giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sclerosi multipla: il digiuno intermittente può avere utilità?

Finora non è stata sviluppata alcuna cura per la sclerosi multipla (SM), e i trattamenti disponibili si concentrano sulla gestione dei sintomi. Alcuni suggeriscono che specifici interventi dietetici potrebbero aiutare nella gestione della SM, ma al momento non esiste una ricerca sufficiente per dare pieno sostegno a tali affermazioni. Ora, specialisti della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis, e del Jackson Laboratory for Genomic Medicine a Farmington, CT, stanno testando l’efficacia di un approccio dietetico nella gestione di questa condizione: il digiuno intermittente. Secondo la coautrice dello studio, la dott.ssa Laura Piccio, le persone ascoltano queste storie miracolose sui pazienti che recuperano la capacità di camminare dopo aver iniziato questa dieta o quella, e tutti vogliono crederci. Ma finora tutti gli scienziati hanno solo aneddoti. Il fatto è che la dieta può effettivamente aiutare con i sintomi della SM, ma gli studi non sono stati fatti. Dopo aver testato l’effetto del digiuno intermittente su un modello murino di SM e ottenere risultati promettenti, il Dott. Piccio e il team hanno condotto uno studio pilota su pazienti umani per verificare se i risultati positivi erano forti. Le loro scoperte sono ora pubblicate sulla rivista Cell Metabolism.

Inizialmente, la dott.ssa Piccio e il collega Dr. Yanjiao Zhou hanno condotto una ricerca su un modello murino di SM. In questo studio, alcuni animali avevano un regime di digiuno limitato, in cui venivano nutriti a giorni alterni per un periodo di 4 settimane. Un altro gruppo di topi è stato autorizzato a mangiare liberamente nello stesso periodo. Tutti i topi hanno quindi ricevuto un tipo di immunizzazione intesa a scatenare sintomi coerenti con la SM. Seguendo questi passaggi, tutti i roditori hanno continuato i rispettivi regimi dietetici per altre 7 settimane. I ricercatori hanno scoperto che i topi sottoposti a una dieta a digiuno intermittente erano più resistenti ai danni neurologici e avevano meno probabilità di sviluppare sintomi come debolezza muscolare, paralisi e difficoltà nel muoversi. Alcuni dei roditori esposti a digiuno intermittente hanno sviluppato sintomi coerenti con la SM, tuttavia questi erano meno critici di quelli osservati nei topi che venivano nutriti abbondantemente ogni giorno. Inoltre, i roditori a digiuno sembravano essere meno esposti all’infiammazione, poiché avevano livelli più bassi di cellule pro-infiammatorie (cellule T helper17), e invece livelli più alti di linfociti T regolatori.

Ci sono diversi modi possibili di digiuno che possono influenzare l’infiammazione e la risposta immunitaria, secondo gli scienziati. Uno è da variazioni ormonali; infatti, i livelli di cortisolo (ormone antinfiammatorio) erano quasi il doppio dei topi a digiuno. Ma potrebbe anche agire attraverso il microbiota intestinale. I ricercatori spiegano che anche i topi a digiuno sembravano avere più microbiota intestinale, che è stato collegato a migliori risultati di salute. Pertanto, i roditori che seguivano il regime di digiuno intermittente avevano livelli più elevati del batterio Lactobacillus, un probiotico la cui abbondanza nell’intestino è stata collegata a sintomi meno gravi della SM. Inoltre, quando i ricercatori hanno provato a trasferire i batteri intestinali raccolti dai topi a digiuno alle viscere dei non digiuni, hanno notato che quest’ultimo diventava più resistente ai sintomi simil-MS. Questo, dicono gli investigatori, suggerisce che alcuni batteri intestinali possano svolgere un ruolo protettivo. In seguito a questi promettenti risultati nei topi, il dott. Piccio e il team hanno avviato una sperimentazione pilota di 16 pazienti con SM. Ai partecipanti è stato chiesto di seguire una dieta a restrizione energetica intermittente, che ha limitato il loro apporto calorico a giorni alterni per un periodo di 2 settimane. Alla fine della sperimentazione pilota, il team ha riscontrato cambiamenti simili nel microbiota intestinale dei partecipanti e nei sistemi immunitari rispetto a quelli precedentemente osservati nei topi.

Ora, il team sta organizzando uno studio molto più ampio incentrato sui pazienti con SM recidivante-remittente, che è la forma più comune di questa condizione. È caratterizzato da periodi di sintomi con periodi stabili intermedi. Questo studio seguirà i partecipanti per un periodo di 12 settimane, durante il quale la metà dei volontari continuerà a seguire la loro dieta abituale in stile occidentale senza alcuna alterazione, mentre l’altra metà seguirà la loro dieta abituale per soli 5 giorni ogni settimana e solo consumare 500 calorie di verdura per 2 giorni alla settimana. Tutti i partecipanti continueranno a seguire qualsiasi trattamento iniettabile di SM già prescritto e qualsiasi paziente che riceva una recidiva durante lo studio riceverà il trattamento necessario. Il team non è alla ricerca di benefici clinici, anche se certamente sperano di vedere un miglioramento. Poiché la SM è così variabile e le persone con SM recidivante-remittente possono essere stabili e quasi prive di sintomi per lunghi periodi, è necessario uno studio enorme per vedere qualsiasi beneficio. Invece, ciò che i ricercatori vogliono scoprire è se le persone con digiuni limitati subiscono cambiamenti nel loro metabolismo, nella risposta immunitaria e nel microbioma simili a ciò che hanno visto in laboratorio.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Cignarella F, Piccio L. Cell Metab. 2018 Jun 5; 27(6):1222-35.

Fitzgerald KC et al. Mult Scler Relat Disord. 2018 May; 23:33-39.

Choi IY, Lee C, Longo VD. Mol Cell Endocrinol. 2017; 455:4-12.

Choi IY, Piccio L et al. Cell Rep. 2016 Jun 7;15(10):2136-2146.

Etemadifar M, Sayahi F et al. Neurol Sci. 2016 Jun;37(6):929-33.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Caffè e disturbi renali: le conclusioni degli esperti

Il caffè è tra le bevande più gradite al mondo, secondo solo al thè. Il suo consumo è legato a fattori misti, di tipo...

Regolazione del sonno: l’onda arriva sul canale giusto, ma solo via redox

I ricercatori dell'Università di Oxford hanno scoperto un processo cerebrale comune al sonno e all'invecchiamento, nella ricerca che potrebbe aprire la strada a nuovi...

Il lavoro segreto degli anticorpi: farsi a pezzi per ogni bisogno

Gli anticorpi (immunoglobuline, Ig) sono una classe speciale di proteine presentate sulla superficie delle cellule B come recettori legati alla membrana e nel siero...

Questo si chiuderà in 20 secondi