Donna grassa, uomo dolce: l’esercizio influenza il gusto

 1
170153808

L’esercizio fisico regolare e una dieta salutare sono la chiave per mantenere una buona salute. Ora, un nuovo studio fa luce su come la prima influenza il secondo, dopo aver scoperto che l’attività fisica potrebbe alterare le preferenze dietetiche degli uomini. Le preferenze dietetiche delle donne, tuttavia, rischiano di non essere influenzate dall’esercizio, secondo i risultati. La coautrice dello studio Jenna Lee e colleghi dell’Università del Missouri in Colombia, hanno appena riportato i loro risultati sulla rivista Behavioral Brain Research. Gli effetti dell’esercizio sulla dieta sono stati a lungo di interesse per i ricercatori, e studi precedenti hanno indicato che l’attività fisica può incoraggiarci a fare scelte alimentari più salutari. Ma Lee e il team osservano che pochi di questi studi hanno studiato come gli effetti dietetici dell’attività fisica possano differire in base al sesso.

“Il nostro team voleva fare ogni sforzo per studiare le prospettive femminili su come l’esercizio influisce sulla dieta, perché molti altri studi trascurano le donne”, dice la dottoressa Lee. “Volevamo dare un’occhiata a ciò che guida la preferenza dietetica e se i fattori ambientali, come l’attività fisica, giocano un ruolo nel modo in cui i maschi e le femmine mangiano”. Per raggiungere i risultati, il team ha studiato ratti maschi e femmine dividendoli in due gruppi di sesso misto: un gruppo aveva accesso a una ruota da corsa (il gruppo di esercizi), mentre l’altro no (il gruppo sedentario). Per la prima settimana di studio, entrambi i gruppi hanno mangiato le stesse diete standard. Alla settimana 2, la dieta standard è stata sostituita da una scelta di tre diete: una dieta ricca di grassi, una dieta ricca di saccarosio e una dieta ricca di amido di mais.

Tutte le diete contenevano la stessa quantità di proteine ​​e i ratti avevano accesso costante alla propria dieta per un totale di 4 settimane. I ricercatori hanno scoperto che sia i ratti maschi, che quelli femmine che erano sedentari hanno mostrato una preferenza per le diete ad alto contenuto di grassi, rispetto alle diete saccarosio e ad alto contenuto di amido. È interessante notare che, nel gruppo di esercizi, la squadra ha scoperto che i ratti maschi hanno dimostrato un cambiamento nelle diete, mentre i ratti femmine no. Durante l’esercizio di ratti femmine hanno continuato a optare per la dieta ad alto contenuto di grassi rispetto alle altre due diete, l’esercizio di ratti maschi ha ridotto l’assunzione di una dieta ricca di grassi e aumentato l’assunzione di diete ad alto contenuto di amido e zuccheri..

Sulla valutazione dei campioni fecali di ciascun gruppo prima e dopo il periodo di preferenza dietetica di 4 settimane, i ricercatori hanno identificato differenze nel microbiota intestinale tra ratti maschi e femmine nel gruppo di esercizio. Ciò indica che i microbi intestinali possono giocare un ruolo nelle risposte dietetiche dipendenti dal sesso all’esercizio fisico. Inoltre, analizzando il cervello dei roditori nel gruppo di esercizi, il team ha scoperto differenze nell’espressione dell’mRNA di recettori oppioidi (quelli per la morfina) correlata alla ricompensa tra ratti maschi e femmine. Considerando che le femmine dimostrano livelli più alti di segnalazione della ricompensa nel cervello, questo potrebbe forse spiegare la soglia più alta o la capacità di ricompensa. La dottoressa Lee aggiunge che la corsa può soddisfare la fame nei maschi, ma non nelle femmine, il che può incoraggiare le femmine a optare per cibi ricchi di grassi. 

I ricercatori ritengono che nel complesso i loro risultati indicano che le preferenze alimentari di maschi e femmine differiscono in gran parte in risposta all’esercizio fisico. Le differenze significative di sesso in risposta all’attività fisica osservate dagli scienziati, attraverso misure sia comportamentali che fisiologiche, suggeriscono una potenziale differenza motivazionale o metabolica tra maschi e femmine.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Letteratura correlata

Lee JR et al. Behav Brain Res. 2017 Sep 15;334:16-25.

Weickert MO, Pfeiffer AFH. J Nutr. 2018 Jan 1;148(1):7-12.

Colbey C et al. Sports Med. 2018 Mar; 48(Suppl 1):65-77.

Chen J et al. Lipids Health Dis. 2018 Jan 22;17(1):17.

Allen JM et al. Med Sci Sports Exerc. 2017 Nov 20.

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 967 Articoli
Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998. Specialista in Biochimica Clinica nel 2002. Dottorato in Neurobiologia nel 2006. Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hiopkins University, dal 2004 al 2008. Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata. Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sul sito salutesicilia.com.