Home ALIMENTAZIONE & SALUTE Trigliceridi, markers ed obesità: il contributo dei geni e della dieta

Trigliceridi, markers ed obesità: il contributo dei geni e della dieta

I trigliceridi sono importanti per una buona salute. Ma avere alti trigliceridi potrebbe aumentare il rischio di una persona di malattie cardiache e può essere un sintomo della sindrome metabolica – una combinazione di pressione alta, glicemia alta e accumulo di grasso in eccesso. Le persone con sindrome metabolica hanno aumentato il rischio di malattie cardiache, diabete e ictus. Un nuovo studio condotto da ricercatori sulla nutrizione dell’Università dell’Illinois dimostra che alcuni individui con variazioni di un “gene di interesse” possono essere a rischio ancora maggiore di sviluppare alti trigliceridi. Nello specifico, i ricercatori hanno esaminato la genetica e il rischio in un gruppo di giovani adulti messicani. Nonostante la predisposizione genetica, lo studio dimostra che mantenere un peso corporeo sano o cambiare dieta può aiutare a invertire il rischio. La dott.ssa Katie Robinson spiega che lo studio, è una collaborazione tra l’Università dell’Illinois e l’Università Autonoma di San Luis Potosi in Messico (UASLP), nota anche come UP AMIGOS. L’obesità è un problema crescente negli Stati Uniti e in Messico. Negli Stati Uniti, l’obesità colpisce oltre un terzo della nostra popolazione. È un problema che preoccupa perché l’obesità è associata ad altre malattie come il diabete, malattie cardiache e alti trigliceridi. Rispetto ai gruppi caucasici, gli ispanici negli Stati Uniti hanno tassi più elevati di diabete di tipo 2 e altre malattie correlate all’obesità. Di tutti i sottogruppi ispanici, quelli del patrimonio messicano hanno uno dei più alti rischi per l’obesità e le malattie associate. Molti dati esistenti provengono da coorti caucasiche, il che significa che è necessario replicare e comprendere meglio tali risultati in gruppi con diverse etnie. Questo è l’obiettivo principale del progetto UP AMIGOS.

Il progetto UP AMIGOS affronta i fattori genetici e ambientali associati all’obesità e alle condizioni correlate tra i giovani adulti in Messico. Per il presente studio, Robinson era interessato a una proteina prodotta nel fegato chiamata fetuin-A (FetA), un marker che collega l’infiammazione all’obesità e le sue malattie associate. FetA è una proteina che viene anche rilasciata dal tessuto adiposo ed è parte integrante della sensibilità all’insulina, ed è qui che la maggior parte della ricerca è stata fatta per esaminare la sua funzione. FetA è elevata anche nell’obesità e nel diabete. Pertanto, gli scienziati erano interessati a esaminare le implicazioni genetiche. Se ci sono alterazioni o singoli polimorfismi nucleotidici all’interno del gene che codifica per FetA, questo cambia il rischio di qualcuno per l’obesità o le malattie associate? Per rispondere a questo, i ricercatori hanno esaminato i lavori del sangue di 641 giovani adulti messicani per analizzare markers e genotipi. Hanno anche controllato l’indice di massa corporea (BMI), hanno misurato i livelli di glucosio a digiuno e hanno riferito ai partecipanti le loro abitudini alimentari. Dalla genotipizzazione, erano specificamente alla ricerca di occorrenze di due mutazioni del gene AHSG, che influenza la proteina FetA. Erano interessati all’associazione di quelle mutazioni genetiche con l’assunzione di cibo, il peso e anche i markers biologici di salute. I polimorfismi AHSG sono risultati associati ai trigliceridi.

Robinson spiega che la scoperta più importante è che uno di questi polimorfismi, o mutazioni, era associato a trigliceridi circolanti più alti, ma che la correlazione dipendeva molto dal BMI e dall’alimentazione – la relazione era esagerata in individui che erano sovrappeso. Robinson dice che anche la dieta ha avuto un ruolo nei trigliceridi superiori. “Un’assunzione più elevata di carboidrati – in particolare l’assunzione di zucchero o saccarosio – era associata a livelli elevati di trigliceridi, un’associazione principalmente in un gruppo di genotipi. Il pensiero era forse che questi individui fossero più sensibili a certe diete rispetto agli altri gruppi genotipici.” Indipendentemente dal genotipo, il BMI elevato era associato a trigliceridi superiori. A causa della relazione tra FetA e diabete, i ricercatori volevano anche verificare se esistesse un’associazione con le mutazioni e il glucosio AHSG, ma sorprendentemente, non ne trovarono nessuno. Mentre lo studio ha esaminato giovani adulti relativamente sani in una popolazione messicana, i risultati sono stati diversi da quelli osservati in precedenti ricerche di gruppi caucasici. Alcune buone notizie dai risultati dello studio sono che il mantenimento di un peso corporeo sano spesso può superare gli effetti dei geni correlati alla malattia metabolica e al diabete di tipo 2.

Il dott. Robinson conclude: “Sappiamo che i geni non sono tutto”, “Ci sono un sacco di cose che possiamo fare, sul piano comportamentale, per cambiare il nostro rischio individuale. E’ l’obiettivo principe nella nostra ricerca. Non possiamo modificare la nostra genetica, ma possiamo modificare i nostri epigenomi e alcuni comportamenti, tuttavia si possono avere risultati positivi per la salute”.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Robinson KN et al. J Nutrigenet Nutrigenomics. 2017;10(3-4):75-83.

Verras CG, Christou GA et al. Hormones 2017 Jul; 16(3):297-305. 

Robinson KN, Teran-Garcia M. Biochimie. 2016 May; 124:141-149.

Iyidir OT, Degertekin C et al. Arch Gynecol Obstet. 2015; 291(4):933.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it

ARTICOLI PIU' LETTI