giovedì, Aprile 18, 2024

Sempre più spazio per la ketamina nel trattamento della depressione resistente: come fa a “resettare” i circuiti?

Background Le stime attuali indicano che oltre 300 milioni di...

Proteasome anchors to neuronal membranes to become a signaling platform: moonlightner or hidden deceiver?

Within the nervous system, the proteasome system (PROS) has...

Intelligenza Artificiale al servizio dell’oncologia (II): adesso è il turno dei tumori cerebrali

Introduzione I tumori al cervello, sebbene rari, rappresentano una sfida...

Omega-3: se si è in salute meglio prenderli a tavola che con integratori

Omega-3: biologia e patologia

Gli acidi grassi omega-3 sono acidi grassi polinsaturi con potenti effetti sul sistema immunitario principalmente attraverso la loro attività anti-infiammatoria. I più potenti tra questi sono l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA), entrambi presenti nell’olio di pesce. Le aree di interesse per gli acidi grassi omega-3 includono condizioni autoimmuni e infiammatorie, inclusa la salute cardiovascolare, varie condizioni artritiche, lupus eritematoso sistemico (LES), morbo di Crohn, colite ulcerosa, invecchiamento, tumori maligni e depressivi. È interessante notare che nella maggior parte di questi pazienti sono presenti alti livelli di interleuchina-1 (IL-1) e leucotriene B-4, che è prodotto da acidi grassi omega-6. Gli stessi mediatori sono anche prodotti nell’asma, nella sclerosi multipla e in altre condizioni croniche. Pertanto, la ricerca si è concentrata sulla ricerca dei benefici di integrare la dieta con acidi grassi omega-3. Esistono meccanismi che consentono agli acidi grassi omega-3 di agire sia in modo indipendente da eicosanoidi che indipendenti, lavorando piuttosto per modulare la segnalazione cellulare e la trascrizione o espressione genica.

Gli eicosanoidi sono un tipo speciale di acidi grassi coinvolti in molte vie sintetiche e regolatorie nel corpo. Le più popolari sono probabilmente le prostaglandine (PGE1, PGE2, PGA1, ecc.), che mediano reazioni infiammatorie di vario tipo. Successive ricerche hanno scoperto i percorsi pro- e anti-infiammatori presi rispettivamente dagli acidi grassi omega-6 e omega-3. L’uso di oli vegetali ricchi di acidi grassi omega-6 è aumentato esponenzialmente negli ultimi anni, modificando il rapporto di questi grassi da circa 1,5: 1 a circa 16: 1 (omega-6 a omega-3). Questo è sospettato di essere una delle principali ragioni per l’aumento del rischio di malattie cardiache e malattie infiammatorie nei paesi sviluppati. Il motivo è che entrambi i tipi di acidi grassi utilizzano le stesse vie enzimatiche per il loro metabolismo. Gli acidi omega-6 in generale sono metabolizzati in composti infiammatori come le prostaglandine e i leucotrieni, mentre gli acidi omega-3 determinano la sintesi delle prostacicline, che sono generalmente antinfiammatorie nella loro azione.

Benefici nelle malattie cardiovascolari ed immunitarie

Il primo accenno agli effetti benefici degli acidi grassi omega-3 è venuto dall’osservare che gli inuit che consumavano principalmente pesce avevano bassi livelli di colesterolo nel sangue, soprattutto LDL e trigliceridi, che sono considerati marker di rischio di malattia cardiovascolare. Le azioni cardiovascolari degli acidi grassi omega-3 includono: effetti antiaritmici, riduzione del rischio di formazione di coaguli ed embolia, effetti antiaterogeni che riducono le possibilità di placche arteriose, miglioramento della funzione endoteliale; sono stati riportati anche riduzione della pressione arteriosa, dei livelli di trigliceridi e di colesterolo. Molte prove che utilizzano supplementi di olio di pesce hanno mostrato effetti misurabili positivi nel corso di disturbi infiammatori, tra cui un ridotto bisogno di farmaci anti-infiammatori e una progressione più lenta della malattia. Ancora una volta, queste molecole sono di fondamentale importanza nel normale funzionamento delle membrane cellulari, così come nello sviluppo del cervello e di molti organi. Lo sviluppo cognitivo è migliorato in tali neonati, secondo alcuni studi osservazionali. Queste molecole possono anche prevenire il parto pretermine e ridurre il tasso di depressione perinatale. I neonati nati da madri che assumevano integratori di omega-3 avevano una minore incidenza di allergie.

Gli esperti raccomandano un consumo settimanale di circa 250gr di tutti i tipi di pesce, anche se altri scienziati ritengono che 100gr sia un limite più sicuro per prevenire l’esposizione fetale a metalli pesanti (per esempio mercurio). Esperimenti sugli animali e studi di intervento clinico indicano che gli acidi grassi omega-3 hanno proprietà anti-infiammatorie e, quindi, potrebbero essere utili nella gestione delle malattie infiammatorie e autoimmuni. La coronaropatia, la depressione maggiore, l’invecchiamento e il cancro sono caratterizzati da un aumento del livello di IL-1, una citochina infiammatoria. Allo stesso modo, l’artrite reumatoide, il morbo di Crohn, la colite ulcerosa e il lupus eritematoso sono malattie autoimmuni caratterizzate da un alto livello di IL-1 e dal leucotriene LTB4 derivato dagli acidi grassi omega-6. Ci sono stati una serie di studi clinici che valutano i benefici dell’integrazione alimentare con oli di pesce in diverse malattie infiammatorie e autoimmuni negli esseri umani, tra cui l’artrite reumatoide, il morbo di Crohn, la colite ulcerosa, la psoriasi, il lupus eritematoso, la sclerosi multipla e l’emicrania. Molti degli studi sull’olio di pesce controllati con placebo in malattie infiammatorie croniche rivelano un beneficio significativo, tra cui una minore attività della malattia e un uso ridotto di farmaci anti-infiammatori (FANS).

Effetti positivi in gravidanza

I dati derivati da studi osservazionali hanno trovato che il consumo di acidi grassi omega-3 durante la gravidanza o nella dieta o tramite integratori è associato a migliori esiti dello sviluppo neurologico nel bambino. Gli investigatori hanno utilizzato una varietà di test, come le tappe fondamentali dello sviluppo, la risoluzione dei problemi e lo sviluppo del linguaggio, per valutare gli esiti dello sviluppo neurologico tra i bambini le cui madri sono state integrate con olio di pesce rispetto a quelle che non lo erano. Gli acidi grassi omega-3 sembrano essere importanti anche durante l’allattamento. Le donne in allattamento che hanno ricevuto 200 mg di DHA al giorno per 4 mesi hanno avuto bambini che hanno mostrato risultati significativamente migliori nell’indice di sviluppo psicomotorio di Bayley dopo 30 mesi rispetto alle donne che hanno ricevuto un supplemento di olio vegetale. Inoltre, l’integrazione di olio di pesce durante la gravidanza e l’allattamento ha comportato un minor rischio di allergie infantili. Le donne con allergie o quelle con un coniuge o un bambino con allergie sono state randomizzate a 2,7 g di acidi grassi omega-3 o un placebo a partire dalla 25° settimana di gravidanza fino a 3 o 4 mesi di lattazione. Durante i primi 12 mesi, i bambini nati da madri nel gruppo omega-3 avevano ridotto il rischio di sviluppare allergie alimentari e eczema associato ad anticorpi IgE.

Conclusioni

Aumentare l’assunzione di acidi grassi omega-3 dovrebbe sembrare una conclusione scontata in considerazione dei molti effetti benefici. Questo è fattibile in modo economico e naturale con un approccio mirato nell’alimentazione a tavola. Tuttavia, molte prove hanno prodotto risultati contrastanti quando sono stati calcolati i tassi effettivi di incidenza e mortalità della malattia cardiovascolare, portando così a una significativa mancanza di dati concreti sui benefici dell’integrazione di omega-3. L’unico effetto cardioprotettivo provato è quello di prevenire la morte cardiaca improvvisa. D’altra parte, dosi massicce di questi integratori sono associate ad un aumento del tempo di sanguinamento ed eventualmente ad un ictus emorragico in pazienti con vasculopatie. Pertanto, la consulenza medica è mitigata dalla mancanza di prove circa l’effettivo rapporto costo-efficacia dell’aggiunta di questi supplementi alla dieta; e dall’incertezza sul fatto che il consumo di pesce grasso sia collegato a effetti avversi. D’altra parte, esistono alcune prove di esiti positivi sul consumo di pesce, forse a causa dei molti altri elementi benefici presenti nel pesce. Il corso più sicuro sembrerebbe adottare una dieta e uno stile di vita sani, con adeguate porzioni di pesce incluse, piuttosto che dipendere da questi acidi grassi come cura miracolosa o misura preventiva.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Recensioni dedicate

Spector AA, Kim HY. Prostagl Leukot Essent Fatty Acids 2019 Jan; 140:47.

Choi HD, Chae SM. Medicine (Baltimore). 2018 Dec; 97(50):e13593-600.

Abdelhamid AS et al. Cochrane Database Syst Rev. 2018; 11:CD003177.

Cholewski M, Tomczykowa M, Tomczyk M. Nutrients 2018 Nov 4; 10(11).

Latest

Newsletter

Don't miss

Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Digiuno o abbuffata? E’ la stessa proteina nel cervello a dirigere

Gli scienziati dell'Università del Michigan e della Vanderbilt University hanno identificato la funzione di una proteina che ha confuso i ricercatori del metabolismo per...

Alimentazione su base vegetale: per il carico sanitario cardiologico e mentale ma anche per l’ambiente

La maggior parte del colesterolo non è basata sulla dieta: il corpo produce circa l'80% del suo colesterolo e il resto viene ingerito col...

Terapia enzimatica: quando la terapia genica non conviene

La mucopolisaccaridosi di tipo 7 (MPS VII) è una malattia da accumulo lisosomiale causata da carenza di un enzima chiamato beta-glucuronidasi, che causa un...