumption of tea and coffee?

Tea, coffee and public health Tea and coffee are the most popular drinks, the most traded and appreciated products that come from developing countries. Their...

L’influenza della dieta occidentale sulla comparsa del Crohn: e i recettori del gusto non lavorano solo in bocca

La malattia infiammatoria intestinale (IBD) è una malattia cronica recidivante del tratto gastrointestinale; La malattia di Crohn e la colite ulcerosa sono forme comuni...

Questo si chiuderà in 20 secondi