Declino cognitivo: maggiore rischio con meno esercizio e con più grasso

Diabete e demenza senile: le connessioni sono positive

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Loughborough ha rilevato che l’eccesso di grasso addominale è associato a un volume inferiore di materia grigia nel cervello. Il professore di esercizio, Mark Hamer, e colleghi hanno scoperto che un indice di massa corporea più alto (IMC), insieme ad un rapporto vita-fianchi più alto, era legato ad un volume di materia grigia inferiore, rispetto a individui più magri. È interessante notare che un IMC più elevato, insieme ad un rapporto medio tra vita e fianchi, non è stato associato ad alcuna significativa riduzione del volume di materia grigia. L’IMC è una misura generale del peso corporeo rispetto all’altezza, il che significa che gli individui più alti o quelli con più massa muscolare possono avere un BMI elevato, anche se sono magri. Il grasso addominale, d’altra parte, indica quanto grasso viscerale può circondare gli organi addominali come il fegato e l’intestino. Questo grasso viscerale può avere effetti tossici innescando l’infiammazione che può guidare condizioni come l’artrite e le malattie cardiache.

Il Dr. Hamer e il team hanno studiato immagini del cervello per 9.652 persone (in media 55 anni) che avevano il loro indice di massa corporea e rapporto vita-fianchi misurati tra il 2006 e il 2010. I soggetti sono stati arruolati nello studio del Biobank del Regno Unito, che include informazioni da volontari che aggiornano regolarmente le loro informazioni mediche. Un IMC sano è definito come un punteggio tra 18,5 e 24,9, mentre un punteggio di 30 o superiore è definito come obeso. Il punteggio del rapporto vita-fianchi è considerato elevato e indicativo dell’obesità centrale se è superiore a 0,90 per gli uomini e superiore a 0,85 per le donne. I ricercatori hanno scoperto che le persone che avevano un IMC più elevato combinato con un rapporto vita-fianchi più alto avevano un volume di materia grigia inferiore (media di 785 cm3) rispetto agli individui con un indice di massa corporea e vita-fianchi (media di 798 cm3). Questo effetto è stato osservato dopo aggiustamento per fattori quali età, storia del fumo, attività fisica, livello di istruzione e una storia di scarsa salute mentale.

Tuttavia, le persone che avevano un IMC superiore, ma un rapporto vita-fianchi sano, avevano un volume di materia grigia simile a quelli con un BMI sano e un rapporto vita-fianchi, in media 793 cm3. Significava che le riduzioni delle dimensioni del cervello aumentavano in modo lineare mentre il grasso intorno al centro si ingrandiva. I risultati supportano l’evidenza che restare magri ha effetti benefici sulla salute, non solo diminuendo il rischio di problemi cardiaci, ma anche mantenendo un cervello sano. Hamer fa riferimento a ricerche pubblicate di recente che dimostrano come l’esercizio fisico possa aumentare il volume di materia grigia e possa rappresentare un modo per contrastare alcuni degli impatti negativi che l’obesità può avere sul cervello e sul corpo. In effetti ha affermato: “Il messaggio da portare a casa è che essere sovrappeso e obesi ha una moltitudine di effetti sulla salute, quindi non sorprende che l’obesità abbia effetti sulla salute del nostro cervello”.

Uno studio parallelo di queste ultime settimane ha messo in luce uno dei potenziali meccanismi con cui una carenza di esercizio fisico conduca ad un più veloce deterioramento cognitivo. In questi ultimi studi su topi e umani, i ricercatori hanno scoperto che l’irisina aiuta a proteggere dal declino mentale che è comunemente visto con il processo di invecchiamento. Questo studio presso l’Università Federale di Rio de Janeiro, dimostra l’adagio che l’esercizio regolare mantiene il corpo e la mente in buona salute. L’irisina è un ormone prodotto dai muscoli durante l’esercizio fisico intenso e l’attività fisica. E’ stata scoperta sei anni fa ed è stato trovato che è strumentale per bruciare i grassi. L’irisina è stata in gioco per i ricercatori dell’obesità in tutto il mondo per il suo potenziale contributo alla riduzione del grasso. In questo studio il team ha studiato un gene chiamato FNDC5; questo gene regola la formazione dell’irisina. Tramite manipolazione genetica, hanno spento questo gene nei topi di laboratorio.

Questo ha effettivamente bloccato la produzione di irisina. Questi animali hanno mostrato problemi di apprendimento e memoria progressivamente, hanno notato. Il gene FNDC5 acceso nei topi per vedere che le cellule cerebrali avevano ripristinato la funzione. Il team ha anche studiato i tessuti cerebrali e il sangue e i fluidi spinali di persone che erano morte di demenza. Hanno confrontato questo con campioni di sangue e campioni di liquido spinale di partite sane viventi che non avevano la demenza. Il team ha scoperto che i pazienti con l’Alzheimer perdono gradualmente le sinapsi delle connessioni del cervello e questo causa la perdita di memoria. L’irisina riesce a ripristinare queste sinapsi. Anche se questo studio era solo nei topi, si aggiunge alla crescente evidenza della relazione tra fattori dello stile di vita, come la forma fisica e la demenza. Attualmente 35 milioni di persone in tutto il mondo sono affette da demenza senile e malattia di Alzheimer. Questa è una strada promettente per ulteriori ricerche e potenzialmente nuove terapie in futuro.

Il professor Ottavio Arancio, neurobiologo della Columbia University e ricercatore capo di questo studio, ha dichiarato: “Sappiamo che l’esercizio fisico può ridurre il rischio di sviluppare demenza, ma ha ancora molto da imparare sui suoi effetti sul declino cognitivo – per esempio, abbiamo bisogno di sapere come questo ormone entra nel cervello, come funziona, se è efficace nelle persone e se colpisce uomini e donne allo stesso modo. L’irisina potrebbe comprendere un’interessante terapia innovativa volta a prevenire la demenza nei pazienti a rischio e ritardare la progressione nei pazienti nelle fasi successive, compresi quelli che non possono più esercitare. Molti pazienti con demenza sono disabilitati a causa di altre condizioni legate all’età o comorbilità – ad esempio artrite, malattie cardiache, obesità, depressione – che impediscono loro di impegnarsi in un regolare esercizio fisico. Pertanto, lo sviluppo di approcci alternativi che si basano sugli effetti benefici dell’attività fisica nel cervello può portare benefici a questi pazienti”.

Quando nell’antichità dicevano “mens sana in corpore sano” non avevano idea di geni, ormoni e neuroni; avevano però sicuramente più buon senso.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Lourenco MV et al. Nat Med. 2019; 25(1):165-175. 

Hamer M, Batty GD. Neurology. 2019 Jan 9.

Otero-Díaz B et al. Front Physiol. 2018 Dec; 9:1781. 

Hamer M et al. Int J Epidemiol. 2018 Dec 11. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1615 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it