Frutta e verdura fresche: contro i disturbi iniziali della memoria

Frutta e verdura fresche: contro i disturbi iniziali della memoria

L’MCI (mild cognitive impairment; difetto cognitivo lieve) è una condizione che precede spesso la malattia di Alzheimer, la forma più comune di demenza. Tuttavia, non tutti con MCI svilupperanno l’Alzheimer. Tra parentesi, la maggior parte dei deficits cognitivi deriva da problemi di vasculopatia cerebrale che progredisce con l’età, in special modo in persone con cattivo controllo della glicemia (non necessariamente diabete), ipertensione non curata, storia clinica diabetica almeno ventennale e malattia renale cronica. Secondo il National Institute on Aging, negli Stati Uniti circa l’80% di quelli che rientrano nella definizione di “MCI amnestico” sviluppano la malattia di Alzheimer entro 7 anni. Lo MCI amnestico è la forma di MCI che è il più delle volte legata alla perdita di memoria. Gli uomini che seguono una dieta salutare potrebbero proteggere il loro cervello, secondo un nuovo studio che h monitorato un grande gruppo di uomini per più di 2 decenni. La rivista Neurology ha recentemente pubblicato un articolo sullo studio e le sue conclusioni.

Ricercatori dell’Harvard T.H. La Chan School of Public Health di Boston, Massachusetts, ha analizzato i dati di uno studio che aveva seguito 27.842 uomini per 26 anni. Tutti gli uomini avevano compilato dettagliati sondaggi su alimentazione e bevande all’inizio dello studio nel 1986 – quando avevano in media 51 anni, in media – e poi ogni 4 anni fino al 2002. Il follow-up è durato fino al 2012, che ora la loro età media era tra la metà e la fine degli anni ’70. Durante gli ultimi anni del follow-up, avevano anche completato dei brevi test per scoprire se avevano notato qualche declino nella loro capacità di pensare e ricordare le cose. L’analisi ha mostrato che il consumo di quantità maggiori di determinati alimenti e bevande era legato a un minor rischio di diminuzione della memoria e delle capacità di pensiero. I cibi che più fortemente hanno mostrato questo effetto erano verdure a foglia verde, verdure rosse e scure, frutti di bosco e succo d’arancia.

Lo scopo della funzione cognitiva soggettiva (SCF) verifica che gli uomini completati consistessero nel discernere i cambiamenti nella memoria e le abilità di pensiero che avevano notato loro stessi. Il test SCF contiene sei item e gli autori dello studio osservano che la sua “validità era supportata da forti associazioni” con un gene che è legato alla malattia di Alzheimer. Il test soggettivo può scoprire il declino della memoria e le capacità di pensiero, prima che inizino a comparire nei test oggettivi. Gli uomini hanno completato il test SCF due volte: una nel 2008 e di nuovo alla fine del follow-up nel 2012. Le domande tipiche includevano: “Hai più problemi del solito ricordando una breve lista di articoli, come una lista della spesa?” “Hai più problemi del solito dopo una conversazione di gruppo o una trama in un programma TV a causa della tua memoria?” Gli autori notano che hanno classificato la media dei [due] punteggi come SCF buono, moderato e scarso.

Nel recente studio, il 55% degli uomini ha ottenuto un punteggio “buono” nel test SCF, il 38% ha ottenuto un punteggio “moderato” e il 7% ha ottenuto un punteggio “scarso”. La squadra ha diviso gli uomini in cinque gruppi in base alla loro assunzione di frutta e verdura. I risultati hanno mostrato che il gruppo che mangiava la maggior parte delle verdure consumava circa 6 porzioni al giorno e che il gruppo che mangiava meno consumava 2. Il consumo giornaliero di frutta variava da 3 porzioni per il gruppo che mangiava di più a metà di una porzione per il gruppo che ha mangiato meno. Un confronto del consumo di verdure rispetto ai punteggi SCF ha rivelato che gli uomini che mangiavano più verdure avevano il 34% in meno di probabilità di riportare di aver subito una riduzione della funzione di memoria. Tra gli uomini che hanno mangiato più verdura, il 6,6% ha ottenuto un punteggio scarso sul SCF, rispetto al 7,9% di quelli che ne hanno mangiato meno.

I risultati hanno anche mostrato un 47% in meno di possibilità di avere un punteggio SCF basso tra gli uomini che bevevano succo d’arancia ogni giorno rispetto a quelli che lo bevevano solo una volta al mese. Il collegamento era più rilevante per gli uomini più anziani che bevevano succo d’arancia tutti i giorni. Inoltre, gli uomini che mangiavano la maggior quantità di frutta ogni giorno avevano meno probabilità di avere un punteggio SCF basso, ma questo legame ha perso la sua forza dopo che il team ha preso in considerazione l’effetto di altri alimenti. Il team ha anche scoperto che alti livelli di consumo di frutta e verdura vicino all’inizio del periodo di studio erano legati a una minore probabilità di avere un punteggio SCF scadente circa 20 anni dopo. E’ interessante notare come tra la frutta annoverata come la più efficace spuntino i frutti di bosco e le arance. Non è un caso, infatti che esse siano ricchi di polifenoli con effetto vaso-protettore.

Mirtilli, more, lamponi e congeneri sono ricchi di delfinidina, petunidina e malvidina, polifenoli della classe delle antocianine; le arance sono ricche di rutina, diosmina e naringina, che sono flavonoidi con un buon tropismo per l’apparato circolatorio e capillare. Questo potrebbe rafforzare l’ipotesi dell’associazione fra MCI e deficits di circolazione cerebrale. Il contenuto di vitamina C potrebbe avere un contributo molto relativo, dato che le arance non ne sono particolarmente ricche (appena 25mg/100g di peso fresco) ed il suo contenuto nei frutti di bosco è accettabile (35-40 mg/100). Tuttavia, la vitamina C protegge i capillari e le pareti venose proprio se associata a polifenoli come la rutina, la delfinidina e la diosmina. Quindi, il consumo di frutta e verdura fresche a tavola trova l’ennesimo rinnovo degli apprezzamenti salutistici apportati da questo studio.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Zhao C et al. Curr Nutr Rep. 2018 Dec; 7(4):335-345.

Rocaspana-García M et al. PeerJ. 2018 Jul 6;6:e5150.

Boespflug EL et al. Nutr Neurosci. 2018; 21(4):297-305.

Miller MG et al. Eur J Nutr. 2018 Apr; 57(3):1169-1180.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it