domenica, Giugno 23, 2024

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Aronia nera: un’erba che con le sue bacche può combattere un’ampio spettro di condizioni di salute

La storia dell’aronia nera in medicina

L’Aronia melanocarpa, colloquialmente nota come aronia nera, è una specie arbustiva ramificata originaria del Nord America orientale. Appartiene alla famiglia delle Rosaceae e si riconosce dalle foglie lucide di colore verde scuro che virano al rosso in autunno. A seguito di indagini sui suoi benefici per la salute, l’aronia nera può ora essere trovata in impianti di coltivazione su larga scala sparsi in Canada, Bulgaria, Ungheria, Repubblica Ceca e Polonia. L’aronia nera è stata tradizionalmente utilizzata per curare il raffreddore nel Nord America ma, a seguito dell’intensificarsi della ricerca clinica, si mostra promettente nel trattamento delle malattie metaboliche (iperlipidemia e iperglicemia), cardiovascolari e cerebrovascolari. Inoltre, alcuni modelli in vitro hanno scoperto che l’aronia nera possiede significativi effetti regolatori sul sistema immunitario, in particolare antinfiammatori e antitumorali.

Componenti funzionali dell’aronia nera

L’attività funzionale rilevante dal punto di vista medico di A. melanocarpa è attribuita principalmente al suo contenuto ricco e diversificato di polifenoli. È noto che l’aronia nera fresca contiene fino a 2994 mg/100 g di questi composti, tra cui flavonoidi e acidi fenolici. I flavonoidi sono ulteriormente suddivisi in flavonoli, antociani e flavonoli. Allo stesso modo, gli acidi fenolici dell’aronia nera includevano acidi clorogenici e caffeici. I polifenoli, in particolare i flavanoli, sono i componenti più ricchi dell’aronia nera. La ricerca ha rivelato che le attività terapeutiche di questa erba possono essere attribuite principalmente alle proprietà antiossidanti dei suoi metaboliti, che rimuovono e neutralizzano i radicali liberi circolanti negli esseri umani, combattendo così uno spettro di malattie croniche.

Attività farmacologiche

È stato clinicamente dimostrato che i polifenoli dell’aronia nera riducono significativamente il contenuto di lipidi nel sangue inibendo l’assorbimento del colesterolo nell’intestino tenue e attenuando l’adipogenesi. Ciò, a sua volta, rende gli integratori di aronia nera efficaci nel controllare l’iperlipidemia e l’obesità e, per estensione, lo sviluppo di malattie cerebrovascolari e cardiovascolari. Gli effetti anti-obesità dell’aronia nera si estendono alla digestione dei grassi, in cui molteplici polifenoli funzionali inibiscono l’attività della lipasi pancreatica, riducendo l’assorbimento dei grassi e l’accumulo di grasso viscerale. Modelli murini in vivo hanno rivelato che anche modificando geneticamente i topi inattivando il loro gene dell’apolipoproteina E, quattro settimane di estratto di aronia nera hanno ridotto significativamente il colesterolo plasmatico, prevenendo o ritardando così l’insorgenza di malattie cardiovascolari e cerebrovascolari.

È incoraggiante che gli estratti di aronia nera abbiano dimostrato di avere un profondo impatto positivo sul microbiota intestinale: molti componenti dell’aronia nera raggiungono il colon dopo l’ingestione. È stato scoperto che questi componenti aumentano la diversità microbica intestinale e riducono il rapporto Firmicutes/Bacteroidetes (rapporto F/B). Dato che il rapporto F/B è stato evidenziato come una caratteristica cruciale dell’obesità, questi cambiamenti, insieme all’aumento dell’abbondanza relativa delle specie benefiche Bacteroides, Prevotella e Akkermansia, hanno dimostrato di ridurre la steatosi epatica e l’obesità e di promuovere la dislipidemia nei modelli murini. L’aronia nera si è inoltre rivelata utile negli interventi contro l’ipertensione. L’ipertensione è una condizione cardiovascolare complessa derivante dall’interazione di numerosi fattori genetici e ambientali.

La ricerca ha scoperto che gli estratti di aronia nera (contenenti sia polifenoli che non polifenoli) possono ridurre sostanzialmente la pressione arteriosa attraverso l’influenza delle cianidine (sottotipo di antociani) e dell’acido clorogenico. Quattro settimane di assunzione di aronia nera sono state sufficienti per stabilizzare la pressione sanguigna sistolica e diastolica nei ratti spontaneamente ipertesi. Le analisi dei volumi giornalieri di urina di questi ratti hanno rivelato che i ratti che consumavano estratti di aronia nera urinavano più frequentemente e in quantità maggiori rispetto alle loro controparti di controllo, suggerendo che le bacche di aronia nera possono esercitare un’influenza diuretica. Le proprietà antiossidanti di questa erba possono ridurre ulteriormente l’ipertensione rimuovendo i radicali liberi dannosi per gli organi dai corpi umani, riducendo la perossidazione lipidica, la disfunzione vascolare e lo stress ossidativo nel sangue.

È stato anche dimostrato che l’aronia nera ha netti benefici anti-iperglicemici e antinfiammatori. I polifenoli contenuti in queste erbe, in particolare gli acidi clorogenici e le cianidine, mostrano una potente inibizione dell’attività dell’α-amilasi, potendo influenzare quindi direttamente l’assorbimento intestinale del glucosio. Separatamente, è stato scoperto che gli antociani presenti nell’aronia nera inibiscono l’espressione di geni metabolici (ad es., la resistenza all’insulina), promuovendo l’abbassamento della glicemia. Mentre l’alto contenuto di tannini dell’aronia nera cruda ne impedisce un’assunzione eccessiva (si traduce in lievi effetti collaterali tra cui la diarrea), la ricerca ha rivelato che l’uso di questa erba e dei suoi estratti come alimento terapeutico ausiliario a dose controllata potrebbe avere benefici significativi per il metabolismo energetico umano. pressione sanguigna e attività immunitaria.

Sfortunatamente, la maggior parte degli studi sull’aronia nera sono condotti in vitro. Sebbene esistano studi in vivo, questi vengono condotti prevalentemente su modelli murini o altri animali, con dati limitati disponibili da studi clinici sull’uomo. Tuttavia, i risultati della ricerca in vitro e in vivo sui topi hanno classificato quest’erba come un tesoro di componenti funzionali importanti dal punto di vista medico.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Gao N et al. Food Sci Hum Wellness 2024; 13(3):1152-67.

Olechno E, Puścion JA et al. Nutrients. 2022; 14(13):2688.

Kasprzak-Drozd K et al. Int J Mol Sci. 2021 Jun; 22(12):6541.

Sidor A, Gramza-Michałowska A. Molecules. 2019; 24(20):3710.

Jurikova T, Mlcek J et al. Molecules. 2017 Jun 7; 22(6):944.

Latest

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Newsletter

Don't miss

Gli effetti dello zucchero sulla salute pubblica: diabete, malattia cardiache ed ora anche renali

Eccesso di zuccheri e salute pubblica Le malattie non trasmissibili...

La prima dimostrazione che PARP1 modifica anche il DNA: salta il dogma resistito per sessant’anni

Il compito dell'enzima PARP1 è la sorveglianza del genoma:...

Hormones, genetics and food choices: the complex yet easy picture behind acne

On the origins of acne Acne vulgaris is a chronic...

Gli acidi cheto-insaturi prodotti dal microbiota: i regolatori poco noti dell’immunità corporea

Il microbiota intestinale svolge un ruolo chiave nella digestione...
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Dott. Gianfrancesco Cormaci
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998, specialista in Biochimica Clinica dal 2002, ha conseguito dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ex-ricercatore, ha trascorso 5 anni negli USA alle dipendenze dell' NIH/NIDA e poi della Johns Hopkins University. Guardia medica presso la casa di Cura Sant'Agata a Catania. In libera professione, si occupa di Medicina Preventiva personalizzata e intolleranze alimentari. Detentore di un brevetto per la fabbricazione di sfarinati gluten-free a partire da regolare farina di grano. Responsabile della sezione R&D della CoFood s.r.l. per la ricerca e sviluppo di nuovi prodotti alimentari, inclusi quelli a fini medici speciali.

Parassiti per uccidere il cancro: quando si dice “arma non convenzionale”

Nella storia dell’oncologia la lotta ai tumori non si è svolta unicamente attraverso la chemioterapia. Ci sono stati tentativi di usare virus definiti “oncolitici”...

ADHD: finally two potential risk genes shift the scale needle

ADHD, or attention deficit and hyperactivity disorder, is a common neurodevelopmental disorder with manifestation usually occurring in childhood. According to various sources, this condition...

Sclerosi multipla: il danno si fa a tavola? “La verità è salata”

La sclerosi multipla (SM) è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario distrugge il rivestimento protettivo attorno ai neuroni chiamati mielina. Questa malattia...

Questo si chiuderà in 20 secondi