lunedì, Giugno 24, 2024

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Dieta ipercalorica e rischio Alzheimer: trovata una potenziale relazione

La malattia di Alzheimer, la forma più comune di demenza, è una malattia progressiva del cervello che porta alla perdita di capacità cognitive e memoria e provoca cambiamenti significativi nel comportamento. L’invecchiamento è un fattore di rischio significativo per l’Alzheimer. Precedenti studi suggeriscono che l’obesità correlata alla dieta è anche associata allo sviluppo della malattia. Un nuovo studio suggerisce che quando una dieta ricca di grassi e ad alto contenuto di zuccheri che porta all’obesità è associata al normale invecchiamento, può contribuire allo sviluppo della malattia di Alzheimer. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che alcune aree del cervello rispondono in modo diverso ai fattori di rischio associati all’Alzheimer. I ricercatori della Brock University in Ontario, Canada, hanno esaminato gli effetti di una dieta che induce l’obesità sulla segnalazione di insulina (il processo che dice al corpo come usare lo zucchero) e i markers di infiammazione e stress cellulare.

Questi fattori sono stati trovati a essere coinvolti nella progressione della malattia di Alzheimer durante il processo di invecchiamento nei topi. Un gruppo di topi ha ricevuto una dieta ricca di grassi e zuccheri (“HFS”), mentre il gruppo di controllo ha mangiato una dieta normale. I ricercatori hanno misurato l’infiammazione degli animali e i livelli di stress nell’ippocampo e nella corteccia prefrontale nel cervello dopo 13 settimane sulle diete assegnate. Hanno confrontato il cervello dei topi anziani con quelli di un gruppo più giovane di topi di base. L’ippocampo è vicino al centro del cervello ed è responsabile della memoria a lungo termine. La corteccia prefrontale, nella parte anteriore del cervello, supervisiona la complessa funzione cognitiva, emotiva e comportamentale. Rispetto al gruppo di controllo, il gruppo HFS aveva marcatori significativamente più alti di infiammazione, insulino-resistenza e stress cellulare nelle aree dell’ippocampo.

La regione della corteccia prefrontale del gruppo HFS ha mostrato più segni di resistenza all’insulina, ma l’infiammazione e marcatori di stress cellulare non sono cambiati. Le differenze specifiche della regione tra la corteccia prefrontale e l’ippocampo in risposta all’invecchiamento con una dieta HFS indicano che la patologia della malattia non è uniforme in tutto il cervello, hanno scritto i ricercatori. I livelli di infiammazione del gruppo di controllo sono stati anche aumentati dopo la prova rispetto alle letture di base. Questi risultati supportano la teoria secondo cui l’invecchiamento da solo gioca un ruolo nella progressione della malattia di Alzheimer e l’obesità esaspera gli effetti dell’invecchiamento sulla funzione cerebrale. Questo studio dimostra nuove informazioni in relazione al legame meccanicistico tra l’obesità e il passaggio dall’età adulta alla mezza età e la segnalazione di cascate che potrebbero essere correlate alla patologia dell’Alzheimer più avanti nella vita, ha scritto il team di ricerca.

Questi risultati dimostrano gli effetti negativi di una dieta HFS sia sulla corteccia prefrontale che sull’ippocampo, che potrebbero essere coinvolti nella progressione precoce dell’Alzheimer. Ciò riguarda, naturalmente, gli uomini prima dei topi.

  • a cura del Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Baranowski BJ et al. Physiol Rep. 2018 Jun; 6(11):e13729. 

Mirzaei F et al. Food Chem Toxicol. 2018 May 2; 118:68-83. 

Xu W, Liu J et al. PLoS One. 2017 Feb 22; 12(2):e0172477.

Latest

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

The dark side of sulfur metabolism: are neurodegeneration and inflammatory bowel diseases lying above?

Neurodegenerative diseases (NDDs), which have no known cures and...

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

La vitamina D fa bene ai muscoli? Le rivelazioni di tutto quello che si sa oggi

Studi osservazionali hanno precedentemente suggerito che l’integrazione di vitamina D può aiutare la salute dei muscoli. Tuttavia, in una nuova meta-analisi, i ricercatori hanno...

Eosino-philia for cancer: the hidden ancient weapon rises up

Eosinophils are white blood cells that secrete powerfully destructive proteins.Major basic protein 1 and 2 (MBP-1, MBP-2), eosinophil-derived neurotoxin (EDN), and eosinophil peroxidase...

Depressione in rivoluzione: comprendere la neuroinfiammazione per combattere il problema fuori e dentro la gravidanza

Circa il 6% degli adulti nel mondo è affetto da depressione maggiore (MDD) e circa il 33% di loro è resistente ai trattamenti attualmente...

Questo si chiuderà in 20 secondi