venerdì, Maggio 31, 2024

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Stile alimentare sano e dieta low-carb: la necessità di cambiare la visione culturale per non rimanere sugli stereotipi

Alimentazione, cultura e stile di vita Nonostante decenni di ricerche,...

Autoimmunità: il rischio associato di cardiopatie trova spiegazione

Le persone con autoimmunità come la psoriasi, il lupus e l’artrite reumatoide sono ad alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, anche se nessuna di queste condizioni sembra colpire direttamente il sistema cardiovascolare. Ora, i ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis credono di aver iniziato a capire il legame tra i due. I ricercatori che studiano topi con una condizione simile alla psoriasi hanno scoperto che i vasi sanguigni dei topi erano rigidi. Il colesterolo circola normalmente liberamente tra il sangue e i tessuti, ma in questi topi le pareti dei vasi inflessibili intrappolano il colesterolo nelle loro pareti, promuovendo placche che possono causare infarti e ictus. Per decenni è noto che l’intrappolamento del colesterolo guida la malattia, e ora abbiamo un meccanismo per come certe risposte immunitarie tipiche delle malattie autoimmuni potrebbero peggiorare la situazione. Nel topo, i segni della malattia cardiovascolare sorgono appena quando si neutralizzano questi componenti immunitari. Nelle persone, è difficile essere sicuri, ma si prevede che sarebbe anche prevenibile. Le persone con psoriasi e lupus hanno da due a otto volte più probabilità di subire un attacco cardiaco rispetto alle persone senza queste malattie. Per gli adulti giovani e di mezza età affetti da artrite reumatoide, la principale causa di morte è rappresentata dalle malattie cardiovascolari.

La psoriasi è caratterizzata da chiazze di pelle rossa, ispessita e squamosa. L’ispessimento è in parte dovuto a un eccesso di collagene, la principale proteina nei tessuti connettivi come la pelle e i vasi sanguigni – e anche l’ingrediente chiave in alcuni prodotti di bellezza progettati per plump labbra e cancellare le rughe. Nelle persone con psoriasi, il collagene in eccesso non si limita all’area del rash; può essere trovato anche in una pelle apparentemente normale e sana. Il primo autore Li-Hao Paul Huang, PhD, un istruttore di Patologia, sospettava che anche le pareti dei vasi sanguigni potessero essere ricoperte di troppa collagene. Hanno creato una forma sensibile alla luce di lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) – la custodia molecolare per il colesterolo – che si illumina quando viene colpita da un raggio laser e inserita nei topi. I ricercatori hanno quindi indotto una malattia simile alla psoriasi nei topi dipingendo le loro orecchie con imiquimod, un farmaco infiammatorio che attiva gli stessi tipi di cellule immunitarie che svolgono un ruolo nella psoriasi umana. Seguendo il vettore di colesterolo fluorescente, i ricercatori hanno potuto vedere che il colesterolo HDL è stato ritardato nell’uscire dal flusso sanguigno nei topi che hanno ricevuto il composto. Questo era vero non solo nella pelle, ma nelle arterie interne vicino al cuore. Inoltre, la pelle e i vasi sanguigni erano più densamente intrecciati con il collagene e più resistenti allo stretching.

Inoltre, quando i ricercatori hanno alimentato i topi con una dieta ricca di colesterolo per tre settimane mentre si stavano dipingendo le orecchie, i topi nel gruppo di psoriasi sperimentale hanno sviluppato depositi di colesterolo significativamente più grandi nei loro vasi sanguigni. Un tipo di cellule immunitarie chiamato cellule Th17 si moltiplica in modo efficace nelle malattie autoimmuni come la psoriasi, il lupus e l’artrite reumatoide, liberando quantità copiose della molecola immunitaria IL-17. Quando i ricercatori hanno neutralizzato la IL-17 in topi con malattia simile alla psoriasi, usando un anticorpo, la densità di collagene è diminuita e i depositi di colesterolo si sono ridotti. Terapie biologiche che hanno come target IL-17 sono già approvati per il trattamento della psoriasi, commercializzati con marchi come Cosentyx e Taltz, e altre terapie anti-IL-17 sono in cantiere. L’autore senior Gwendalyn Randolph, PhD, Illustre Professoressa di Immunologia e di Medicina, ha spiegato: “La risposta immunitaria indotta dalla pelle può guidare i cambiamenti sistemici. Una volta che le cellule immunitarie sono programmate da reazioni alla pelle infiammata, si muovono intorno al corpo ad altre siti cutanei e arterie per essere pronti per il prossimo insulto, migliorando la densità del collagene ovunque vadano. Ci vorranno alcuni anni prima che ne siamo certi, ma prevediamo che gli anticorpi anti-IL-17 già utilizzati per trattare le malattie autoimmuni saranno efficaci nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Questo sarebbe importante perché alcuni altri farmaci sul mercato sembrano migliorare la malattia della pelle ma non ridurre il rischio cardiovascolare”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Huang LH et al., Randolph GJ. Cell Metabolism 2018; Nov 8.

Bambouskova M et al. Nature. 2018 Apr; 556(7702):501-504. 

Chang CH, Randolph GJ. Dev Cell. 2017 Jun; 41(6):576-578. 

Westerterp M et al. Cell Metab. 2017 Jun 6; 25(6):1294-1304.

Latest

Il benessere mentale nella malattia infiammatoria intestinale: un focus sulle terapie psicologiche dedicate

La malattia infiammatoria intestinale (IBD), comprendente il morbo di...

Il rischio genetico di diabete a tavola: si può intervenire e personalizzare?

Nel 2021 oltre al 7% della popolazione mondiale è...

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Il carico di stress da extra impegno lavorativo: anche i medici possono diventare pazienti

Gli studi hanno riportato che tra il 30 e il 70% di medici e infermieri e il 56% degli anestesisti sperimentano sintomi di burnout...

Alimenti ultra-trasformati e salute pubblica: le implicazioni per cardiovasculopatie, diabete, ma anche problemi renali

Background La ricerca ha evidenziato la diffusione globale dei modelli alimentari occidentali, in particolare l’aumento del consumo di alimenti ultra-trasformati (AUT) nelle diverse fasi economiche....

Dermatite atopica: la gravidanza rivela un segreto da applicare

Una proteina che protegge il feto durante la gravidanza, HLA-G1, mostra un alto potenziale per il trattamento della dermatite atopica e di altre...

Questo si chiuderà in 20 secondi