Endorfine: cosa sono, quando servono, come lavorano

Endorfine: cosa sono, quando servono, come lavorano

Le endorfine sono sostanze chimiche prodotte dall’organismo per alleviare lo stress e il dolore. Funzionano in modo simile a una classe di farmaci chiamati oppioidi. Gli oppioidi alleviano il dolore e possono produrre una sensazione di euforia. A volte vengono prescritti per l’uso a breve termine dopo l’intervento chirurgico o per alleviare il dolore. Negli anni Ottanta, gli scienziati stavano studiando come e perché funzionavano gli oppioidi. Hanno scoperto che il corpo ha speciali recettori che si legano agli oppioidi per bloccare i segnali del dolore. Gli scienziati hanno poi capito che alcune sostanze chimiche nel corpo agivano in modo simile ai farmaci oppioidi naturali, legandosi a questi stessi recettori. Queste sostanze chimiche erano endorfine. Il nome endorphin deriva dalle parole “endogeno”, che significa “dal corpo” e “morfina”, che è un analgesico oppioide. Alcuni dei più comuni farmaci oppiacei includono: codeina, morfina, ossicodone e fentanil. Le endorfine naturali funzionano in modo simile agli analgesici oppioidi, ma i loro risultati potrebbero non essere così drammatici. Tuttavia, le endorfine possono produrre un picco che sia sano e sicuro, senza il rischio di dipendenza e overdose. Le endorfine vengono prodotte principalmente nell’ipotalamo e nelle ghiandole pituitarie, sebbene possano provenire anche da altre parti del corpo. Il noto “high runner” che si prova dopo un lungo e vigoroso esercizio, è dovuto ad un aumento dei livelli di endorfine. Il livello di endorfine nel corpo umano varia da persona a persona. Le persone che hanno bassi livelli possono essere più probabilità di avere la depressione o la fibromialgia, ma sono necessarie ulteriori ricerche in questo settore.

Le seguenti attività mostrano promesse come modi per aumentare naturalmente le endorfine. Tuttavia, i livelli di endorfina variano a seconda degli individui, quindi anche i risultati varieranno.

Esercizio fisico

Per anni, i ricercatori sospettarono che le endorfine causassero il cosiddetto “high runner”, una sensazione di euforia che si verifica dopo un’attività fisica lunga e vigorosa. I ricercatori hanno utilizzato la tomografia a emissione di positroni (PET) per visualizzare il cervello degli atleti sia prima che dopo l’esercizio. Hanno trovato un aumento nel rilascio di endorfine dopo l’esercizio. Poiché l’esercizio fisico aumenta l’umore e aumenta le endorfine, alcuni medici prescrivono un regolare esercizio fisico come trattamento per la depressione e l’ansia da lieve a moderata. L’esercizio può essere usato tranquillamente in combinazione con altri trattamenti, come farmaci o terapia, e può anche essere usato da solo. Uno studio afferma che l’esercizio fisico può migliorare alcuni sintomi della depressione, in modo simile agli antidepressivi. Inoltre, l’intensità dell’esercizio stesso potrebbe influenzare la quantità di endorfine rilasciate dal cervello. I ricercatori hanno scoperto che gli adulti che si sono impegnati in un’ora di allenamento ad intervallo ad alta intensità (HIIT), hanno registrato un aumento significativo del rilascio di endorfina rispetto a quelli che si sono impegnati in un’ora di attività fisica meno impegnativa. L’esercizio HIIT ha portato ad un aumento significativo del rilascio di endorfine negli uomini. Ciò si è verificato in aree del cervello associate a dolore, ricompensa ed emozione, tra cui il talamo, l’insula, la corteccia orbitofrontale, l’ippocampo e la corteccia cingolata anteriore.

Donare e assistere

Il volontariato, la donazione e l’assistenza agli altri possono anche far sentire bene una persona. I ricercatori del National Institutes of Health hanno scoperto che le persone che davano soldi a un’organizzazione benefica attivavano centri di piacere nel loro cervello. Questo può portare a livelli di endorfina più elevati.

Yoga e meditazione

La meditazione e lo yoga sono noti per i loro effetti stressanti e rilassanti. Questo potrebbe essere parzialmente dovuto a una liberazione di endorfina. Alcune ricerche suggeriscono che lo yoga e la meditazione possono ridurre i marcatori di stress e aumentare le endorfine.

Cibi piccanti

Le persone che amano i cibi piccanti possono scoprire che possono ottenere un ulteriore impulso dai loro piatti preferiti. Alcune ricerche suggeriscono che i componenti piccanti nei peperoncini piccanti e cibi simili, possono innescare una sensazione di dolore in bocca, che provoca un aumento di endorfine.

Cioccolato fondente

La ricerca del 2013 suggerisce che il consumo di cioccolato fondente potrebbe aumentare i livelli di endorfina. Il cacao in polvere e il cioccolato contengono sostanze chimiche chiamate flavonoidi ed anandamidi che sembrano essere benefiche per il cervello. Una recensione del 2017 ha scoperto che mangiare cioccolato può aiutare ad aumentare le endorfine. Tuttavia, molti prodotti a base di cioccolato commerciale contengono solo piccole quantità di cacao reale e spesso contengono quantità abbondanti di zuccheri aggiunti e grassi. Le persone che cercano di usare la cioccolata per migliorare i livelli di endorfina e l’umore, dovrebbero cercare prodotti che contengono almeno il 70% di cacao e mangiare il cioccolato con moderazione a causa del suo alto contenuto calorico e grasso.

Ridere

Sono state fatte molte ricerche sui benefici per la salute delle risate e gli studi suggeriscono che la risata aumenta le endorfine. Uno studio del 2017 ha scoperto che la risata sociale rilascia endorfine nel cervello. I ricercatori hanno scoperto che le condizioni sociali della risata hanno portato ad un aumento significativo del rilascio di endorfine nel talamo, nel nucleo caudato e nelle regioni dell’insula anteriore del cervello. Queste sono regioni cerebrali che svolgono un ruolo nell’eccitazione e nella consapevolezza emotiva. I ricercatori hanno recentemente riportato i loro risultati su The Journal of Neuroscience.

Endorfine e condizioni di salute

Quando i livelli di endorfina sono troppo bassi, la salute di una persona può essere influenzata negativamente. La ricerca sul legame tra endorfine e condizioni di salute è in corso. Alcuni studi hanno mostrato un possibile collegamento tra i seguenti problemi di salute e bassi livelli di endorfina.

Depressione

Senza abbastanza endorfine, una persona potrebbe avere maggiori probabilità di avere depressione. Un articolo sull’American Journal of Psychiatry discute l’uso di lunga data dei trattamenti oppioidi per la depressione, in particolare nei casi in cui altri trattamenti non hanno funzionato. Un altro articolo suggerisce che livelli di endorfina più alti hanno un effetto sui sintomi della depressione a causa della loro associazione con la ricompensa.

Fibromialgia

I sintomi comuni della fibromialgia includono: dolore a lungo termine in tutto il corpo, affaticamento e bassa energia, rigidità muscolare e problemi di sonno. Le persone con fibromialgia possono avere livelli di endorfina inferiori al normale. Uno studio ha trovato che le persone con fibromialgia avevano livelli più bassi di endorfine rispetto a quelli senza la condizione. Hanno misurato endorfine sia prima che dopo l’esercizio. Un altro studio ha rilevato che gli aumenti delle endorfine del corpo sono correlati con il sollievo dal dolore nelle persone con fibromialgia. Le persone con fibromialgia possono essere consigliate di fare determinate attività per aumentare le endorfine, come l’esercizio fisico, la socializzazione e attività di alleviamento dello stress, come lo yoga. Possono anche essere prescritti farmaci per aiutare con i sintomi.

Mal di testa cronici

Una possibile causa di mal di testa in corso è anormale livelli di endorfina. Alcune ricerche suggeriscono che lo stesso squilibrio di endorfina che contribuisce alla depressione è presente anche nelle persone con cefalea cronica.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, Medico specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Dunbar RIM. Trends Cogn Sci. 2018 Jan;22(1):32-51.

Mikkelsen K et al. Maturitas. 2017 Dec;106:48-56. 

Kang J, Scholp A, Jiang JJ. J Voice. 2017 Aug 18. 

Yim J. Tohoku J Exp Med. 2016 Jul; 239(3):243-49. 

Smyth DG. J Mol Endocrinol. 2016 May;56(4):T13-25.

Veening JG et al. Fluids Barriers CNS. 2015 Jan 29;12:3.

Pomorska DK et al. Mini Rev Med Chem. 2014;14(14):1148-55. 

Tarr B, Launay J, Dunbar RI. Front Psychol. 2014 Sep 30;5:1096. 

Jindal V, Gupta S, Das R. Mol Neurobiol. 2013 Dec; 48(3):808-11. 

Informazioni su Dott. Gianfrancesco Cormaci 1111 Articoli
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry specialty in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Detentore di un brevetto sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of a patent concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica, salute e benessere sui siti web salutesicilia.com e medicomunicare.it