giovedì, Maggio 30, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Dieta mediterranea: MedDiet in Australia si chiama MedDiary

Le malattie cardiovascolari costano la vita a 17,9 milioni di persone ogni anno, pari al 31% di tutte le morti globali. In Australia, è l’unica principale causa di morte in Australia, che colpisce 4,2 milioni di australiani e uccide un australiano ogni 12 minuti. Le diete a basso contenuto di grassi sono spesso raccomandate come piani alimentari adatti per coloro che cercano di ridurre i loro fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. Allo stesso modo, la dieta mediterranea (MedDiet) ha dimostrato di offrire significativi benefici per la salute. Una nuova ricerca dell’Università del Sud Australia mostra una dieta mediterranea arricchita da latticini che aumenterà significativamente i risultati di salute per le persone a rischio di malattie cardiovascolari – ed è persino più efficace di una dieta povera di grassi. I risultati mostrano che il MedDiet con integrazione di latticini (MedDairy) ha migliorato significativamente la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, il colesterolo, l’umore e le funzioni cognitive. In questo studio pubblicato dall‘American Journal of Clinical Nutrition, i ricercatori hanno confrontato i benefici per la salute di una MedDiet integrato con due o tre porzioni di latticini al giorno e una dieta generica a basso contenuto di grassi.

Un tipico MedDiet comprende olio extravergine di oliva, frutta, verdura, noci, semi, legumi, pane integrale, pasta e cereali, consumo moderato di pesce e vino rosso e basso consumo di carne rossa, cibi dolci e trasformati. Comprende anche 1-2 porzioni di latticini (700-820mg di calcio), che è la metà della dose raccomandata dall’Australian National Health and Medical Research Council (NHMRC) per gli anziani. In Australia, le donne fino a 50 anni e gli uomini fino a 70 anni dovrebbero consumare 1000mg al giorno di calcio al giorno e 1300mg in seguito, ovvero circa 4 al giorno. Questo studio offre opzioni più sane per gli australiani adattando le sostanze nutritive nel MedDiet per soddisfare le esigenze di una popolazione non mediterranea. La nuova dieta MedDairy consente da tre a quattro porzioni con prodotti lattiero-caseari, il che significa che gli australiani possono soddisfare in modo più sostenibile le assunzioni di nutrienti giornaliere raccomandate, mantenendo allo stesso tempo i significativi benefici per la salute offerti attraverso la dieta mediterranea.

Nel precedente studio clinico pubblicato lo scorso novembre, il professor Murphy ha condotto uno studio randomizzato controllato progettato per confrontare una tipica dieta mediterranea con 3-4 pasti giornalieri di alimentazione con latticini (MedDairy) con una dieta a basso contenuto di grassi (LF). Quarantuno partecipanti di età ≥45 anni con pressione arteriosa sistolica ≥120 mmHg e almeno altri due fattori di rischio per malattia cardiovascolare, hanno completato ogni intervento dietetico per 8 settimane, con un periodo di washout di 8 settimane che separava gli interventi. L’analisi cognitiva è stata eseguita per attenzione, velocità di elaborazione, memoria e pianificazione, umore, rischio di demenza e qualità della vita. Miglioramenti significativi sono stati osservati per l’elaborazione della velocità totale di disturbi dell’umore, tensione, depressione, rabbia e confusione in seguito all’intervento di MedDairy. Non sono stati trovati effetti significativi per l’attenzione, la memoria e la pianificazione. Nella ricerca clinica del presente studio, invece, il primo parametro investigato è stato la pressione arteriosa. Secondariamente sono stati misurati composizione corporea, lipidi nel sangue, proteina C-reattiva (PCR), glucosio plasmatico e insulina sierica. Variazioni positive sensibili si sono registrate a carico della pressione sia mattutina che serale, dei valori di colesterolo HDL e dei trigliceridi totali, mentre altri indici non hanno fatto apprezzare discostamenti interessanti.

La dottoressa Alexandra Wade, PhD, dice che la nuova dieta MedDairy sfida le percezioni popolari di ciò che è considerato sano: “MedDiet sta guadagnando rapidamente la reputazione di dieta più sana del mondo ed è rinomata per il miglioramento della salute cardiovascolare e cognitiva. Ma è anche relativamente alto contenuto di grassi, che può essere un deterrente per le persone che cercano di adottare un piano alimentare più sano, soprattutto se non si rendono conto della differenza tra grassi sani e malsani. In Australia, le diete a basso contenuto di grassi sono spesso raccomandate per migliorare la salute del cuore e sono ancora percepite come sane. Il nostro studio mostra, invece, che il nuovo MedDairy funziona meglio di una dieta generica a basso contenuto di grassi, garantendo migliori risultati di salute per le persone a rischio di malattie cardiovascolari. Un altro importante dato nutrizionale, la dieta MedDairy soddisfa anche ulteriori requisiti di calcio raccomandati dagli enti sanitari nazionali australiani. In Australia abbiamo esigenze alimentari diverse, in particolare la necessità di più calcio contro l’osteoporosi. Questi bisogni non sono soddisfatti nel tradizionale MedDiet, il che rende difficile l’adozione a lungo termine delle persone. Quando si arriva a questo, le persone vogliono essere in grado di godere di una dieta colorata, gustosa e nutriente. E se sei una delle migliaia di persone che cercano di migliorare la tua salute cardiovascolare e cognitiva – non guardare oltre la dieta MedDairy”.

Sarà così, ma quando qui da noi c’è l’estate, in Australia sono con sciarpa e cappotto….

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Wade AT et al. Am J Clin Nutr. 2018 Dec; 108(6):1166-1182.

Wade AT et al., Murphy KJ. Nutr Neurosci. 2018 Nov 8:1-13. 

Davis CR et al. Murphy KJ. J Nutr. 2017 Jul; 147(7):1348-55. 

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Sulle cause note dell’acne non ci piove: ma se anche l’alimentazione fosse colpevole?

Sulle origini dell’acne L’acne vulgaris è una condizione infiammatoria cronica...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Vitamina D e magnesio: la loro comune carenza e la loro importanza nello sport

Gli atleti professionisti spingono i loro corpi al limite ogni volta che si allenano e competono, quindi assicurarsi di avere il giusto supporto nutrizionale...

Cacao: il primo rimedio alimentare per la fatica nella SM?

La sclerosi multipla è una condizione neurodegenerativa che colpisce più di 2.000.000 di persone in tutto il mondo e la fatica è uno dei...

Autismo: nuove speranze di diagnosi e terapia dalle indagini molecolari

L'autismo (ASD) è una condizione evolutiva che influisce sulla capacità di un individuo di interagire e comunicare con gli altri. Si stima che colpisca...

Questo si chiuderà in 20 secondi