Dieta gluten-free: non è una buona fonte di fibre alimentari

Dieta gluten-free: non è una buona fonte di fibre alimentari

Un numero crescente di persone sceglie una dieta a basso contenuto di glutine, anche se non sono allergici alla sostanza alimentare. Questa tendenza ha scatenato il dibattito pubblico sul fatto che le diete a basso contenuto di glutine siano raccomandabili per le persone senza allergie. Ora, i ricercatori dell’Università di Copenaghen, tra gli altri, hanno esaminato proprio questo. In uno studio di intervento di adulti danesi sani, riportato in Nature Communications, un team internazionale di scienziati mostra che una dieta povera di glutine ma ricca di fibre cambia la comunità dei batteri intestinali e diminuisce il disagio gastrointestinale come il gonfiore ed è legata a un peso modesto perdita. I cambiamenti nel comfort intestinale e nel peso corporeo riguardano i cambiamenti nella composizione e nella funzione dei batteri intestinali. I ricercatori hanno intrapreso uno studio randomizzato, controllato, cross-over che ha coinvolto 60 adulti danesi sani di mezza età con due interventi di otto settimane che hanno confrontato una dieta a basso contenuto di glutine (2 g di glutine al giorno) e una dieta ad alto contenuto di glutine (18 g di glutine al giorno), separati da un periodo di washout di almeno sei settimane con una dieta abituale (12 g di glutine al giorno). Le due diete erano bilanciate in numero di calorie e nutrienti, inclusa la stessa quantità di fibre alimentari.

Tuttavia, la composizione delle fibre differiva marcatamente tra le due diete. Sulla base delle loro osservazioni sui modelli di fermentazione alimentare alterati dei batteri intestinali, i ricercatori concludono che gli effetti della dieta a basso contenuto di glutine nelle persone sane potrebbero non essere dovuti principalmente alla riduzione del consumo di glutine stesso, ma piuttosto a un cambiamento nella composizione delle fibre alimentari riducendo fibre di frumento e segale e sostituendole con fibre di vegetali, riso integrale, mais, avena e quinoa. Una dieta a basso contenuto di glutine è stata precedentemente proposta per diminuire i sintomi gastrointestinali in pazienti con malattie infiammatorie intestinali e sindrome dell’intestino irritabile, disturbi che si verificano in circa il 20% della popolazione generale occidentale. Il presente studio suggerisce che anche alcuni individui sani possono preferire una dieta a basso contenuto di glutine per combattere il disagio intestinale o l’eccesso di peso corporeo. Lo studio dimostra che, in confronto con una dieta ad alto contenuto di glutine, una dieta povera di glutine a basso contenuto di glutine induce cambiamenti nella struttura e nella funzione del complesso ecosistema intestinale dei batteri, riduce l’espirazione di idrogeno e porta a miglioramenti nel gonfiore auto-segnalato.

“Inoltre, abbiamo osservato una modesta perdita di peso, probabilmente a causa dell’aumentata combustione del corpo innescata dalle alterate funzioni batteriche dell’intestino”, spiega il principale ricercatore dello studio, il professor Oluf Pedersen, Centro di Ricerca sul Metabolismo basale della Novo Nordisk presso l’Università di Copenaghen. “Sono necessari sicuramente altri studi a lungo termine prima di poter dare consigli sulla salute pubblica alla popolazione generale. Soprattutto perché troviamo le fibre alimentari – non l’assenza di glutine da soli – come la causa principale dei cambiamenti nel disagio intestinale e nel peso corporeo. Ormai pensiamo che il nostro studio sia un campanello d’allarme per l’industria alimentare. Gluten-free potrebbe non essere necessariamente la scelta salutare che molte persone pensano che sia. La maggior parte degli alimenti senza glutine disponibili sul mercato oggi sono pesantemente privati delle fibre alimentari e degli ingredienti nutrizionali naturali. Pertanto, vi è un’evidente necessità di disponibilità di alimenti senza glutine ricchi di fibre e di alta qualità nutrizionalmente di alta qualità, freschi o minimamente lavorati per i consumatori che preferiscono una dieta a basso contenuto di glutine. Tali iniziative possono rivelarsi fondamentali per alleviare il disagio gastro-intestinale e per contribuire a facilitare il controllo del peso nella popolazione generale attraverso la modificazione del microbiota intestinale”.

  • A cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Haupt-Jorgensen M, Holm LJ et al. Nutrients. 2018 Nov 13;10(11).

Jamieson JA, Weir M, Gougeon L. PeerJ. 2018 Nov 6; 6:e5875.

Cornicelli M, Saba M, Machello N et al. Dig Liver Dis. 2018 May 8.

Laleg K, Cassan D et al. PLoS One. 2016 Sep 7; 11(9):e0160721.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it