Dieta Nordica: un colpo d’occhio sui pregi per la salute

Cos’è la dieta nordica?

La dieta nordica è stata sviluppata sulla base della cucina tradizionale presente in Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia. Non c’è il conteggio delle calorie o la dieta a rischio di arresto: piuttosto, la dieta nordica promuove un approccio permanente all’alimentazione sana. Si concentra su alimenti stagionali a base vegetale ed è ricco di proteine ​​magre, carboidrati complessi e grassi sani. La nuova dieta, che esiste da secoli, è stata adattata dalla piramide della dieta del Mar Baltico nel 2004 per includere più sapori e valore nutrizionale. La nuova versione promuove più cibo dai paesaggi selvaggi, meno additivi alimentari, prodotti biologici quando possibile e più pasti cucinati in casa. Inoltre, pone l’accento sulla pianificazione di ogni pasto intorno alle verdure invernali – come cavoli, cavolfiori, broccoli e cavolini di Bruxelles. Uova e pesce sono più di un condimento.

Le differenze con la dieta mediterranea

La dieta nordica è abbastanza simile alla ben nota dieta Mediterranea. Entrambe includono un sacco di pesci d’acqua dolce, verdure a radice, frutta e cereali integrali – come avena e orzo – e limitano il consumo di carne rossa, latticini, zuccheri e alimenti trasformati. La principale differenza è nei grassi grassi. Mentre la dieta Mediterranea suggerisce l’olio d’oliva, la dieta nordica opta per l’olio di colza. Entrambi gli oli promuovono un cuore sano aumentando il colesterolo buono (HDL) e eliminando il colesterolo cattivo (LDL). Entrambi sono oli vegetali con elevate quantità di omega-3. Poiché l’olio di canola ha meno grassi saturi rispetto all’olio d’oliva, è considerato più sano, tuttavia, entrambi hanno un diverso uso raccomandato in cucina”, ha dichiarato la dottoressa Nancy P. Rahnama, un medico bariatrico di Los Angeles. Ad esempio, l’olio d’oliva, che è più elevato di antiossidanti, è più saporito e viene tipicamente utilizzato per insalate e condimenti, mentre l’olio di canola può sopportare più calore, quindi può essere usato durante la cottura e la cottura a temperature più elevate.

La lunga lista di benefici per la salute

Uno dei motivi principali per cui i dietisti sono stati così affezionati alla dieta nordica è a causa di tutti i benefici per la salute sostenuti dalla ricerca a cui è stato collegato. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riscontrato che sia la dieta mediterranea che quella nordica riducono il rischio di cancro, diabete di tipo 2 e malattie cardiache. Altri studi hanno rivelato che la dieta nordica può abbassare i livelli di pressione arteriosa sistolica e diastolica, normalizzare i livelli di colesterolo e aiutare le persone a perdere peso o mantenere un peso sano. Inoltre, poiché la dieta è abbastanza simile alle diete antinfiammatorie – che tradizionalmente consistono in frutta, verdura, proteine ​​magre e grassi sani – è stato dimostrato che riduce l’infiammazione nei tessuti grassi e, di conseguenza, nei rischi per la salute legati all’obesità. Può anche aiutare le donne che stanno cercando di rimanere incinta. “Questo stile di vita è in linea con le raccomandazioni che do ai miei clienti quando stanno cercando di concepire”, ha detto Lauren Manaker, dietista e proprietaria di Nutrition Now Counseling. “Una dieta a basso contenuto di alimenti trasformati e carboidrati raffinati, oltre a mangiare principalmente proteine a base vegetale e frutti di mare insieme ad un elevato consumo di frutta e verdura, è correlata con maggiori possibilità di gravidanza”. Mentre la dieta Mediterranea è stata più fortemente ricercata, l’interesse crescente nella dieta nordica ha già trovato che la dieta è altrettanto sana, se non di più. Per non parlare del fatto ché la dieta nordica si concentra sul consumo di ciò che è in stagione, divenendo anche sostenibile. I prodotti stagionali tendono ad essere un po ‘più economici, in quanto più ampiamente disponibili.

Quindi, se state cercando di fare del bene alla vostra salute, potrebbe valere la pena provare la dieta nordica. È ricca di una quantità di principi nutritivi, vitamine e minerali di cui il corpo ha bisogno per sopravvivere e prosperare.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Skreden M et al. Br J Nutr. 2018 Jun; 119(11):1286-1294.

Ericson U et al., Orho-Melander M.Eur J Nutr. 2018 May 31.

Ohlsson B, Darwiche G et al. Food Nutr Res. 2018 Mar 14; 62.

Warensjö Lemming E et al. Br J Nutr. 2018 Apr; 119(7):836-46.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 2484 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it