Serotonina: l’ormone della felicità da capo a piedi

Serotonina: l'ormone della felicità da capo a piedi
Serotonin word cloud

Introduzione

La serotonina è una sostanza chimica che ha una grande varietà di funzioni nel corpo umano. Il nome scientifico della serotonina è 5-idrossitriptamina o 5-HT. A volte viene chiamata “l’ormone della felicità”, perché contribuisce al benessere e alla contentezza. Si trova principalmente nel cervello, nelle viscere e nelle piastrine del sangue. La serotonina è usata per trasmettere messaggi tra le cellule nervose e restringere i muscoli lisci (ad esempio, dei vasi sanguigni). Come precursore della melatonina, aiuta a regolare i cicli sonno-veglia e l’orologio interno. Si ritiene che giochi un ruolo nell’appetito, nelle emozioni e nelle funzioni motorie, cognitive e autonome. Tuttavia, non è noto esattamente se la serotonina influisce direttamente su questi, o se ha un ruolo globale nel coordinare il sistema nervoso. Sembra giocare un ruolo chiave nel mantenimento dell’equilibrio dell’umore. I bassi livelli di serotonina, infatti, sono stati collegati alla depressione. La serotonina è creata da un processo di conversione biochimica che combina il triptofano, un amminoacido, con la triptofano idrossilasi, un enzima cellulare. La serotonina è più comunemente ritenuta un neurotrasmettitore, anche se alcuni lo considerano un ormone. È prodotto nell’intestino e nel cervello. È presente anche nelle piastrine del sangue e nel sistema nervoso centrale (SNC). Poiché si verifica ampiamente in tutto il corpo, si ritiene che influenzi una varietà di funzioni corporee e psicologiche. La serotonina non può attraversare la barriera emato-encefalica, quindi qualsiasi serotonina che viene utilizzata all’interno del cervello deve essere prodotta al suo interno.

Funzione

Come neurotrasmettitore, la serotonina trasmette segnali tra le cellule nervose, o neuroni, regolandone l’intensità. Si ritiene che giochi un ruolo chiave nel sistema nervoso centrale (SNC) e nel funzionamento generale del corpo, e in particolare del tratto gastrointestinale. Gli studi hanno trovato collegamenti tra serotonina e metabolismo osseo, produzione di latte materno, rigenerazione epatica e divisione cellulare. La serotonina influenza la maggior parte delle cellule cerebrali sia direttamente che indirettamente.

Funzione intestinale: la maggior parte della serotonina del corpo si trova nel tratto gastrointestinale, dove regola la funzione intestinale e i movimenti (peristalsi). Svolge anche un ruolo nel ridurre l’appetito mentre mangia.

Umore: nel cervello, la serotonina influisce sui livelli di umore, ansia e felicità. Droghe che alterano l’umore come Ecstasy ed LSD, causano un aumento anomalo dei livelli di serotonina. L’ecstasy agisce sul trasportatore della membrana cellulare, mentre l’LSD agisce direttamente su alcuni suoi recettori, ma anche su recettore D2 della dopamina.

Coagulazione: la serotonina contribuisce alla formazione di coaguli di sangue. Viene rilasciata dalle piastrine quando c’è una ferita. La conseguente vasocostrizione o restringimento dei vasi sanguigni, riduce il flusso sanguigno e aiuta a formare coaguli di sangue.

Nausea: se si mangia qualcosa di tossico o irritante, l’intestino produce più serotonina per aumentare il tempo di transito ed espellere l’irritante in caso di diarrea. Questo stimola anche l’area della nausea nel cervello, con conseguente nausea. Nello stomaco, vi è un’area chiamata CTZ, con corrispondenza nel bulbo cerebrale, che viene attivata dai chemioterapici antitumorali, che classicamente causano nausea e vomito. Questo effetto è parzialmente mediato dalla serotonina.

Funzione sessuale: la serotonina sembra inibire l’attività sessuale. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) aumentano i livelli di serotonina nelle persone depresse, ma tra il 20 e il 70 % delle persone gli fanno sperimentare una serie di sintomi correlati alla disfunzione sessuale.

Serotonina e depressione

Non è chiaro esattamente cosa causa la depressione, ma una teoria chiave negli ultimi 50 anni è che potrebbe comportare uno squilibrio di neurotrasmettitori cerebrali. La depressione è stata collegata a bassi livelli di serotonina, ma non è chiaro se questo contribuisca alla depressione o ai suoi risultati. Gli SSRI sono approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento della depressione e sono gli antidepressivi più comunemente prescritti. Gli esempi includono fluoxetina (Prozac), citalopram (Celexa) e sertralina (Zoloft). Normalmente, una volta che un neurotrasmettitore ha trasmesso il suo impulso neurale viene riassorbito da parte dei neuroni. Gli SSRI prevengono il riassorbimento della serotonina, portando a livelli più alti di serotonina nelle sinapsi. Tuttavia, gli scienziati stanno ora mettendo in discussione il ruolo della serotonina o di qualsiasi singolo neurotrasmettitore nell’innescare la depressione.

Sintomi da carenza di serotonina

Bassi livelli di serotonina sono stati collegati con scarsa memoria e umore basso Possono anche portare ai seguenti sintomi: desiderio di cibi dolci o amidacei, difficoltà a dormire, bassa autostima, ansia ed aggressività. Questi sono sintomi comuni di depressione, ma sembra esserci poca evidenza che li collega direttamente ai bassi livelli di serotonina. Può anche essere che questo è vero solo per le persone che sono già sensibili ai sintomi della depressione. Quando le persone usano droghe ricreative, come l’MDMA e l’ecstasy, vengono rilasciate grandi quantità di serotonina. Questo può portare a esaurimento di serotonina e un basso umore, confusione e altri sintomi che durano diversi giorni. Gli studi hanno anche dimostrato che questi farmaci possono anche danneggiare i nervi che contengono serotonina, con possibili effetti avversi di lunga durata.

Terapie farmacologiche: SSRI

Gli SSRI aumentano i livelli di serotonina impedendo il suo riassorbimento da parte delle cellule cerebrali. I livelli di serotonina, così, rimangono alti nel cervello e questo si crede che possa innalzare il tono dell’umore. Gli SSRI che la FDA ha approvato per curare la depressione sono:

Citalopram (Celexa)

Escitalopram (Lexapro)

Fluoxetine (Prozac)

Paroxetina (Paxil, Pexeva)

Sertraline (Zoloft)

Vilazodone (Viibryd)

La serotonina allevia davvero la depressione?

Gli SSRI sono stati usati dagli anni ’80 per trattare la depressione aumentando i livelli di serotonina. Si ritiene che farmaci come gli SSRI alleviano i sintomi della depressione aumentando i livelli di serotonina nel corpo, ma esattamente come funziona non è chiaro. Alcuni scienziati hanno suggerito che, mentre gli SSRI sembrano funzionare per alcune persone, è improbabile un aumento dei livelli di serotonina per migliorare direttamente i sintomi della depressione. Un problema è che è possibile misurare i livelli di serotonina nel sangue, ma non nel cervello. I ricercatori non sanno se i livelli di serotonina nel sangue riflettono i livelli di serotonina nel cervello, o se gli SSRI possono davvero influenzare il cervello.

Nel 2014, uno studio sui topi ha suggerito che la serotonina potrebbe non svolgere un ruolo nella depressione. I ricercatori hanno creato alcuni topi che non erano in grado di produrre la serotonina nel loro cervello. I topi non hanno mostrato segni di depressione, anche se posti sotto stress. Nel 2015, tuttavia, altri scienziati hanno scoperto che i topi che mancavano di serotonina erano più suscettibili agli stress sociali rispetto ai topi sani di controllo. Mentre gli SSRI sembrano aiutare alcune persone con depressione, alcuni scienziati ora sostengono che “le semplici teorie biochimiche che collegano bassi livelli di serotonina con umore depresso non sono più sostenibili”. Un editoriale pubblicato nel BMJ nel 2015 si riferisce all’uso di SSRI per trattare la depressione come “la commercializzazione di un mito”. Gli SSRI sono anche usati per trattare i sintomi di ansia, disturbo di panico e disturbi ossessivo-compulsivi.

Effetti avversi degli SSRI

Gli SSRI hanno alcuni effetti collaterali, ma generalmente diminuiscono dopo 2-4 settimane di utilizzo. I più comuni sono nausea, diarrea, perdita di peso o guadagno, aumento della sudorazione, vertigini, sonnolenza o insonniabocca asciutta, mal di testa e irrequietezza. Quelli più gravi comprendono disfunzione sessuale e pensieri suicidi.

Sindrome serotoninergica

Sindrome serotoninergica, o tossicità della serotonina, può accadere se una persona prende due farmaci che stimolano la serotonina allo stesso tempo. Ciò produce un’eccessiva stimolazione del sistema nervoso centrale e dei recettori periferici della serotonina. Di solito è il risultato di un’interazione tra farmaci, ma almeno una condizione medica può scatenarla.

Interazioni farmacologiche: l’uso di farmaci prescritti, droghe illegali o integratori alimentari può portare alla sindrome serotoninergica, ad esempio, se una persona è suscettibile o se due farmaci che influenzano i livelli di serotonina sono presi nello stesso momento. I sintomi possono comparire da 6 a 8 ore dopo l’assunzione del farmaco. La FDA ha avvertito, per esempio, di non prendere SSRI con triptani, una classe di farmaci per curare l’emicrania, a causa del rischio di sindrome da serotonina. I farmaci che prendono di mira i livelli di serotonina non possono essere somministrati con un altra classe di farmaci, gli inibitori della monoammino-ossidasi (IMAO). Gli IMAO sono un altro approccio per trattare la depressione e lavorare su diversi neurotrasmettitori e sui loro recettori.

Farmaci ricreativi: l’uso di droghe ricreative, come l’ecstasy e l’MDMA, porta ad un rilascio elevato ed improvviso di serotonina. Se usate con farmaci serotoninergici prescritti, questo può aumentare il rischio di sindrome serotoninergica.

Tumori carcinoidi: questi tumori, comunemente trovati nel tratto gastrointestinale, possono causare il rilascio improvviso di serotonina. La maggior parte dei tumori carcinoidi non dà sintomi. Si trovano spesso durante test o procedure per altre condizioni. La sindrome serotoninergica porta a un’attività nervosa eccessiva. Segni e sintomi includono: agitazione e irrequietezza, confusione, sudorazione, aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna, dilatazione della pupilla, mal di testa e diarrea.

La grave sindrome serotoninergica è pericolosa per la vita mediamente nel 6% dei casi. I sintomi includono febbre alta, battito cardiaco irregolare, convulsioni e perdita di coscienza. Il trattamento si concentra sulla gestione dei sintomi e il tentativo di ripristinare i normali livelli di serotonina. L’interruzione del trattamento può essere sufficiente per fermare i sintomi. Una grave sindrome serotoninergica può richiedere un trattamento ospedaliero. I farmaci possono essere somministrati per rilassare o paralizzare i muscoli, controllare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna e, in alcuni casi, per bloccare la produzione di serotonina. L’ossigeno e i fluidi per via endovenosa possono essere somministrati per mantenere normali livelli di ossigeno nel sangue e per trattare la febbre e la disidratazione.

Come aumentare i livelli di serotonina

Oltre agli SSRI e alle droghe illegali, ci possono essere altri modi per aumentare i livelli di serotonina nel corpo.

Induzione dell’umore: le alterazioni del pensiero, sia attraverso la psicoterapia o l’autoinduzione, potrebbero aumentare i livelli di serotonina se l’interazione tra la sintesi di serotonina e l’umore è una relazione a doppio senso.

Luce: già usato come trattamento per il disturbo affettivo stagionale (SAD), alcuni studi hanno suggerito che la luce possa essere usata anche per trattare la depressione. In particolare, lo spettro del rosso, del blu e del violetto sembrerebbero avere gli effetti maggiori.

Esercizio: l’esercizio ha un effetto antidepressivo e alcune ricerche hanno suggerito che può aumentare la produzione della serotonina nel cervello.

Dieta: gli alimenti che hanno livelli più elevati di triptofano potrebbero essere collegati al miglioramento dell’umore e della cognitività, probabilmente a causa dell’aumento dei livelli di serotonina. Anche la serotonina è disponibile come supplemento, che può essere acquistato online. Queste sono tutte aree che richiedono ulteriori studi, poiché le attuali conoscenze rimangono speculative. Il triptofano è un aminoacido che può essere trovato nel cibo. Alcune ricerche hanno collegato un maggiore apporto di triptofano alimentare con punteggi di umore più positivi, probabilmente perché il triptofano aumenta i livelli di serotonina. Si dice che le banane contengano la serotonina, ma può aumentare la felicità in chi le mangia?

Si ritiene che alcuni alimenti, come il tacchino, la soia, le uova e il formaggio contengano molto triptofano e aumentino i suoi livelli nel sangue. Anche le banane: contengono serotonina e sono state raccomandate per il sollevamento dell’umore. Ma possono solo migliorare l’umore di una persona se la serotonina che contengono raggiungerà il cervello. Il triptofano è un precursore, un ingrediente principale di cui il corpo ha bisogno per produrre serotonina. Mangiare cibi ricchi di questa sostanza chimica essenziale non significa che il corpo possa assorbirlo e usarlo. Ma rendere disponibile il triptofano quando necessario migliorerà la sintesi della serotonina. In alcuni studi, tuttavia, le persone anziane a cui sono stati somministrati supplementi di triptofano hanno ottenuto risultati migliori nei test cognitivi rispetto a prima.

Vi è un crescente interesse per l’idea che il microbiota intestinale possa influenzare il SNC e la cognizione attraverso un collegamento noto come accesso al cervello. In questo caso, la serotonina nel sistema digestivo può essere in grado di influenzare l’umore. Tuttavia, mentre gli alimenti possono contenere triptofano, potrebbe essere troppo poco per fare la differenza. La maggior parte degli studi ha utilizzato forme supplementari di triptofano. Una proteina nota come α-lattoalbumina, che si trova nel latte, contiene più triptofano della maggior parte delle proteine. Tuttavia, gli scienziati suggeriscono che probabilmente non è pratico consumare la quantità necessaria per fare la differenza.

Negli anni ’80, il mais allevato con un contenuto di triptofano superiore riusciva a prevenire la pellagra. Studi di popolazione suggeriscono che le persone per le quali questo mais era una parte importante della dieta mostravano meno tendenze aggressive, sebbene ciò potesse essere dovuto ad altri motivi. È possibile che il triptofano nel mais aumenti i livelli di serotonina delle persone. Gli studi in cui le persone consumavano bevande arricchite di triptofano e altri trattamenti a base di nutrienti hanno prodotto risultati contrastanti. Fino ad ora, ci sono poche prove che una dieta specifica possa influire sull’umore o sui sintomi depressivi. Tuttavia, seguendo una dieta salutare e varia è stato riscontrato che produce una serie di benefici per la salute e aumenta il benessere generale.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.
Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 806 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.