HomePSICHE & SALUTEDepressione e obesità infantile: nuovi studi sui circuiti cerebrali

Depressione e obesità infantile: nuovi studi sui circuiti cerebrali

L’obesità e la depressione nella prima infanzia possono essere guidate da anomalie condivise nelle ricompense delle regioni del cervello, secondo i ricercatori della Stanford University School of Medicine. Le loro scoperte, pubblicate sulla rivista Hormones and Behaviour, sono basate su scansioni di risonanza magnetica cerebrale di bambini e adolescenti di età compresa tra 9 e 17 anni che hanno sofferto di sintomi depressivi e di mantenere un peso sano. Lo studio è il primo a documentare come l’obesità e la depressione concomitanti si riflettano nel cervello in questa fascia di età. I giovani che avevano entrambe le condizioni avevano bassi volumi in due aree di elaborazione della ricompensa del cervello, l’ippocampo e la corteccia cingolata anteriore. Le anomalie cerebrali dei partecipanti erano anche legate al loro livello di insulino-resistenza, a sua volta un precursore del diabete. I bambini e gli adolescenti che hanno entrambe le condizioni si sentono spesso stigmatizzati e possono esitare a perseguire le cure, ha detto Singh, che è anche uno psichiatra infantile e dell’adolescente presso l’Ospedale pediatrico di Lucile Packard Stanford.

“Vogliamo aiutare i bambini e le famiglie a capire che queste condizioni sono fenomeni cerebrali”, ha detto l’autore principale dello studio, Manpreet Singh, MD, assistente professoressa di Psichiatria e Scienze Comportamentali. “Vogliamo destigmatizzare questi problemi e capire che esiste una base cerebrale può aiutare sia i bambini che i genitori a focalizzarsi sulla soluzione”. La ricerca precedente del team ha mostrato cambiamenti nelle stesse reti cerebrali negli adulti con obesità e depressione. “Con questo nuovo studio, stiamo cercando di capire il più tenera età in cui inizia questa vulnerabilità, e anche il più breve tempo saremo in grado di intervenire quando troviamo l’intervento appropriato”, ha detto l’autore dello studio, Natalie Rasgon, MD, PhD, professoressa di Psichiatria e Scienze Comportamentali. “L’intervento precoce è importante perché, più avanti nella vita, queste sono le stesse aree del cervello che alla fine saranno vulnerabili anche ai processi neurodegenerativi. È un doppio smacco”.

Quando l’obesità e la depressione iniziano nell’infanzia, tendono a persistere per tutta la vita. I giovani depressi possono sperimentare un ciclo di eccesso di cibo per cercare di sentirsi meglio, seguito da un aumento di peso, da sentimenti depressivi in ​​corso e da bullismo legato al peso che peggiora ulteriormente la loro depressione. Ricerche di brain-scan precedenti che hanno esaminato l’obesità o la depressione hanno rivelato anomalie nei centri di ricompensa del cervello. “Indipendentemente, nell’obesità e nella depressione, sono comparse le stesse reti cerebrali, e questo era curioso per noi”, ha detto Singh. “Pensavamo che fosse un collegamento che ci avrebbe aiutato a capire meglio perché questi sintomi coesistono”. I ricercatori hanno reclutato 42 giovani partecipanti con un indice di massa corporea superiore all’85° percentile che presentava anche sintomi depressivi non trattati da moderati a severi (a tutti i partecipanti allo studio sono stati offerti riferimenti terapeutici durante lo studio).

Prima di cercare un trattamento, sono stati valutati con test clinici standard e questionari per valutare il loro livello di depressione, la loro esperienza di piacere e determinati comportamenti alimentari, come mangiare incontrollato e mangiare emotivo. Hanno anche misurato la resistenza all’insulina durante il digiuno e dopo aver consumato una dose standard di glucosio, lo zucchero nel sangue. L’insulina aiuta lo zucchero a spostarsi dal sangue nelle cellule del corpo, dove può essere usato come combustibile. Quando qualcuno diventa insulino-resistente, l’ormone funziona in modo meno efficace del solito; la resistenza all’insulina è un marker di disfunzione metabolica che precede il diabete di tipo 2. Alla fine, subivano una risonanza magnetica cerebrale per valutare struttura e funzione cerebrale. Rispetto ai partecipanti insulino-sensibili, quelli con più insulino-resistenza hanno sperimentato meno piacere dal mangiare, erano più propensi a mangiare in modo sfrenato e avevano anche difficoltà nel provare piacere (anedonia).

Le caratteristiche dell’ippocampo dei partecipanti e della corteccia cingolata anteriore erano correlate ai loro livelli di resistenza all’insulina e anche al loro grado di depressione, con volumi inferiori delle due regioni cerebrali nei bambini e negli adolescenti che avevano più insulino-resistenza o grave depressione, o entrambi . Una maggiore resistenza all’insulina e una maggiore depressione erano anche legate a connessioni più forti tra i due centri di ricompensa. Il livello di insulina dei partecipanti nel digiuno rispetto al consumo di glucosio era correlato alla posizione esatta e alla natura delle loro anormalità cerebrali, con caratteristiche leggermente diverse nel cervello dei bambini la cui insulina era più alta durante il digiuno piuttosto che dopo i pasti. Il team si è avvicinato alla comprensione dei meccanismi specifici condivisi tra queste sindromi e i commisurati indicatori neuro-funzionali che li accompagnano.

Il team di Singh sta ora conducendo uno studio longitudinale di una coorte di bambini e adolescenti, compresi i partecipanti di questo studio appena completato, per valutare come il loro cervello e i loro sintomi clinici si inseguono nel tempo. Comprendere come il cervello differisce nei giovani con obesità e depressione fornisce anche agli scienziati una base importante per la ricerca futura per testare l’efficacia di nuovi trattamenti, ha detto Singh. Negli studi clinici di future terapie, la risonanza magnetica cerebrale può aiutare i ricercatori a capire se i trattamenti hanno l’effetto desiderato. “Questa è l’eccitante promessa della prossima fase di questo lavoro: utilizzeremo le informazioni che otteniamo dal cervello per sviluppare trattamenti mirati e meccanicistici che possiamo monitorare per vedere se hanno l’effetto che dovrebbero avere il cervello”. Lo studio è un esempio di attenzione della Stanford Medicine sulla salute di precisione, il cui obiettivo è quello di anticipare la malattia nell’individuo sano, diagnosticando e curando precocemente la malattia del malato.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gross AC, Kaizer AM et al. J Pediatr. 2018 May 10.

Marshall SA et al. Matern Child Nutr. 2018 May 9:e12614.

Brewis AA et al. Int J Environ Res Public Health. 2018 May 1; 15(5).

Singh MK et al., Rasgon N. Horm Behav. 2018 Apr 5.

Phillips OR et al., Singh MK. Pediatr Diabetes. 2018 Mar 22.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -

ARTICOLI PIU' LETTI

CHIUDI
CHIUDI