HomeBENESSERE & SALUTEMannosio: lo zucchero che cambia l'intestino e di seguito il peso

Mannosio: lo zucchero che cambia l’intestino e di seguito il peso

Sempre più studi stanno svelando la relazione multi-livello tra il nostro microbiota intestinale e l’aumento di peso. Il grasso della pancia – il tipo di grasso più dannoso – in particolare è noto per essere guidato dai nostri batteri intestinali, ma il cibo che mangiamo, questo studio suggerisce, gioca un ruolo più importante in questi processi intestinali che regolano il peso rispetto ai geni. Una nuova ricerca apporta ulteriori sfumature a quest’ultima idea. In particolare, un nuovo studio esamina come l’assunzione di mannosio, un tipo di zucchero, colpisce i batteri intestinali e l’aumento di peso nei topi. Hudson Freeze, PhD, direttore del Human Genetics Program presso il Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute di San Diego, California, ha condotto la nuova ricerca che è stata pubblicata sulla rivista Cell Reports. Quando pensiamo allo zucchero, pensiamo principalmente al glucosio o al saccarosio, lo zucchero da tavola. Tuttavia, mannosio è anche un tipo di zucchero con una vasta gamma di applicazioni ed effetti. È usato come trattamento per il disturbo congenito della glicosilazione (CDG) e per alcune infezioni batteriche (cistite). Il Prof. Freeze e colleghi hanno osservato gli effetti del mannosio sull’aumento di peso mentre stavano studiando i suoi effetti terapeutici sul CDG. Quindi, il team ha deciso di indagare ulteriormente sugli effetti del mannosio.

Quindi, i ricercatori hanno progettato un “modello murino di obesità indotta dalla dieta”. Hanno assegnato in modo casuale topi di 3 e 8 settimane a uno dei seguenti:

  • un gruppo che è stato alimentato con una dieta ricca di grassi senza mannosio
  • un gruppo che è stato alimentato con una dieta ricca di grassi con mannosio
  • un gruppo che è stato tenuto su una dieta normale senza mannosio
  • un gruppo che è stato tenuto su una dieta normale con mannosio

Il Prof. Freeze e colleghi hanno analizzato il microbiota intestinale dei topi, esaminando il rapporto Bacteroidetes/Firmicutes, una misura della diversità di microbiota che è stata associata al fenotipo magro. Hanno anche preso le misure del peso corporeo dei topi e dei livelli di zucchero nel sangue (glicemia), così come i livelli di grasso monitorati nei fegati dei roditori e la loro idoneità complessiva. Lo studio ha rivelato che i topi alimentati con una dieta ad alto contenuto di grassi più mannosio erano più magri, avevano meno grasso nei loro fegato, erano più tolleranti al glucosio e avevano livelli di allenamento complessivamente più alti rispetto ai topi che avevano una dieta grassa senza mannosio. Come spiegano i ricercatori, l’intolleranza al glucosio, insieme alla resistenza all’insulina, sono comunemente associati a diete ricche di grassi. Questi benefici si sono riflessi nella composizione batterica intestinale dei topi che hanno ricevuto mannosio.

In effetti, la diversità del microbiota intestinale in questi topi assomigliava a quella dei roditori magri che avevano seguito una dieta normale. Inoltre, gli scienziati hanno tolto mannosio dalla dieta ricca di grassi dei roditori e li hanno riesaminati. I topi poi riguadagnarono peso e la loro composizione batterica tornò a somigliare a quella di roditori obesi che non avevano ricevuto mannosio. Le analisi dei batteri intestinali hanno anche scoperto che i topi che consumavano mannosio, metabolizzavano i carboidrati in modo meno efficiente rispetto a quelli che non lo avevano fatto, e avevano anche un maggiore contenuto energetico nelle loro feci. Questo suggerisce che hanno assorbito meno calorie rispetto ai roditori senza mannosio. Questi benefici riguardavano significativamente solo i topi più giovani, mentre i topi di 8 settimane non hanno beneficiato del supplemento di zucchero. “Il microbiota dell’intestino è molto dinamico nelle prime fasi della vita”, spiega l’autore dello studio Vandana Sharma, PhD “Questi risultati confermano ulteriormente l’importante ruolo del microbiota intestinale nel metabolismo. Il microbiota spiega in parte gli effetti benefici del mannosio, ma come colpisce esattamente il metabolismo del corpo rimane un mistero. L’obesità e le malattie correlate, come la steatoepatite non alcolica (NASH), sono in aumento e gli scienziati sono alla ricerca di nuove terapie, in particolare per le persone che non sono in grado di fare esercizio fisico. Una migliore comprensione degli effetti del mannosio sul microbiota intestinale può portare a nuove terapie per il trattamento dell’obesità“.

  • a cura del Dr. Gianfrancesco Cormaci, PhD, specialista in Biochimica Clinica.

Pubblicazioni scientifiche

Sharma V et al. Cell Rep. 2018 Sep 18; 24(12):3087-3098.

Sharma V et al. Biochem Biophys Res Comm. 2014;453(2):220.

Chu J, Mir A et al. Dis Model Mech. 2013 Jan; 6(1):95-105.

Sharma V et al. J Biol Chem. 2011 Nov; 286(45):39431-38.

Dott. Gianfrancesco Cormaci
- Laurea in Medicina e Chirurgia nel 1998 (MD Degree in 1998) - Specialista in Biochimica Clinica nel 2002 (Clinical Biochemistry residency in 2002) - Dottorato in Neurobiologia nel 2006 (Neurobiology PhD in 2006) - Ha soggiornato negli Stati Uniti, Baltimora (MD) come ricercatore alle dipendenze del National Institute on Drug Abuse (NIDA/NIH) e poi alla Johns Hopkins University, dal 2004 al 2008. - Dal 2009 si occupa di Medicina personalizzata. - Guardia medica presso strutture private dal 2010 - Detentore di due brevetti sulla preparazione di prodotti gluten-free a partire da regolare farina di frumento immunologicamente neutralizzata (owner of patents concerning the production of bakery gluten-free products, starting from regular wheat flour). - Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo per la società CoFood s.r.l. (leader of the R&D for the partnership CoFood s.r.l.) - Autore di un libro riguardante la salute e l'alimentazione, con approfondimenti su come questa condizioni tutti i sistemi corporei. - Autore di articoli su informazione medica e salute sui siti web salutesicilia.com, medicomunicare.it e in lingua inglese sul sito www.medicomunicare.com
- Advertisment -
spot_img
spot_img

ARTICOLI PIU' LETTI